SolarWinds, gli hacker stranieri hanno colpito persino la NASA

2 mesi fa

Pare che persino la NASA abbia dovuto cedere all’attacco hacker perpetrato attraverso SolarWinds (con sommo dispiacere del Governo).

Si sapeva che a essere colpite da i cybercriminali esteri – russi, secondo l’Intelligence USA – erano state nove agenzie governative. Sette di queste erano state nominate pubblicamente: il Dipartimento del Commercio, quello dell’Energia, della Sicurezza Nazionale, della Giustizia, dello Stato, del Tesoro e della Salute. Le due vittime del caso SolarWinds che erano ancora latitanti le ha citate oggi il Washington Post e sarebbero la NASA e la Federal Aviation Administration (FAA).

Raggiunte dalla celebre testata giornalistica, le due agenzie si sono rifiutate di commentare, ma non hanno neppure provveduto a negare le illazioni.

In risposta al cyberattacco, l’Amministrazione Biden starebbe in ogni caso preparando una serie di sanzioni nei confronti della Russia, sanzioni che si sommerebbero a quelle ideate per “punire” la detenzione da parte di Vladimir Putin del principale oppositore politico del Paese, Aleksej Navalnyj.

Anne Neuberger, ex direttrice della National Security Agency (NSA) e ora membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, ha sostenuto che l’attacco subito dagli USA sia stato articolato e capillare, che abbia sicuramente richiesto mesi di pianificazione e che richiederà altrettanto tempo per essere dipanato nella sua interezza.

A sua volta, l’NSA deve tuttavia tenere testa a qualche imbarazzo: un gruppo israeliano ha suggerito che Jian, noto spyware cinese, non sia altro che un malware statunitense modificato quanto basta perché possa essere aizzato contro gli stessi USA.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

SpaceX: youtuber si avvicina alla base di lancio, in barba alla sicurezza
SpaceX: youtuber si avvicina alla base di lancio, in barba alla sicurezza
SolarWinds: Amazon sa qualcosa, ma proprio non vuole dirlo
SolarWinds: Amazon sa qualcosa, ma proprio non vuole dirlo
Non tutti quelli colpiti dal caso SolarWinds erano clienti dell'azienda
Non tutti quelli colpiti dal caso SolarWinds erano clienti dell'azienda
Accordo Italia-Nasa: nel 2024 andremo sulla Luna
Accordo Italia-Nasa: nel 2024 andremo sulla Luna
Chris Cassidy e lo specchietto perduto nello spazio
Chris Cassidy e lo specchietto perduto nello spazio
Mary Jackson: la NASA intitola il quartier generale alla prima ingegnera afroamericana che lavorò per l'agenzia
Mary Jackson: la NASA intitola il quartier generale alla prima ingegnera afroamericana che lavorò per l'agenzia
Acqua di Marte
Acqua di Marte