Oggi occhi al cielo, perché Mercurio transiterà davanti al sole

41
1 anno fa

Il piccolo pianeta transiterà davanti al disco solare nel pomeriggio di oggi, dalle 13:35 fino al tramonto.

L’ultimo transito è avvenuto nel 2016: qualora vi perdeste questo appuntamento, niente paura, perché basterà attendere fino al 2032, quando accadrà di nuovo.

È proprio grazie al transito dei pianeti davanti ai propri soli che nei ultimi anni siamo riusciti ad identificare molti pianeti extrasolari: le variazioni della luminosità della stella distante, se periodiche, possono rivelare la presenza dell’esopianeta nella sua orbita.

La prima osservazione di un transito di Mercurio avvenne il 7 novembre 1631 da Pierre Gassendi, che non riuscì ad osservare il transito di Venere appena un mese prima, a causa di tavole astronomiche poco accurate, che non gli permisero di capire che l’evento non sarebbe stato visibile da gran parte dell’Europa inclusa Parigi.

Per l’osservazione occorre almeno un binocolo, ma non è consigliato effettuarla se non si prevede una adeguata schermatura, pena gravi conseguenze per i nostri occhi.

Visto anche il meteo incerto e piovoso di questi giorni, potete osservare l’evento in diretta streaming qui sotto:

 

 

 

 

Cielo di gennaio 2021: un tranquillo mese astronomico
Cielo di gennaio 2021: un tranquillo mese astronomico
Nanobrillamenti: probabilmente osservati per la prima volta
Nanobrillamenti: probabilmente osservati per la prima volta
Segnale dallo spazio: potrebbe essere stato rilevato un primo segnale da un esopianeta
Segnale dallo spazio: potrebbe essere stato rilevato un primo segnale da un esopianeta
European Film Awards 2020, trionfa Un altro giro di Vinterberg
European Film Awards 2020, trionfa Un altro giro di Vinterberg
Sole: le particelle accelerano anche oltre i confini del Sistema Solare
Sole: le particelle accelerano anche oltre i confini del Sistema Solare
Cielo di novembre: favorevole l'osservazione delle Leonidi e di Mercurio
Cielo di novembre: favorevole l'osservazione delle Leonidi e di Mercurio
Coronavirus, i raggi ultravioletti (UV) lo disattivano in pochi secondi
Coronavirus, i raggi ultravioletti (UV) lo disattivano in pochi secondi