OpenSolaris è morto, viva OpenIndiana #LegaNerd

Ieri sera, come era stato anticipato, si è tenuta a Londra la conferenza di presentazione di OpenIndiana. Con un po’ di ritardo sulla programmazione (tenendo anche conto del fuso orario) si è aperto un nuovo orizzonte per il defunto OpenSolaris. O, meglio è iniziata una nuova fase che muove da dove era stato lasciato il progetto originale da Sun Microsystems.
Più dell’annuncio in sé, di cui è stato predisposto uno streaming relativamente interessante, è il codice rilasciato a promettere bene. Si può già scaricare OpenIndiana Development 147, che come SchilliX e Nexenta riprende l’ultimo aggiornamento di OpenSolaris. La differenza principale è che, rispetto alle altre due distribuzioni, si tratta di un LiveCD completo.

Per uno che muore, cento ne nascono, e OpenIndiana sembra attualmente il progetto di rinascita più lanciato.

Via OSSBlog | OpenIndiana LiveCD Download

Alessio Marinelli a.k.a. Defkon1

Software developer, appassionato di tutto ciò che è possibile smontare e rimontare in modo differente, ma anche di cinema, fumetti e cucina.

Aree Tematiche
Linux Opensource Software
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd