Pokemon GO: un successo stratosferico!

6 anni fa

6 minuti

3-7

Siamo finalmente giunti al dunque : Pokémon Go è stato rilasciato e, superando tutte le previsioni, si è attestato come games-app più scaricata nel giro di pochi giorni: andiamo ad analizzare insieme da dove deriva questo successo.

Un successo in parte preannunciato.

Parliamoci chiaro, se non giochi a Pokémon GO in questo momento ci possono essere solo 3 motivi:

  1. La tua età : probabilmente hai già superato gli “anta”
  2. Sei una persona un pò priva di umorismo: divertirsi ogni tanto non vuol dire essere stupidi!
  3. Hai Windows Phone: mi dispiace.

Tolte queste tre categorie, la popolarità di questa nuova applicazione per Android e iOS si sta facendo strada permettendo a Nintendo di rimpinguare le proprie casse.

La febbre da Pokémon Go infatti mette le ali al titolo Nintendo, che alla Borsa di Tokyo è balzato in sole sette sedute del 93,2%, raddoppiando di fatto il proprio valore a 27.780 yen (+9,8% nella sola seduta di venerdì 15/07)

La domanda è: Perché?

Andiamo a fare un analisi tecnica di questo nuovo titolo.

Innanzitutto stiamo parlando di un app per mobile rilasciata con la formula del free-to-play in cui è possibile tuttavia fare acquisti all’interno dell’applicazione con una moneta virtuale.

Uno dei punti focali del successo di questo nuovo videogioco è l’utilizzo della realtà aumentata  che fa da sfondo ad un ambientazione che ha coinvolto milioni e milioni di ragazzi per più di una generazione : come nel videogioco originale i Pokémon sono 151, ma per chi non lo sapesse con l’uscita del prossimo capitolo per console (Sole e Luna), i pokémon caturabili saranno più di 800 in totale e probabilmente li vedremo anche in Pokémon GO in futuro.

 

 

Il videogioco

Sicuramente sarà noto al 99% dei lettori come funziona il gioco ma siccome vogliamo bene proprio a tutti quindi parliamo un attimo di cosa è presente nell’applicazione.

Catch ‘em all!

Il gioco parte con la scelta del primo Pokémon che ci verrà affidato dal professor Willow con l’obiettivo di fornirci un aiuto per completare il suo Pokédex ( un enciclopedia elettronica sui pokémon) che potrà avverarsi solo con la cattura di tutti i pokémon (questo compito spetterà proprio a noi!)

 

Pokemon-Go1

 

Durante il gioco sarà quindi possibile catturare tanti pokémon grazie alle nostre sfere-poké e allenarli, potenziarli e farli evolvere grazie alla polvere di stella e alle caramelle, che si ottengono catturandone ancora ancora e ancora..

Raggiunto il livello 5 del personaggio sarà possibile scegliere un team tra tre già preconfezionati che ci identificherà durante le lotte nelle palestre.

Sconfiggere le palestre avversarie attraverso un combattimento tra pokémon è un’altro dei punti cruciali del gioco: prendere possesso di una palestra di un team avversario infatti, ci permette di guadagnare punti esperienza e accumulare moneta virtuale, che altrimenti sarebbe possibile comprare solo attraverso soldi reali. Essa può essere utilizzata per comprare strumenti e oggetti utili nel nostro cammino di allenatori.

L’utilizzo degli strumenti appare molto importante, ma l’acquisto non preclude una buona giocabilità dato che gli stessi possono essere recuperati nei pokéstop, ovvero punti di interesse che si possono trovare all’interno della città. Questo scongiura per il momento la trasformazione del gioco da free-to-play a pay-to-win.

Possiamo vedere: l’allenatore, un pokémon da catturare, un pokéstop e una palestra

 

 

 

La realtà aumentata

La realtà aumentata è un’altra delle caratteristiche che ha portato al successo del titolo Nintendo.

L’innovazione in un obiettivo e in una mano.

Grazie a questa nuova tecnologia, fruibile in questo caso dal nostro smartphone, è possibile appunto percepire la realtà con il supplemento appunto del videogioco, che vediamo sul nostro schermo grazie all’utilizzo della fotocamera.

In tanti lo abbiamo sognato da bambini e ora questo sogno è diventato realtà : aumentata.

