Nessuna pace per QAnon, anche Clapper finisce per bandirli

20
2 mesi fa

 

clapper

Il movimento complottista QAnon sembrava aver trovato il suo Eden sull’app Clapper, ma la sua presenza sul social non è più gradita.

Dopo qualche mese di “convivenza”, il CEO del programma, Edison Chen, ha infatti deciso che il troppo stroppa e ha incominciato a schierare i suoi moderatori per rimuovere centinaia di contenuti. L’uomo promette ora una politica di “tolleranza zero” nei confronti della controversa ideologia, al costo di rinunciare ai suoi utenti più affezionati.

Fino a non molto tempo fa gli esponenti della alt-right statunitense avevano scelto l’app Parler come loro hub principale. Dopo l’assalto al Campidoglio USA, però, QAnon è finita nella lista nera di ogni azienda e Parler è stata abbandonata dal suo provider, scomparendo nell’offline.

I complottisti si sono quindi visto costretti a migrare verso un omologo di TikTok nato da poco, Clapper, il quale prometteva di essere un’app di “libertà di parola e video brevi”. In poco tempo il social è diventato un archivio di video di estrema destra, di sproloqui negazionisti e di propagande no-vax.

Chen ha quindi deciso di rimuovere più di 400 video, nonché di cancellare 20 account, inoltre ha segnalato di aver assunto ulteriori moderatori, nella speranza di riuscire a coprire in dieci giorni il milione di video ospitati dai suoi server.

Prendiamo la cosa molto seriamente. Dopo aver investigato, abbiamo deciso di agire così da rimuovere e bandire gli account che riguardano QAnon e la disinformazione sui vaccini… soggetti che sono in contrasto con la nostra mission.

Da oggi, se gli utenti dovessero caricare contenuti collegati a QAnon, questi saranno rimossi immediatamente. Abbiamo tolleranza zero per QAnon,

ha riferito Chen alla testata The Verge.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Robinhood: ragazzo si toglie la vita pensandosi in rosso, parte la causa
Robinhood: ragazzo si toglie la vita pensandosi in rosso, parte la causa
App Store ha generato 519 miliardi di dollari in acquisti a beneficio di aziende terze, dice Apple
App Store ha generato 519 miliardi di dollari in acquisti a beneficio di aziende terze, dice Apple
Neureka! La ricerca sulla salute del cervello: dal laboratorio allo smartphone
Neureka! La ricerca sulla salute del cervello: dal laboratorio allo smartphone
Immuni, l'app non compatibile con tutti gli smartphone: ecco su quali non va
Immuni, l'app non compatibile con tutti gli smartphone: ecco su quali non va
Affective Health: ecco come lo smartphone leggerà le nostre emozioni
Affective Health: ecco come lo smartphone leggerà le nostre emozioni
Atracker: ecco l'applicazione per gestire il tempo ora che siete a casa
Atracker: ecco l'applicazione per gestire il tempo ora che siete a casa
Finalmente Microsoft ammette ufficialmente che Windows Phone è morto
Finalmente Microsoft ammette ufficialmente che Windows Phone è morto