La sonda Juno registra variazioni nel campo magnetico di Giove

82
2 anni fa

Per la prima volta nella storia è stata rilevata la variazione nel tempo del un campo magnetico di un altro pianeta. Il fenomeno, chiamato variazione secolare, è stato rilevato su Giove ed è probabilmente imputabile ai fortissimi venti atmosferici del pianeta.

La scoperta aiuterà a comprendere meglio la struttura interna del gigante gassoso, ma anche il campo magnetico della Terra.

Le rilevazioni di Juno sono state inserite dapprima in un nuovo modello matematico creato appositamente e successivamente comparate a quelle delle altre missioni del passato: gli scienziati della NASA si sono così accorti di piccole variazioni.

Il campo magnetico del pianeta in un singolo momento. La macchia blu, invisibile agli occhi, è una concentrazione del campo magnetico vicina all’equatore.

 

La combinazione tra i potenti venti del pianeta e la grande macchia blu, con i suoi potentissimi campi magnetici localizzati, ha come risultato la variazione secolare del campo magnetico di Giove.

 

 

M87: la polarizzazione del suo campo elettromagnetico
M87: la polarizzazione del suo campo elettromagnetico
Solar Orbiter: le prime immagini del Sole a distanza molto ravvicinata
Solar Orbiter: le prime immagini del Sole a distanza molto ravvicinata
Via lattea: potrebbero esserci 6 miliardi di pianeti simili alla Terra
Via lattea: potrebbero esserci 6 miliardi di pianeti simili alla Terra
Intervista a Roberto Battiston: Gli Universi comunicano tra loro
Intervista a Roberto Battiston: Gli Universi comunicano tra loro
Le origini del campo magnetico terrestre rimangono un mistero
Le origini del campo magnetico terrestre rimangono un mistero
Chandra: utilizzato il suo occhio a raggi X per la ricerca degli assioni
Chandra: utilizzato il suo occhio a raggi X per la ricerca degli assioni
Niente alieni: secondo una nuova teoria i misteriosi occultamenti della stella Tabby sarebbero provocati da una nube di gas
Niente alieni: secondo una nuova teoria i misteriosi occultamenti della stella Tabby sarebbero provocati da una nube di gas