Fine missione per le sonde Ebb e Flow

10 anni fa

273864-852x479

 

Lo scorso 17 dicembre le due sonde Ebb e Flow, lanciate nel settembre 2011, adibite allo studio della conformazione e composizione del suolo lunare, si sono andate a schiantare sul polo nord lunare ad una velocità di 3.760 miglia all’ora (6.050 km orari).

 

Durante le ultime ore di viaggio, la NASA ha utilizzato il propellente rimasto nelle sonde per verificare il consumo effetivo di carburante per un’ eventuale missione di ri-sbarco sul nostro satellite naturale.

Le due sonde utilizzavano una telecamere MoonKAM (Moon Knowledge Acquired by Middle-grade students), le quali hanno fornito 115 000 immagini del suolo lunare, in più, hanno permesso di creare una mappatura del campo gravitazionale di un corpo celeste con una risoluzione molto alta. Grazie a questa mappatura si potrà comprendere meglio come si sono formata la terra, e gli altri pianeti rocciosi del sistema solare.

Ieri, la NASA ha rilasciato un video creato con le immagini scattate duante l’ ultima ora di volo delle sonde.

 

 

Il momento dello schianto non è presente nel video perchè è avvenuto nella parte “oscura” della luna.

 

Costante gravitazionale: misurata nuovamente dagli scienziati
Costante gravitazionale: misurata nuovamente dagli scienziati
Mistero della gravità risolto da un nuovo modello teorico
Mistero della gravità risolto da un nuovo modello teorico
La gravità deforma il tempo: lo dimostra un nuovo orologio atomico
La gravità deforma il tempo: lo dimostra un nuovo orologio atomico
Registrata la più piccola attrazione gravitazionale mai studiata
Registrata la più piccola attrazione gravitazionale mai studiata
Il Pentagono ha inviato un pannello solare in orbita per raccogliere energia
Il Pentagono ha inviato un pannello solare in orbita per raccogliere energia
Solar Orbiter: le prime immagini del Sole a distanza molto ravvicinata
Solar Orbiter: le prime immagini del Sole a distanza molto ravvicinata
Nuove missioni della NASA per studiare gli effetti del vento solare nelle cuspidi polari
Nuove missioni della NASA per studiare gli effetti del vento solare nelle cuspidi polari