Caso Gamestonk: la curiosità del pubblico sull’argomento ha spinto le chart di iTunes

28
3 mesi fa

caso gamestonk margot

L’argomento principe sui mercati finanziari al momento è il caso Gamestonk, tanto da spingere la gente a informarsi in modo “semplice” su un argomento complesso.

Si tratta, difatti, di una vicenda dai contorni sfumati e non proprio facile da inquadrare, e chi non mastica di economia e finanza può avere molti problemi ad assimilarne le basi, l’evoluzione e le conseguenze.

Leggi anche:

 

Come capita spesso in casi analoghi, si cerca un bignami semplice, magari divertente: e il cinema è spesso la soluzione preferita (anche se difficilmente la migliore) in queste eventualità.

È successo, ad esempio, lo scorso anno con Contagion, film di Steven Soderbergh del 2011 che racconta l’evolversi di una misteriosa e pericolosissima pandemia mortale (per la disperazione degli ipocondriaci).

La storia si ripete, ora, con due film, abbastanza recenti e accattivanti, che parlano di trappole dell’alta finanza: The Wolf of Wall Street e La Grande Scommessa, che sono improvvisamente balzati ai numeri 3 e 4 della classifica di popolarità delle pellicole su iTunes.

caso gamestonk

 

Cos’hanno in comune questi due film, a parte la breve ma significativa presenza di una spumeggiante Margot Robbie? Parlano entrambi di alta finanza e di come, sostanzialmente, esistono due tipi di persone tra coloro che vi operano: i lupi e gli sprovveduti.

 

Nessuno dei due, in realtà, è utile a comprendere direttamente il caso che ha coinvolto le azioni fuori controllo di GameStop, ma riescono comunque a far comprendere l’ambiente in cui accadono certi disastri e fanno prendere confidenza con termini come “subprime” e “vendita allo scoperto”.

Trevor Noah, conduttore del The Daily Show, ha appena pubblicato una parodia della famosa scena di Margot Robbie nella vasca da bagno in cui spiega l’affaire GameStop.

 

 

Vi invitiamo a leggere i nostri altri articoli sulla questione: