Facebook compra Oculus: che significa?

7 anni fa

4 minuti

oculus-facebook

La news è di questa notte e oggi sono tutti intenti a farsi la stessa domanda: che se ne fa Facebook di Oculus, l’azienda che produce gli occhialoni per realtà virtuale Rift?

Ieri sera come al solito prima di andare a dormire mi sfoglio le ultime news e una in particolare mi fa saltare nel letto.

 

 

I primi commenti sulla rete sono quelli che ci si aspetta dopo un’acquisizione da parte di Facebook ultimamente.

:iani_trancecat:

“Progetto rovinato”, “bella merda”, “metteranno la pubblicità anche qui” e via di sfoghi da hater, attività in gran voga ultimamente, soprattutto verso Facebook e Apple.

Ora, sorvolando su tutta la merda gratuita che gira su internet e che ha lo stesso valore di una banconota da 6000 lire, la vera domanda è appunto:

Cosa se ne fa Facebook di Oculus?

La risposta è semplice quanto ambiziosa ed è contenuta anche nella dichiarazione di Zuckerberg dopo l’acquisizione:

We […] want to start focusing on building the next major computing platform that will come after mobile.

e ancora:

Today’s acquisition is a long-term bet on the future of computing. I believe Oculus can be one of the platforms of the future.

E se non bastasse, ecco cosa dice Chris Dixon di Andreessen Horowitz, uno degli investitori di Oculus che ha seguito l’acquisizione da parte di Facebook:

The way to understand this purchase is to think of Google buying Android in 2005. That confused a lot of people at the time. Facebook believes that virtual reality will become the next major platform, the same way mobile computing did, and they want to make sure they have a big stake in that.

Insomma, per Facebook e Oculus la realtà virtuale sarà una delle grandi piattaforme del futuro e, chiaramente, vogliono essere presenti quando esploderà e diventerà appetibile per il mercato consumer e, di conseguenza, per la pubblicità e la monetizzazione dei suoi utilizzatori.

 

 

Non ci vuole un grande genio per vederci grandi potenzialità.

Ho provato il primo prototipo del Rift, ce lo abbiamo in studio, e, sinceramente, non mi ha colpito molto. Soffre di tutti i difetti di un prodotto appena nato e immaturo. Lag, poca definizione, scomodità, pochissime applicazioni reali.

Ma non ci vuole un grande genio per vederci grandi potenzialità: la realtà virtuale l’abbiamo sognata negli anni novanta e potremo forse averla sul serio nel prossimo decennio se l’evoluzione tecnologica continua al passo attuale.

 

Di sicuro una cosa questa acquisizione di Facebook l’ha già fatta: dare la definitiva credibilità ad un settore, quello della realtà virtuale, che è stato fino ad oggi solo una idea promettente su cui fare ricerca e sviluppo e tirare fuori semi prototipi buoni per far parlare un po’ la stampa mondiale e poco più.

 

sony-morpheus-gdc_original

 

Sony aveva già dato questo mese un’altra spinta di credibilità al settore presentando il suo Project Morpheus, il suo visore per VR attualmente in fase di prototipo (appunto), ma ancora non si erano visti movimenti tali da trasformare una buona idea in un’idea in cui investire miliardi di dollari.

Prima di arrivarci passeranno ancora molti anni.

Facebook vuole essere presente in forze quando (e se) la realtà virtuale diventerà davvero una piattaforma consumer in cui fare nuove esperienze e monetizzare fino all’ultimo centesimo di ogni babbano la fuori, ma prima di arrivarci passeranno ancora molti anni.

 

lawnmowerman

 

I prototipi attuali già fanno fatica a ingannare l’occhio decentemente

I prototipi attuali già fanno fatica a ingannare l’occhio decentemente: le immagini sono poco definite per via della potenza attuale dei computer medi (ricordiamoci che si tratta di mostrare non una, ma due immagini ad alta risoluzione e altissimo FPS) e hanno un fastidiosissimo lag dovuto alle tecnologie di tracking ancora assolutamente insufficienti.

Per arrivare ad una vera VR si dovrà trovare il modo di ingannare perfettamente l’occhio e, soprattutto, di arrivare anche agli altri sensi: missione per ora a cui sono arrivati in maniera soddisfacente solo i romanzi di fantascienza.

Credibilità ad un settore che fino ad oggi ne aveva pochina.

Invece di tirare merda come al solito su Zuckerberg dovremmo oggi ringraziarlo di aver dato credibilità ad un settore che fino ad oggi ne aveva pochina, piantando un seme che farà senz’altro nascere altre aziende, porterà altri investimenti e, se la tecnologia si dimostrerà davvero capace di fare la differenza, ci farà realizzare i nostri sogni di bambini, portandoci speriamo tra un po’ di anni a passare per davvero le serate in altri mondi.

Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
Facebook ha investito 23 milioni per la sicurezza di Zuckerberg
IgNobel 2020: ecco tutti i vincitori del premio dedicato alle ricerche più assurde dell'anno
IgNobel 2020: ecco tutti i vincitori del premio dedicato alle ricerche più assurde dell'anno
L'Isola delle Bambole Impiccate
L'Isola delle Bambole Impiccate
Nuovo Coronavirus: il focolaio di Pechino è un nuovo virus?
Nuovo Coronavirus: il focolaio di Pechino è un nuovo virus?
Mobilità sostenibile: la bicicletta sarà il nostro futuro?
Mobilità sostenibile: la bicicletta sarà il nostro futuro?
Siamo nella merda
Siamo nella merda
Coronavirus: ecco le peggiori bufale in circolazione
Coronavirus: ecco le peggiori bufale in circolazione