Alone di 22°: un particolare fenomeno ottico attorno al sole

2
17 Aprile 2020

Alone

I cieli del nord e centro Italia ieri sono stati protagonisti di un fenomeno raro e spettacolare: un alone colorato attorno al sole.

Il fenomeno piuttosto raro è stato visibile ieri. Si tratta di un fenomeno ottico che crea un cerchio arcobaleno attorno al sole si forma quando la luce solare è rifratta da milioni di cristalli di ghiaccio esagonali sospesi nell’atmosfera. La luce rifrangendosi attraverso i cristalli crea un alone con l’effetto colorato come un arcobaleno.

In particolare l’alone, anche chiamato aureola o arco di ghiaccio, è visibile a occhio nudo e si forma quando il cielo coperto da cirri, nuvole al di sopra della troposfera ad un’altitudine compresa tra i 6.000-12.000 metri. Le nuvole contengono tanti piccoli frammenti di ghiaccio disposti in tutte le direzioni che funzionano da prismi attraverso i quali la luce passa e viene scomposta creando un cerchio arcobaleno attorno al Sole.

 

La variazione nella rifrazione è una funzione della lunghezza d’onda e determina una colorazione del cerchio rossastra nella parte interna del cerchio e bluastra in quella esterna.

Questo tipo di fenomeno è anche individuato come alone di 22°. Il raggio di luce passando attraverso il prisma con un angolo di 60° viene scomposta due volte con un angolo di deviazione minima di 22°. La variazione nella rifrazione è una funzione della lunghezza d’onda e determina una colorazione del cerchio rossastra nella parte interna del cerchio e bluastra in quella esterna. Il cielo è più scuro all’interno dato che al di sotto dei 22° la luce non viene rifratta.

 

Alcuni cristalli di ghiaccio risultano allineati perpendicolarmente alla luce solare rispetto ad un osservatore e questa produce un cerchio di 22°. Altri cristalli sono disposti perpendicolarmente rispetto ad un altro osservatore che vedrà anche lui lo stesso fenomeno.

Lo stesso fenomeno può crearsi ancora più raramente anche intorno alla Luna, chiamati in questo caso anelli lunari. Anche questi si formano quando le temperature sono molto basse in quota, tali da far ghiacciare le particelle d’acqua sospese.

Questo spettacolo era conosciuto anche nell’antichità spesso veniva associato all’arrivo di cattive condizioni atmosferiche: i cirri che creano questo fenomeno spesso anticipano un fronte di maltempo.

 

Curiosità: questo fenomeno naturale ha ispirato più di 2500 anni fa il mito greco di Issione, l’uomo condannato da Zeus per la slealtà mostrata verso gli uomini e gli dei ad essere per tutta la vita legato ad una ruota di fuoco nel cielo.

 

 

Aree Tematiche
Fisica Natura News Scienze
Tag
venerdì 17 aprile 2020 - 13:29
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd