La fotografia di Sicario spiegata in 11 scene

7 anni fa

sicario deakins

Il direttore della fotografia Roger Deakins si è aggiudicato, quest’anno, la sua tredicesima nomination agli Oscar grazie a Sicario, di Denis Villeneuve. Cosa rende il suo lavoro degno di così tanti riconoscimenti? Matt Workman prova a spiegarcelo analizzando 11 scene.

la fotografia non serva solo a creare belle immagini, ma soprattutto immagini che siano d’aiuto alla storia.

Con un video di 52 minuti (li vale tutti) Matt Workman di Cinematography Database ci dimostra come la fotografia non serva solo a creare belle immagini, ma soprattutto immagini che siano d’aiuto alla storia. Scelte come l’uso del colore blu come metafora della moralità, il rapporto tra dimensione dei soggetti ed il loro potere o lo spostamento della linea dell’orizzonte al di sopra (o al di sotto) dei terzi per creare un senso di oppressione sono solo alcuni dei punti che rendono Deakins un maestro nell’arte di “raccontare con le immagini”.

 

https://www.youtube.com/watch?v=0ZwpAyY5h_Q

 

Gina Lollobrigida addio: muore a 95 anni la celebre attrice
Gina Lollobrigida addio: muore a 95 anni la celebre attrice
Warner Bros. Discovery, ecco i film in arrivo nel 2023
Warner Bros. Discovery, ecco i film in arrivo nel 2023
Cinema in festa: un cortometraggio celebra la speciale promozione cinematografica
Cinema in festa: un cortometraggio celebra la speciale promozione cinematografica
YouTube sta lavorando ad un modo per venderti gli abbonamenti a Netflix e agli altri servizi in streaming
YouTube sta lavorando ad un modo per venderti gli abbonamenti a Netflix e agli altri servizi in streaming
200 Metri: le foto del film di Ameen Nayfeh, dal 26 agosto in sala
200 Metri: le foto del film di Ameen Nayfeh, dal 26 agosto in sala
Dune 2: la foto che annuncia l'inizio delle riprese
Dune 2: la foto che annuncia l'inizio delle riprese
YouTube: arrivano gli show televisivi gratuiti ma con pubblicità. Per il momento solo negli USA
YouTube: arrivano gli show televisivi gratuiti ma con pubblicità. Per il momento solo negli USA