HTML5 rising: più della metà dei video in rete convertiti.

10 anni fa

Secondo uno studio di MeFeedia nel 2010 il tasso di video disponibili anche nel nuovo formato HTML5 sono passati da un mero 10% nel Gennaio 2010 al fantasmagorico 54% di Ottobre. L’adozione così spasmodica del nuovo formato non può che portare un numero sempre maggiore di realtà e sviluppatori ad abbracciarlo pienamente, consci del fatto che HTML5 è supportato anche laddove altre tecnologie proprietarie ed inefficienti non lo sono, facendone strumenti poco adatti al mondo mobile.

(Qualcuno ha detto Flash?

Via MelaBlog

SpeedTest, su iOS arriva il test per lo streaming video
SpeedTest, su iOS arriva il test per lo streaming video
Netflix sfonda il tetto dei 200 milioni di abbonati, ma la strada del 2021 è in salita
Netflix sfonda il tetto dei 200 milioni di abbonati, ma la strada del 2021 è in salita
Nielsen vuole iniziare a conteggiare anche gli utenti in streaming
Nielsen vuole iniziare a conteggiare anche gli utenti in streaming
Taiwan, al via la censura ai servizi streaming cinesi
Taiwan, al via la censura ai servizi streaming cinesi
Quibi sta andando piuttosto male: dopo la prova gratuita crollano gli abbonati
Quibi sta andando piuttosto male: dopo la prova gratuita crollano gli abbonati
Mixer, gli streamer se ne fregano di Facebook Gaming e vogliono passare a Twitch
Mixer, gli streamer se ne fregano di Facebook Gaming e vogliono passare a Twitch
Youtube è il più grande rivale di Netflix, dice un nuovo report
Youtube è il più grande rivale di Netflix, dice un nuovo report