Parliamo di Manga #LegaNerd

In questo articolo ho intenzione di soffermarmi principalmente sui manga, per poi dare un’anticipazione sui due articoli successivi, ma adesso ciancio alle bande e iniziamo a parlare dei vari generi del manga (Lo so che ne parla già quella sapiente enciclopedia a cui tutti ricorrete per colmare le lacune, ma vorrei dare un parere personale su ogni genere o quasi, quindi non stupitevi se l’articolo dovesse risultare molto informale.)

I generi che più seguo e mi stanno a cuore sono sicuramente lo Shonen e il Seinen, per citare alcuni esempi della prima categoria, potremmo di certo nominare i classici Naruto, Dragon ball e One Piece (Forse il più riuscito), giusto per non divagare nei vari Cavalieri dello zodiaco, Toriko, Bleach e altri che nemmeno mi vengono in mente al momento. Sugli Shonen le cose da dire sono parecchie, ma per non affaticare i vostri stanchi occhietti, vedrò di sintetizzare abbastanza.

Manga Shonen


Nella maggior parte dei casi, il protagonista di uno Shonen è un ragazzino appena entrato nella fase adolescenziale, o addirittura un bambino.
Lo Shonen è di sicuro il genere più spensierato del manga, adatto ad un pubblico che va dai 13 ai 20-25 anni solitamente. Nella maggior parte dei casi, il protagonista di uno Shonen è un ragazzino appena entrato nella fase adolescenziale, o addirittura un bambino. Quello che accomuna i protagonisti di uno shonen è sicuramente il desiderio di far avverare il loro sogno nel cassetto (Che di solito non riesce ad essere raggiunto prima delle millemila puntate o trentordicento capitoli, mannaggia a loro!)

Un’altra caratteristica da non sottovalutare di uno Shonen, sono di sicuro i personaggi secondari, i coprotagonisti e tutti i personaggi di margine, infatti, sempre più spesso nelle saghe manga, i personaggi che fino a poco prima si pensava fossero secondari, assumono dei ruoli sempre più da protagonisti nella storia (Basti pensare alla ciurma di Rufy in One Piece, perfino Usop diventa importante).

Si arriva al succo dello Shonen, difatti i profani di manga a questo punto (mi auguro) si stiano chiedendo “Ma questi Shonen, di che quarzo parlano?” Beh, caro amico mio, fondamentalmente di un quarzo! Difatti la trama Shonen è più o meno paragonabile ai fili degli auricolari per iPod e mp4: Sempre più ingarbugliata e sempre più difficile da sbrogliare, ma non essendo una trama particolarmente accattivante e spesso prevedibile (In questo caso prendo Naruto come esempio, non One Piece, chiedetevi il perché!) non viene nemmeno la voglia di sbrogliarla e si resta lì, concentrandosi più sulle mazzate che i protagonisti danno ai cattivoni di turno, riuscendo fondamentalmente a spuntarla con la classica botta di culo dovuta a una forza mistica quale il karma oserei dire.

(Da qui derivano i classici “Ma un figaccione come Ade, come ha fatto a farsi fare le chiappe da quella montagna di steroidi di Hercules? Forse sto divagando…)

Sta di fatto che per leggere qualcosa di tranquillo senza scervellarsi troppo sulla trama, vi consiglio un bello Shonen!

Manga Seinen


La categoria dei Seinen comprende manga politici, thriller, polizieschi e argomenti maturi.
Adesso passiamo alla mia categoria favorita: Il manga Seinen! La categoria dei Seinen comprende manga politici, thriller, polizieschi e argomenti maturi che un tredicenne non potrebbe capire appieno di sicuro.

Tra i Seinen davvero faighi possiamo sicuramente trovare i capolavori di Naoki Urasawa quali “Monster” e “Pluto”. Proprio quest’ultimo è fatto in collaborazione con nientepopodimeno che Osamu Tezuka, il creatore di Astroboy per intenderci (Se non lo conoscete andate a darvi fuoco) Ecco, sui due Seinen citati sopra, vorrei soffermarmi sulla trama, in quanto è proprio la cosa fondamentale in un manga appartenente alla categoria:

Trama di Monster: Un medico chirurgo rifiuta di operare un importante funzionario del governo per occuparsi di un bambino in condizioni ben più gravi. Ovviamente si affronta il problema delle caste, in quanto il medico viene minacciato di licenziamento nel caso in cui avesse deciso di operare il bambino al posto del funzionario, in quanto quest’ultimo è decisamente più importante nella scala gerarchica.
In ogni caso, il funzionario muore, ma non è tutto! Il bambino, diventa un serial killer e il dottore, attanagliato dal rimorso, comincia a cercarlo per tutta la Germania (spesso le opere di Urasawa sono ambientate in europa) per ucciderlo e, in qualche modo, rimediare.

La trama di Pluto è molto più fantascientifica, ma non da meno: Un efferato assassino si sta macchiando dell’olio dei sette robot più forti e avanzati del mondo intero (Questi sono realizzati in modo da riprodurre appieno la natura umana, infatti sono capaci di bere, mangiare e pensare). Questo è il filo conduttore della trama di Pluto, non voglio rivelarvi più di tanto perché sin dai primi volumi si scoprono cose che non spoilererei per nulla al mondo. Vi dico solo che dell’indagine si occuperà un ispettore tedesco dell’europol (evidentemente Urasawa ce l’ha con i crucchi). Per chi si aspettava di vedere Death Note fra i Seinen, vada a darsi fuoco! (NdItomi: LOLLAI!)

Manga Shojo


Lo Shojo è un genere che affronta problemi adolescenziali, amori e sogni infranti.
La terza categoria è quella su cui spenderò meno tempo, in quanto mi fa proprio defecare se non per qualche opera davvero di spessore. Il genere di cui parliamo è lo Shojo, generalmente per ragazze, ricordate Rossana? Quello era figo anche per noi maschietti (non dite di no, non mentite!) ma è da considerarsi prettamente Shojo, infatti è un genere che affronta problemi adolescenziali delle ragazze, amori, sogni infranti e robe varie… Una menata infinita insomma!

L’unico Shojo che ho apprezzato davvero è “Happy!” , indovinate di chi? Esatto! Naoki Urasawa, infatti questo manga non tratta delle smielate storie d’amore che nascono fra bimbetti emo giapponesi (O meglio non si basa prettamente su questo), ma parla di una ragazza costretta dagli eventi a badare ai suoi fratelli minori e a fargli da mamma, fino a quando il fratello maggiore non torna all’ovile con le pive nel sacco, portandosi dietro un miliardo di Yen di debiti, che toccherà poi alla protagonista ripagare ai due mafiosi della Yakuza che la inseguono ovunque (La ragazza finirà anche per pensare di prostituirsi, senza però far perdere mai la tinta humor all’opera, per questo è veramente figo)

Allo Shojo si legano vari sottogeneri, tra qui quelli che trattano di ragazze con poteri magici, adulti in relazioni amorose e menate smielate varie (Noi vogliamo le legnate!)

Manga Hentai


Porcelloni!
Infine ci sono gli Hentai (li ho messi alla fine perché i più piccoli si saranno già stancati di leggere e così possiamo parlare in santa pace!) beh, non credo servano spiegazioni per definire gli Hentai, credo che siate già abbastanza esperti di vostro eh? Porcelloni! Beh, per chi non sa cosa siano gli Hentai, non mi dilungo troppo per non levare il piacere ai novellini di scoprire questo mondo tanto artistico quanto perverso che i Giapponesi amano farci vedere sempre più contorto e porcelloso. Uno dei pochi hentai arrivati in italia (Intendo tradotto in italiano e doppiato in italiano) è “la clinica dell’amore” che per quanto abbia dei disegni davvero scandalosi, lo consiglierei più per la comicità che per l’erotismo in sé, è davvero una roba divertente (E ho pure una piccola curiosità per chi si stia dicendo in questo momento “Ma io la voce dell’infermiera l’ho già sentita!”, non avete proprio tutti i torti, la voce dell’infermiera è di Marina Massironi, la partner storica di Aldo, Giovanni e Giacomo.)

Mostra Approfondimento ∨

Commentate con i vostri consigli sui manga e le vostre considerazioni!

Questo articolo è parte di una serie:
– Prima Parte: Parliamo di Manga!
– Seconda Parte: Dal Belgio con amore

Aree Tematiche
Anime & Manga
Tag
Naoki
Osamu
Piece
Rossana
Shonenjump
Urasawa
lunedì 10 settembre 2012
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd