Censura, l’Unione Europea prepara regole per rimuovere contenuti in un’ora

2 mesi fa

commissione europea

La nuova idea dell’Unione Europea, su carta, vuole essere assolutamente positiva: massimizzare la velocità di censura dei contenuti riconosciuti come terroristici obbligando ai provider internettiani a reagire agli ordini amministrativi nel giro di un’ora. Le aree d’ombra sono tuttavia molte e i potenziali risvolti negativi sono già adesso evidenti.

Prima di tutto: cosa vuol dire “terroristico”? Sembra un quesito facile, ma la storia ci ha insegnato che spesso gli uomini al potere abbiano la tendenza a etichettare i propri oppositori come pericolosi sobillatori, a prescindere dal fatto che questi adottino o meno la violenza come prima strategia d’azione.

In una simile definizione ci sono entrati per vie traverse i manifestanti pro-democrazia di Hong Kong, i contestatori dell’attuale Governo indiano, ma anche gli ecologisti statunitensi. Cosa questo voglia dire lo vediamo quotidianamente: l’India si è per esempio cucita addosso delle leggi che le permettono di oscurare i contenuti del web a lei sgraditi, anche quando questi muovono critiche del tutto lecite.

Per evitare simili abusi, l’Unione Europea ha esentato dalla censura le organizzazioni educative, i ricercatori, gli artisti e i giornalisti, tuttavia le cose potrebbero non filare del tutto lisce. Ogni singola nazione UE avrà la possibilità di applicare la legge a sua discrezione, dettaglio che certamente non fa tirare un sospiro di sollievo a coloro che vivono già in quei Paesi europei che mostrano pericolose derive antidemocratiche.

A preoccupare avvocati e attivisti è anche il termine molto ristretto con cui i fornitori dovranno reagire alle richieste dei Governi. Nessuno nega che intervenire repentinamente possa fare la differenza, tuttavia la scadenza di un’ora è talmente opprimente che potrebbe spingere molte Big Tech a intervenire a monte, creando dei filtri che vadano sin da subito a tagliar fuori alcune tematiche.

Nonostante le perplessità, in nuovo regolamento sarà presto pubblicato formalmente, il che vuol dire che potrà già essere messo in azione nel giro di dodici mesi.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Twitter: in Nigeria un tweet può costarti la prigione
Twitter: in Nigeria un tweet può costarti la prigione
Censura, anche Microsoft ha oscurato contenuti fastidiosi alla Cina
Censura, anche Microsoft ha oscurato contenuti fastidiosi alla Cina
Censura: la Cina ha fatto oscurare (temporaneamente) una pagina straniera
Censura: la Cina ha fatto oscurare (temporaneamente) una pagina straniera
Fake news: l'Unione Europea vuole più responsabilità da parte delle Big Tech
Fake news: l'Unione Europea vuole più responsabilità da parte delle Big Tech
TikTok: l'Unione Europea vuole capire come funziona il social
TikTok: l'Unione Europea vuole capire come funziona il social
Facebook: il Marketplace finisce nel mirino della Commissione Europea
Facebook: il Marketplace finisce nel mirino della Commissione Europea
Social, India censura chi critica la gestione della pandemia
Social, India censura chi critica la gestione della pandemia