Ok. mi sono appena reso conto che è difficile spiegare la realtà aumentata. Fate prima a provarla. Ad ogni modo questi Pokémon che vedete sullo schermo appariranno come se fossero realmente presenti nella vostra fotografia!

 

pokémon-go-guida-e-consigli-per-partire-alla-grande-01

 

Durante il gioco è possibile anche disattivare questa opzione (ricordo che il gioco in questo momento è una sanguisuga per la batteria) ma comunque è uno dei focus che ha portato al successo: Poter fotografare un pokémon sulla testa di un amico o in braccia a vostra nonna può essere un momento di ilarità tra amici che prima d’ora non era stato possibile assaporare con altre applicazioni.

 

 

 

Comparto tecnico e analisi

Andando ad analizzare il comparto tecnico in questi primi giorni successivi al rilascio ufficiale è possibile notare la frequente presenza di bug, caricamenti impegnativi e crash del gioco e del server che spesso rendono snervante il gioco.

Bug & crash, fruibilità con margini di miglioramento.

Tuttavia durante le svariate prove anche antecedenti al rilascio abbiamo potuto constatare che Nintendo sta lavorando alacremente per poter migliorare l’esperienza di gioco, e lasciatemela passare, in parte capisco le difficoltà che un team di sviluppo si trova quando deve affrontare un numero di giocatori così massiccio.

Speriamo quindi che nelle prossime patch del gioco l’esperienza verrà migliorata.

Parlando invece del vero e proprio videogioco, possiamo senz’altro dire che come scritto  da molti articoli di giornale odierni, è vero che il gioco ci ha stimolato a mettere i piedi fuori di casa per catturare pokémon e questo è chiaro sintomo di una realizzazione ben riuscita.

La realtà aumentata funziona e ha colto nel segno milioni di appassionati: tutti hanno sempre voluto lanciare una pokéball e finalmente Nintendo lo ha reso possibile con un gioco semplice ma efficace.

Una cosa che ci ha lasciati sorpresi è stata però la differenza rispetto a quello che ci aspettavamo: nel gioco mancano gli scambi tra i pokémon, la lotte tra allenatori per confrontare i propri pokèmon e altre feature, che ci saremmo aspettati di vedere nel giorno del lancio.

Sta di fatto che questo magnifico concept si è distaccato totalmente dalle altre applicazioni presenti negli Store fino a questo momento ( escluso “Ingress”) e questo è stato a sufficienza per tutti….per ora…

Quanto durerà la pokémonGOmania si chiedono in tanti?

Con questo titolo Niantic ha permesso alle masse di entrare dentro la realtà aumentata accontentando sia i neofiti con un titolo semplice e intuitivo, e allo stesso tempo la vecchia guardia che non vedeva l’ora di catapultarsi di nuovo nel mondo di questi strani animaletti che hanno caratterizzato la nostra infanzia.

Il concept dunque è ben riuscito e questo è dimostrato dal successo che il gioco sta avendo in tutto il mondo, tuttavia sia il comparto tecnico, sia la quantità di contenuti al momento non è delle migliori e molti si chiedono quanto tempo durerà effettivamente questo livello di popolarità.

La domanda cruciale non è se il gioco è all’altezza della sua popolarità, ma se grazie alle future patch sarà possibile avere nel cellulare un gioco davvero avvincente che non si limita alla caccia ossessiva di pokémon e palestre, ma un vero e proprio videogioco in grado di tenerci impegnati per molte ore senza scendere nel baratro della monotonia.

 

Voi cosa ne pensate?

 

 

Lo Squalo: la recensione del gioco da tavolo
Lo Squalo: la recensione del gioco da tavolo
Recensione Alta Società: una sfarzosa sfida all'ultimo franco
Recensione Alta Società: una sfarzosa sfida all'ultimo franco
Recensione The 7th Continent: un'avventura da tavolo per gli amanti dei librogame
Recensione The 7th Continent: un'avventura da tavolo per gli amanti dei librogame
Black Science: quando è la scienza a diventare proibita
Black Science: quando è la scienza a diventare proibita
Brass: Birmingham Recensione
Brass: Birmingham Recensione
Recensione Cthulhu: Death May Die
Recensione Cthulhu: Death May Die
Fog of Love: una storia d'amore tra quattro fogli di cartone
Fog of Love: una storia d'amore tra quattro fogli di cartone