India, cracker anti pirati

11 anni fa

i tratta di misure certo estreme, che hanno suscitato più di una perplessità tra gli osservatori. Una società indiana – Aiplex Software – pare infatti aver assoldato una squadra di cracker per lanciare una serie di attacchi di tipo denial-of-service contro tutti quei siti macchiatisi di ripetuta violazione del copyright.

A rivelarlo è stato Girish Kumar, managing director di Aiplex Software, nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano australiano The Age. Obiettivo primario dei cracker reclutati dalla sua azienda, intasare con milioni di richieste di connessione i server dei vari siti che ospitino contenuti illeciti.

Via Punto Informatico

Telegram, a Bari lo usavano come edicola digitale abusiva
Telegram, a Bari lo usavano come edicola digitale abusiva
Jack Dorsey e Jay Z uniscono le forze per sostenere il Bitcoin
Jack Dorsey e Jay Z uniscono le forze per sostenere il Bitcoin
PayPal, senza spiegazioni, si chiama fuori dal mercato interno indiano
PayPal, senza spiegazioni, si chiama fuori dal mercato interno indiano
Locuste: invadono (anche) il Sudamerica oltre India, Kenya e Sardegna
Locuste: invadono (anche) il Sudamerica oltre India, Kenya e Sardegna
Vendere R4 non è reato
Vendere R4 non è reato
FBI vs Apple
FBI vs Apple
Blackout di Wikipedia contro il SOPA
Blackout di Wikipedia contro il SOPA