Fotografie inedite della Prima Guerra Mondiale di Alfredo Barbieri #LegaNerd

4YeRo

A Ottobre 2012 è mancata la sorella di uno zio (acquisito), lasciando a me il compito di svuotare casa e cantina di tutto ciò che ci fosse d’interessante.

In cantina dentro ad una grande libreria ho trovato un album di fotografie, tutte risalenti alla Prima Guerra Mondiale, conflitto in cui il papà di mio zio prese parte. Non so esattamente con che grado e ruolo, ma essendo lui già ingegnere e figlio del Tenente Generale Lodovico Barbieri (già senatore dell’Italia liberale dal 1861 al 1922) credo con mansioni di rilievo.

barbiere

Non sono un grande conoscitore del periodo, per cui le informazioni a riguardo sono poche, sono riuscito ad identificare le coordinate di alcune zone grazie all’aiuto di qualche leganerdino, ma non ho scoperto molto di più.

Le foto però sono quasi tutte inedite (scattate in prima persona da Alfredo Barbieri) e tante sono da mozzare il fiato, le ho scansionate tutte, per preservarle a futura memoria visto che alcune già si stavano schiarendo troppo. Ci possiamo trovare di tutto, dal campanile di Asiago distrutto dopo un bombardamento a scene bucoliche di vita militare, incluso il barbiere all’opera e varie damine di compagnia.

 

campanilediroccato

Il campanile della chiesa di San Matteo di Asiago il 19 maggio 1916, subito dopo i bombardamenti. 

 

Chissà magari qualcuno di voi guardando le foto riconosce altri luoghi, altri profili montuosi che io non son stato capace d’identificare, mi piacerebbe tanto poter fare più ordine in questa raccolta, ma il poco tempo e l’ignoranza l’hanno avuta vinta.

Ma tra le tante foto alcune erano così “avventurose” e speciali da farmi pensare che valessero davvero la condivisione, come quelle qui sotto, che ritraggono un mini dirigibile d’osservazione, o meglio un piccolo pallone aerostatico a cui un fotografo si assicurava (tramite un asse e delle funi), si faceva portare in quota e da li scattava foto ad altitudine per poter avere un quadro più completo del campo di battaglia, ecco il papà di mio zio era quell’avventuroso sull’asse di legno…

 

areostato2

Avvertenza le immagini della gallery possono risultare in certi casi un po’ crude, ci sono foto di cadaveri (poche per fortuna) in bianco e nero meno splatter che a colori, ma restano immagini forti.

Le prime due immagini della gallery ritraggono un albero adibito a torretta di osservazione, la cosa sconcertante è che hanno costruito attorno al tronco una scala a chiocciola, non avevo mai visto nulla di simile…e voi?

 

Aree Tematiche
Cultura Fotografia Real Life Storia
Tag
1915-18
Alfredo Barbieri
Asiago
Lodovico Barbieri
San Matteo di Asiago
lunedì 4 febbraio 2013
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd