Layton’s Mystery Journey

4 anni fa

4 minuti

La famosa serie Layton di Level-5 è sbarcata anche su dispositivi mobile, scopri come ci è sembrata con la nostra recensione.

Per festeggiare il decimo anniversario della serie, con Layton’s Mystery Journey: Katrielle e il Complotto dei Milionari anche i capitoli canonici della famosa e apprezzatissima saga di adventure-puzzle del professor Layton arrivano su dispositivi mobile, oltre che su Nintendo 3DS. Per smartphone era infatti uscito solo lo spin-off Layton Brothers Mystery Room, con protagonista l’ispettore Alfendi Layton. 

Seppur storicamente legata alla portatile di casa Nintendo, il titolo edito e sviluppato da Level-5 ben si presta anche alle meccaniche degli smartphone ed era questione di tempo prima che arrivasse anche su iOS e Android. Lo fa con un altro bel cambiamento, visto che il giocatore non seguirà più le vicende del professor Layton, come nei precedenti capitoli, bensì quelle di sua figlia, Katrielle, che insieme al cane parlante Sherl e all’assistente Ben, dovrà risolvere parecchi casi in giro per le strade di Londra.

 

 

Il gioco inizia con Katrielle che ha appena aperto la propria agenzia investigativa nel cuore di Londra insieme al suo amico Ben Greegy, quando i due si imbattono in un curioso cane parlante le cui origini ci sono ignote e che si unirà ai due prendendo il nome di Sherl, come già detto sopra. Katrielle è in realtà alla ricerca del padre, scomparso misteriosamente, ma si ritrova ben presto invischiata in un’indagine dai risvolti parecchio intricati.

La storia si articola in dodici diversi casi che si ricollegano al cosiddetto Complotto dei Milionari.

Il primo caso del trio li porterà ad indagare sulla scomparsa di una delle lancette del Big Ben insieme all’ispettore Faslong, e rappresenta solo il primo di dodici diversi casi che si ricollegano al cosiddetto Complotto dei Milionari. Non scendiamo ulteriormente in dettagli sulla trama onde incorrere in spiacevoli spoiler per gli appassionati della serie, che sanno bene quanto la componente narrativa (anche piuttosto verbosa) sia importante e legata a doppio filo con le stesse dinamiche di gameplay del titolo. È importante però sottolineare come il ritmo della storia sia scandito in più momento invece che, come accadeva per gli altri capitoli della serie, articolandosi nella risoluzione di un unico grande caso.

 

 

Dal punto di vista del gameplay le meccaniche sono rimaste pressoché invariate rispetto ai classici canoni della serie.

Dal punto di vista del gameplay le meccaniche sono rimaste pressoché invariate rispetto ai classici canoni della serie. Si tratta fondamentalmente di un avventura per metà testuale e per l’altra metà composta da puzzle ed enigmi da risolvere in tantissimi modi diversi, dalle indagini con tanto di lente d’ingrandimento per cercare indizi in una stanza ad enigmi più basati sulla logica o sulla matematica. Nulla di troppo complicato però, a volte basterà una semplice intuizione per risolvere il tutto e proseguire. Se proprio non ci si dovesse riuscire è comunque presente una dinamica di aiuti attraverso monete aiuto sparse nei vari scenari.

Ogni enigma contiene una spiegazione dettagliata richiamabile in qualsiasi momento, se si prosegue senza fretta e si legge attentamente la descrizione, talvolta ci si renderà conto di avere la soluzione letteralmente a portata di mano. Il doppio schermo del Nintendo 3DS su smartphone è simulato grazie alla divisione dello schermo in due parti: in quella superiore avremo la scena di gioco principale con le ambientazioni e i personaggi, mentre in quella inferiore diversi pulsanti utili all’accesso al menu secondario, la mappa e altro.

 

 

Anche Layton’s Mystery Journey: Katrielle e il Complotto dei Milionari presenta, come da tradizione, una veste artistica inconfondibile in pieno stile Level-5, che richiama moltissimo i canoni dell’animazione giapponese estremamente raffinata dello Studio Ghibli. Mai come in questo gioco le potenzialità grafiche della serie esplodono, su smartphone, grazie alle capacità tecniche decisamente più ampie che gli schermi della stragrande maggioranza dei dispositivi iOS e Android possono offrire rispetto alla risoluzione degli schermi del Nintendo 3DS.

Si tratta dunque di un capitolo che non ha nulla da invidiare ai suoi due predecessori, e anzi riesce ad innovare lo stile narrativo e a migliorare notevolmente le potenzialità tecniche su mobile. Rispetto ai prezzi standard per la console della casa di Kyoto, tra l’altro, lo scarto è notevole visto che il titolo è disponibile su App Store e Google Play a 17,99€ e non presenta acquisti in-app se non quelli opzionali per avere set di nuovi abiti per Katrielle.

Consigliatissimo a tutti gli appassionati dei giochi del Professor Layton e un’ottima novità per il parco titoli degli smartphone che si arricchisce sempre più in termini qualitativi.

 

 

 

78
ME GUSTA
  • Tanti puzzle e enigmi da risolvere
  • Graficamente molto bello su smartphone
FAIL
  • Un po' troppo verboso
  • Nuovi personaggi meno incisivi dei vecchi
Apple Vs. Facebook, cronaca di uno scontro annunciato
Apple Vs. Facebook, cronaca di uno scontro annunciato
iPhone 12: tutte le novità dell'evento Apple
iPhone 12: tutte le novità dell'evento Apple
High Score, recensione del Doc di Netflix sulla Storia dei Videogiochi
High Score, recensione del Doc di Netflix sulla Storia dei Videogiochi
Epic Games contro Apple e Google: chi ha ragione?
Epic Games contro Apple e Google: chi ha ragione?
TikTok abbandona Hong Kong: antefatto alla Globalizzazione 4.0
TikTok abbandona Hong Kong: antefatto alla Globalizzazione 4.0
Paper Mario: The Origami King, la recensione del ritorno della serie RPG su Switch
Paper Mario: The Origami King, la recensione del ritorno della serie RPG su Switch
La Content War e il Futuro del Cloud Gaming
La Content War e il Futuro del Cloud Gaming