Fitodecontaminazione: le piante ci salveranno

11 anni fa

Una nuova tecnica di riqualificazione ambientale per bonificare le aree inquinate da metalli pesanti. È un nuovo risultato ottenuto dai ricercatori del CNR. Studi recenti hanno dimostrato l’efficacia della fitodecontaminazione, mediante cui, girasoli, mais e brassica (una pianta della famiglia dei cavoli), possono essere impiegati come sistemi di disinquinamento.

In sostanza, delle piante opportunamente “lavorate” vengono piantate per estrarre dal terreno, oltre ai soliti nutrimenti, anche i metalli inquinanti, che andranno a depositarsi su foglie e fusto.
Le piante belle gonfie di schifezze vengono poi bruciate a bassa temperatura in modo da evitare la reimmissione degli agenti inquinanti nell’atmosfera (e questa è la parte che un po’ mi lascia perplesso…è possibile?).

Una sperimentazione del CNR che potrebbe ridarci i terreni che abbiamo distrutto con la nostra avidità e la poca attenzione all’ambiente.
Speriamo bene.

Via www.chimici.info

Via Bazinga! grazie a Brian

Evacuazione d'emergenza al Polo Sud
Evacuazione d'emergenza al Polo Sud
Bill Gates e i Condom Next-Gen
Bill Gates e i Condom Next-Gen
Eyewire, un gioco per mappare il cervello
Eyewire, un gioco per mappare il cervello
Quando la Politica incontra la Scienza
Quando la Politica incontra la Scienza
Le pensioni agli immigrati, l'asteroide 2013TV135 e il Nobel per l'agricoltura
Le pensioni agli immigrati, l'asteroide 2013TV135 e il Nobel per l'agricoltura
Il mais OGM uccide
Il mais OGM uccide
(dis)Informazione scientifica
(dis)Informazione scientifica