Digital Foundry ha svelato le specifiche di Scorpio

5 anni fa

Xbox Scorpio

Come promesso Digital Foundry ha rivelato ufficialmente i requisiti di sistema di Xbox Scorpio, la sua nuova console high-end di Microsoft che si affianca a Xbox One.

Purtroppo la nuova console di Redmond non si è mostrata in questo approfondimento che Digital Foundry ha pubblicato, come promesso, alle 15.00 di oggi giovedì 6 aprile 2017.

Sarebbe stato un po’ azzardato scoprire tutte le proprie carte affidandole a terzi, invece che organizzare un evento dedicato o aspettare il palcoscenico dell’E3 di Los Angeles. Messa da parte la delusione di non aver concretamente “visto” la console, Digital Foundry conferma sostanzialmente le caratteristiche annunciate negli scorsi mesi.

 

 

 

 

Xbox Scorpio vanterà 6 teraflops di potenza computazionale, una CPU 8 core e 320Gb/s come larghezza di banda di memoria. Quello che Microsoft ci tiene a rimarcare con questa presentazione affidata a Digital Foundry è che la console offrirà il vero 4K, niente checkboard rendering, configurandosi a conti fatti come la console più potente mai creata.

Gli sviluppatori avranno inoltre la possibilità di utilizzare la maggiore potenza come vogliono.

 

 

Di seguito il video con la presentazione integrale di Digital Foundry e tutti i dettagli:

 

Spider-Man No Way Home: l'analisi del trailer
Spider-Man No Way Home: l'analisi del trailer
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Albert Einstein
Albert Einstein