Netflix in Italia ha "pochi abbonati"?
di
itomi itomi
3

Netflix-Italia-data-1280x720

Repubblica pubblica oggi un articolo che dettaglia i numeri di Netflix in Italia a due mesi dall’apertura e subito è partito il tam-tam di chi tira più merda, ma la realtà è forse molto diversa.

In primis i numeri di Jaime D’Alessandro sono solo voci di corridoio e come tali sono da prendere con le pinze: si parla di un mercato totale dello streaming da 700.000 persone in Italia e di 280 mila utenti per Netflix Italia, di cui 110 mila in fase post mese di prova, quindi paganti.

In pratica Netflix in due mesi ha guadagnato un terzo del mercato italiano, una cacca proprio. Non solo: ha sconvolto le dinamiche di un mercato che fino al suo arrivo campava di cataloghi scarni, SD e costi non-sense.

Da quando è arrivata Netflix gli abbonamenti degli altri operatori sono automagicamente calati, sono arrivati i mesi di prova (dai?) e, finalmente, c’è una vera concorrenza che significa cataloghi aggiornati per davvero e non solo quattro titoli inutili in più ogni due mesi.

Date un’occhiata a Netflix Lovers e guardate con quale frequenza Netflix sta aggiornando il suo catalogo in Italia: chi altro può anche solo lontanamente competere? E non parliamo del livello tecnologico e della qualità dell’esperienza, neanche lontanamente comparabili con i concorrenti che arrancano copiando (ehm, Infinity, ehm) o propongono esperienze da internet 1.0 (ehm, Sky Online, ehm)

 

 

Nei commenti poi ci fanno notare come nelle altre nazioni europee comparabili il lancio di Netflix abbia visto numeri molto simili, in Francia 100k paganti e in Germania 125k ad esempio:

grafico3

 

Ma il punto vero in tutto questo è: chi conosce Netflix e, più in generale, i servizi di Internet VOD in Italia? La risposta è nessuno tranne i nerd.

Sky attualmente ha il terrore di perdere abbonati storici al satellite, gente che paga 60/70 euro al mese da anni e anni per avere l’HD, il box aggiuntivo e tutte le altre idee succhia soldi che hanno introdotto progressivamente per i babbani la fuori. Sky Online è promosso in televisione, ma senza esagerare, e, come abbiamo visto, ha caratteristiche studiate apposta per non andare a sovrapporsi al fratello maggiore via satellite.

Infinity è una scommessona di Mediaset, fatta più per poter dire “ci siamo anche noi, in attesa che il mercato cresca” che altro. Spinta il giusto, infilata tra le tante altre offerte “Premium” del gruppo.

Netflix è il servizio meno pubblicizzato di tutti.

In TV lo sentite nominare quando passa uno spot Vodafone, “in regalo”… stop. I babbani veri, quelli che “fanno numero” guardano la TV, ve lo ricordo. Il mercato di massa non sa minimamente cosa sia un servizio VOD e men che meno Netflix.

Netflix è stato promosso ai nerd, su internet, per raggiungere un po’ di influencer e “testare” il mercato italiano. La grande massa ancora ti commenta ancora robe tipo “ma la mia connessione basta a farlo andare?”

110 mila paganti dopo due mesi sono un botto, altro che storie. Hastings e i suoi vogliono raggiungere “un terzo delle case italiane in sette anni” e il processo sarà lungo e difficile. Qua si tratta di superare tanti ostacoli particolarmente ostici in Italia: una evoluzione tecnologica delle piattaforme (in soldoni: è ora di comprarsi una smart TV) e del modo di usufruire di questo tipo di contenuto (l’on demand è ancora una novità per il babbano italiano, che vuole fare zapping e non pensare lui a cosa guardare).

Provate a chiedere ai vostri genitori se sanno cos’è Netflix.

Ovviamente no. Ora spiegateglielo, forse lo capiranno. Bene. Ora spiegategli come fare a guardarlo… eh si… con la “Playstation”, con il “Chromecast”… oppure mamma ti compri la TV nuova, come quando è arrivato il digitale terrestre, hai presente? … è di questi scambi surreali che è vissuto Netflix negli ultimi due mesi.

Ancora pensate che 280 mila iscritti siano pochi?

 

 

Date un’occhiata al nostro Speciale VOD e fatevi un’idea dell’offerta in Italia di questo tipo di servizi.
itomi

Antonio Moro a.k.a. itomi

Fondatore e capo redattore di Lega Nerd. Scrivo editoriali e recensioni su tecnologia, innovazione e pop culture. Mi occupo di UI/UX e direzione creativa, soprattutto su progetti web e gaming. Faccio cose e conosco gente su internet dal 1996. Più info su antoniomoro.com e itomicreative.com
Aree Tematiche
Cinema Entertainment Internet Tecnologie Televisione
Tag
venerdì 22 gennaio 2016 - 11:21
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd