Alan Rickman R.i.p.

7 anni fa

rickman

Alan Sidney Patrick Rickman, nato a Londra il 21 febbraio 1946 si è spento oggi 14 gennaio 2016, dopo una lunga malattia. È stato un attore e regista vincitore di un Golden Globe e di un Emmy Award, noto al grande pubblico per aver interpretato Severus Pyton in Harry Potter.

La sua lunga carriera di attore cominciò nel 1972 con il corso alla Royal Academy of Dramatic Art. Dopo alcuni anni passati in teatro, approdò prima in televisione e successivamente al cinema interpretando Hans Gruber, il villain di Trappola di Cristallo. Da allora ha macinato tantissimi successi come Robin Hood – Principe dei ladri, Dogma, Galaxy Quest fino al grande successo della saga di Harry Potter. In particolare ricordiamo la sua vena umoristica e grottesca con il doppiaggio di simbolici personaggi del nostro immaginario come Marvin della Guida galattica per autostoppisti, il giudice Turpin in Sweeney Todd ed il Brucaliffo di Alice in Wonderland di Tim Burton.

Per ricordarlo al meglio vi pubblichiamo Dust, un cortometraggio realizzato nel 2014 con protagonista il buon vecchio Alan.

 

 

 

Ciao Alan,
e grazie per tutto il pesce. :(

Alan Rickman: alcuni estratti dai diari dell'attore di Harry Potter
Alan Rickman: alcuni estratti dai diari dell'attore di Harry Potter
Harry Potter 20th Anniversary: Return to Hogwarts, la recensione di un antidoto per i tempi bui
Harry Potter 20th Anniversary: Return to Hogwarts, la recensione di un antidoto per i tempi bui
I 20 migliori film di Natale da vedere su Disney+
I 20 migliori film di Natale da vedere su Disney+
I 15 migliori film di Natale da guardare su Amazon Prime Video
I 15 migliori film di Natale da guardare su Amazon Prime Video
I migliori 8 film di Kevin Smith, il regista più nerd di Hollywood
I migliori 8 film di Kevin Smith, il regista più nerd di Hollywood
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia
Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia