Gears of War: il creatore del franchise non vuole Chris Pratt nel film

chris_pratt, gears_of_war

Dopo che Cliff Bleszinski ha chiamato in causa Dave Bautista come possibile protagonsita del live-action su Gears of War, lo stesso creatore del franchise videoludico da poco ha fatto anche il nome di Chris Pratt. La sua però è una richiesta sul non inserire l’interprete dei Guardiani della Galassia nel film. Si tratta di una frase detta sul serio, o di un modo scherzoso per chiederne l’ingaggio?

Ecco le parole di Cliff Bleszinski:

Mi raccomando, tenete Chris Pratt lontano dal franchise di Gears of War, ve ne prego.

Certo, se in qualche modo si andasse oltre le parole di Cliff Bleszinski, la possibilità di mettere Dave Bautista e Chris Pratt insieme nello stesso lungometraggio riproporrebbe quella coppia che si è vista fino ad ora nella saga dei Guardiani della Galassia.

Qualche utente di Twitter ha provato a chiedere a Cliff Bleszinski se potrebbe funzionare l’idea di mettere Chris Pratt nei panni di uno dei fratelli Carmine, e la cosa a suo parere potrebbe funzionare. Inoltre Bleszinski ha anche parlato del fatto che vedrebbe benissimo Ryan Reynolds come “un perfetto Baird”.

L’idea di non volere Chris Pratt (uno tra gli interpreti action più gettonati dell’ultimo decennio) all’interno di un franchise non è una novità, considerando che anche quando si è parlato della possibilità di vederlo nei panni di Indiana Jones, come sostituto di Harrison Ford, è stato lo stesso iconico interprete a porsi negativamente. E lo stesso Pratt ha replicato:

Non stanno già facendo un Indiana Jones con Harrison Ford? Tutto ciò che so è che una volta lessi una dichiarazione di Harrison Ford, e non so se l’abbia detta o meno, ma fu sufficiente per spaventarmi. Era un qualcosa del tipo ‘quando morirò Indiana Jones morirà con me’. E quindi potrei mai rischiare di farmi perseguitare un giorno dal fantasma di Harrison Ford?

Sottolineiamo comunque il fatto che Cliff Bleszinski non è coinvolto nella produzione del live-action su Gears of War, e perciò le sue parole non vanno considerate come reali news relative al casting.

La piattaforma streaming Netflix curerà con Gears of War sia lo sviluppo di una serie animata adulta che un live-action vero e proprio. L’annuncio è stato fatto attraverso Twitter, a 16 anni dall’anniversario di Gears of War, che venne lanciato nel 2006 come titolo per Xbox 360. Ecco il testo dell’annuncio:

Gears of War è uscito 16 anni fa, e, per celebrare questo anniversario, Netflix si è unita a The Coalition per adattare la saga videoludica trasformandola in un film live-action, a cui seguirà una serie animata per adulti. C’è il potenziale per ancora più storie da proporre.

Gears of War si incentra sui soldati della Squadra Delta che combattono per salvare gli umani del pianeta Sera da un nemico conosciuto come L’Orda di Locuste. Il giocatore ha il ruolo di Marcus Fenix, un ex detenuto divenuto soldato. L’altro protagonista è Dominic Santiago (Dom). I due soldati si uniscono alla Squadra Delta e e combattono L’Orda Delle Locuste.

dave-bautista-gears-of-war
Super Mario Bros., Chris Pratt
Guardiani della Galassia, Star Lord

 

 

Nuova Scena – Rhythm + Flow Italia: il talent rap di Netflix funziona?
Nuova Scena – Rhythm + Flow Italia: il talent rap di Netflix funziona?
Rick e Morty stagione 7, la recensione: La Rinascita del multiverso verde
Rick e Morty stagione 7, la recensione: La Rinascita del multiverso verde
Arcane 2: il primo trailer di Netflix della seconda stagione
Arcane 2: il primo trailer di Netflix della seconda stagione
Berlino, la recensione: uno spin-off di qualità
Berlino, la recensione: uno spin-off di qualità
La concierge Pokémon: in vacanza con i Pocket Monsters
La concierge Pokémon: in vacanza con i Pocket Monsters
Rebel Moon - Parte 2: La Sfregiatrice - Ecco il teaser ufficiale
Rebel Moon - Parte 2: La Sfregiatrice - Ecco il teaser ufficiale
Un piedipiatti a Beverly Hills: Axel F, nuovo teaser trailer per il ritorno di Alex Foley
Un piedipiatti a Beverly Hills: Axel F, nuovo teaser trailer per il ritorno di Alex Foley