C’era una volta a… Hollywood: intervista a Quentin Tarantino

2 anni fa

Abbiamo incontrato Quentin Tarantino a Roma, dove è arrivato con Leonardo DiCaprio e Margot Robbie, protagonisti del suo nono film, C’era una volta a… Hollywood, ambientato nella Los Angeles del 1969. Sarà davvero uno dei suoi ultimi film?

Dopo essere passato in concorso al 72esimo Festival di Cannes, suscitato grandi amori e odi, scatenato polemiche e, almeno in Italia, essersi fatto attendere per mesi, è finalmente in sala, dal 18 settembre, C’era una volta a… Hollywood, nono film di Quentin Tarantino che, per stessa ammissione del regista, sarà uno dei suoi ultimi lavori.

Sinceramente facciamo fatica a credergli (così, se dovessimo azzardare una previsione, lo vediamo lanciato prima in tv e poi ritornare presto sul set cinematografico, che, matrimonio e desiderio di diventare padre o meno, è il suo habitat naturale), ma prendiamo davvero per buona questa sua dichiarazione: questa sua nona pellicola non potrebbe essere più malinconica.

 

 

Ambientata nella Los Angeles del 1969, racconta la storia di Rick Dalton (il premio Oscar Leonardo DiCaprio), attore televisivo passato al grande schermo, che vede sfumare sempre più la sua carriera. A fargli da autista, ma sopratutto da motivatore, è la sua contro figura, Cliff Booth (Brad Pitt), che ha un passato nebuloso.

Le loro vite hanno una scossa quando scoprono che la loro nuova, bellissima, vicina di casa è Sharon Tate (Margot Robbie), che ha sposato il regista Roman Polanski e ha tutte le carte in regola per diventare una star, famiglia di Charles Manson permettendo.

 

 

C’era una volta a… Hollywood: abbiamo incontrato Quentin Tarantino a Roma

Da sempre legatissimo all’Italia (in C’era una volta a… Hollywood vengono esplicitamente omaggiati, anche se in modo non lusinghiero, gli Spaghetti western), Quentin Tarantino ha incluso anche Roma nel suo tour promozionale del film: lo scorso agosto il regista è arrivato nella capitale insieme a due dei suoi protagonisti, Leonardo DiCaprio e Margot Robbie.

 

 

 

 

Accolto da una folla numerosissima e adorante, il regista si è speso molto sul red carpet, cercando di firmare quanti più autografi possibile. Siamo riusciti a intervistarlo e, visto il suo amore per gli attori, gli abbiamo chiesto come si comporta quando vede che uno dei suoi protagonisti ha delle insicurezze, come succede a Rick Dalton, il personaggio interpretato da DiCaprio. Tarantino si comporta da padre, da amico, oppure si trasforma nel sergente Hartman?

No, soprattutto se qualcuno ha insicurezze, il modo migliore per affrontarle è incoraggiarlo: devi far sapere agli attori che va tutto bene. Li ho scelti per un motivo: sono le persone migliori per quella parte. Se noto delle insicurezze semplicemente li lascio stare, li incoraggio, cerco di aiutarli parlando: tengo loro la mano fino a quando non ritrovano la sicurezza.

 

C’era una volta a… Hollywood è in sala dal 18 settembre.

Killers of the Flower Moon ha iniziato con le riprese
Killers of the Flower Moon ha iniziato con le riprese
The Lost City of D: Brad Pitt avrà un cameo nel film di Sandra Bullock
The Lost City of D: Brad Pitt avrà un cameo nel film di Sandra Bullock
C'era una volta a Hollywood: Margot Robbie e il taglio di 20 ore del film di Quentin Tarantino
C'era una volta a Hollywood: Margot Robbie e il taglio di 20 ore del film di Quentin Tarantino
Titanic: perché 20 anni dopo il film di James Cameron emoziona ancora
Titanic: perché 20 anni dopo il film di James Cameron emoziona ancora
Killers of the Flower Moon: Tantoo Cardinal nel cast del film di Scorsese
Killers of the Flower Moon: Tantoo Cardinal nel cast del film di Scorsese
QT8: il documentario su Quentin Tarantino in esclusiva su MioCinema
QT8: il documentario su Quentin Tarantino in esclusiva su MioCinema
Fight Club: il commento poco elegante di Paul Thomas Anderson al film
Fight Club: il commento poco elegante di Paul Thomas Anderson al film