C’era vita su Mercurio? “Non è un’idea completamente pazza”

19
3 anni fa

Mercurio

Secondo uno studio pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Scientific Reports, c’è una piccolissima possibilità che sul pianeta Mercurio ci fossero state le condizioni per ospitare la vita.

Difficile pensare che su Mercurio ci fossero le caratteristiche idonee alla vita: infatti, il pianeta più vicino al Sole, è privo di atmosfera e le sue temperature possono raggiungere fino a 430 gradi Celsius. Ma secondo lo studio del Planetary Science Institute, in un lontano passato, potrebbe aver avuto gli ingredienti chimici per ospitare la vita sotto la sua superficie.

Il co-autore Jeffrey Kargel del Planetary Science Institute ha spiegato al New York Times:

È possibile che fino a quando c’era l’acqua, le temperature fossero state appropriate per la sopravvivenza e forse l’origine della vita

Secondo la ricerca del team di ricercatori, la superficie “caotica” di Mercurio non sarebbe il risultato di terremoti o impatti con asteroidi – come si è pensato fino ad oggi – ma le crepe sulla superficie potrebbe essere state causate da sostanze volatili: elementi che possono rapidamente passare da uno stato a un altro come un liquido che si trasforma in un gas, ribollendo dal basso.

E su Mercurio una sostanza volatile potrebbe essere stata l’acqua, grazie alla quale un ambiente potrebbe ospitare la vita. Una vita però solo sotterranea visto che la superficie di Mercurio è troppo calda e quindi inospitale per una qualsiasi forma di vita. L‘idea della vita su Mercurio non è così assurda, ma c’è ancora molto da lavorare. I ricercatori sembrano però piuttosto fiduciosi, come si evince dalle parole di Kargel:

Più ho approfondito le prove geologiche e più ho pensato alla chimica e alle condizioni fisiche lì (Mercurio ndr), più ho capito che questa idea – beh, potrebbe essere pazza, ma non è completamente pazza.

Lo studio è il risultato delle analisi sui dati raccolti dal veicolo spaziale MESSENGER della NASA che ha orbitato attorno a Mercurio tra il 2011 e il 2015

 

 

Artemis 1 è partito e sta volando verso la Luna
Artemis 1 è partito e sta volando verso la Luna
UAP: un'italiana nel team NASA che studia gli UFO
UAP: un'italiana nel team NASA che studia gli UFO
SpinLaunch: le prime apparecchiature, compreso un carico della NASA, lanciate con la 'fionda'
SpinLaunch: le prime apparecchiature, compreso un carico della NASA, lanciate con la 'fionda'
Artemis: nessun danno di volo, pronti per il lancio
Artemis: nessun danno di volo, pronti per il lancio
La NASA e SpaceX vogliono estendere la vita del telescopio spaziale Hubble
La NASA e SpaceX vogliono estendere la vita del telescopio spaziale Hubble
Artemis 1: problemi più che normali per il ritorno sulla Luna
Artemis 1: problemi più che normali per il ritorno sulla Luna
Nane rosse e mini pianeti orbitanti
Nane rosse e mini pianeti orbitanti

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.