TikTok è diventato il campo di battaglia per l’anima politica della Russia

2 mesi fa

putin

La Russia di Putin sta incappando in proteste sempre più animate, con TikTok che diventa lo sfondo di propagande e contropropagande.

I giovani si esprimono con i mezzi che hanno, quindi le manifestazioni di dissenso politico non potevano che finire sul più popolare video-social del momento, TikTok. Anche il Governo si da da fare, sia sul piano della censura che su quello del media-management.

Facciamo un passo indietro: la pandemia ha inferto all’economia russa un duro colpo, enfatizzando non poco i dissapori di un popolo messo a dura prova dal regime di un leader polito che è nato in seno al KGB.

A questa situazione limite si aggiunge la carismatica figura del camaleontico Aleksej Navalnyj, personaggio politico che è passato praticamente per ogni parrocchia ideologica: neoliberismo, nazionalismo di estrema destra, populismo sociale di sinistra.

Ora, Navalnyj viene considerato il principale oppositore di Putin, ruolo che lo ha posto sotto i riflettori mondiali, soprattutto da che la Germania ha dovuto accoglierlo a causa di un avvelenamento che molti attribuiscono ad agenti russi.

La sua figura di contestatore ha accolto le simpatie di molti, soprattutto dei giovani, i quali si sono scatenati in piazza e sulla Rete. Recentemente Navalnyj è stato arrestato, il che ha ulteriormente fomentato gli animi.

Il Governo è riuscito a tacciare alcuni video sollecitando a TikTok la cancellazione di tutte le clip in cui si chiedeva esplicitamente di manifestare contro il Governo o di compiere azioni violente, ma in altri casi c’è stato ben poco da fare.

Gli utenti stracciano il loro passaporto, altri sostituiscono i ritratti di Vladimir Putin con quelli del suo rivale, altri ancora spiegano come equipaggiarsi per scendere in piazza senza patire il rigido clima locale. Il tutto mosso dall’ashtag #занавального, “per Navalnyj“.

La Russia non è certo una sprovveduta, per quanto concerne la manipolazione di internet, tuttavia questa volta è stata colta con la guardia abbassata e ha agito in modo goffo, ovvero ha contattato influencer a tappeto, offrendo dai 25 ai 50 euro perché consigliassero ai propri follower di non seguire la moda dissidente.

La cosa è trapelata immediatamente. Agli interessati è stata fornita una cartelletta con delle frasi prefabbricate su cui calcare la mano. “I contestatori provocano la polizia”, “siano stanchi di Navalnyj”, “vogliamo pace e tranquillità” e “Navalnyj è finanziato dall’Occidente”, sono i mantra più utilizzati.

Non solo, l’Amministrazione russa ha iniziato ad aprire tutta una serie di account su TikTok atti a caricare quel genere di propaganda machista e trash che è squisitamente post-sovietica. Vedere per credere.

 

@mchs.russia

Вы только посмотрите, что могут наши сотрудники! Отправляйте свою реакцию в комментариях!Спасибо за предоставленное видео @anatoly.doletsky

♬ оригинальный звук – МЧС России

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

TikTok cerca finalmente di bloccare l'hate speech in Birmania
TikTok cerca finalmente di bloccare l'hate speech in Birmania
USA, la vendita di TikTok a Walmart è sospesa a tempo indefinito
USA, la vendita di TikTok a Walmart è sospesa a tempo indefinito
Degli hacker hanno letto il codice sorgente di Microsoft
Degli hacker hanno letto il codice sorgente di Microsoft
Coronavirus, la Russia rivela il vero numero di morti subite dal Paese
Coronavirus, la Russia rivela il vero numero di morti subite dal Paese
TikTok, ennesima proroga per la vendita agli Stati Uniti
TikTok, ennesima proroga per la vendita agli Stati Uniti
Troll stranieri stanno interferendo nelle elezioni USA
Troll stranieri stanno interferendo nelle elezioni USA
Trump vieta alle aziende USA di comprare TikTok e WeChat
Trump vieta alle aziende USA di comprare TikTok e WeChat