Un altro record raggiunto dalla sonda OSIRIS-REx

3 anni fa

Il 12 giugno la sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA ha eseguito una manovra di navigazione raggiungendo un nuovo record come navicella che ha orbitato più vicino ad un corpo celeste.

La navicella si è avvicinata fino a 680 metri dalla superficie dell’asteroide Bennu, il precedente record di OSIRIS-REx era di circa 1,3 chilometri.

Gli scienziati hanno notato avvicinandosi all’asteroide che delle particelle venivano espulse nello spazio dalla sua superficie.

Gli scienziati hanno notato avvicinandosi all’asteroide che delle particelle venivano espulse nello spazio dalla sua superficie. Per capire meglio il fenomeno, le prime due settimane di Orbital B, questo il nome dell’orbita su cui si muove, saranno dedicate all’osservazione di questi eventi scattando immagini frequenti dell’orizzonte dell’asteroide.

Inoltre durante la sua permanenza nell’Orbital B, la sonda utilizzerà tutti gli strumenti scientifici in dotazione per mappare le caratteristiche principali della superficie di Bennu e per selezionare il miglior sito di raccolta dei campioni.

I campioni di questo asteroide primitivo aiuteranno gli scienziati a comprendere la formazione del Sistema Solare oltre 4,5 miliardi di anni fa.

La raccolta dei campioni è prevista per l’estate 2020 con consegna agli scienziati sulla Terra nel settembre 2023.

 

 

Artemis 1 è partito e sta volando verso la Luna
Artemis 1 è partito e sta volando verso la Luna
Spazio: nel 2014 un asteroide interstellare finì sulla Terra
Spazio: nel 2014 un asteroide interstellare finì sulla Terra
Asteroidi: scoperto il più grande killer di pianeti
Asteroidi: scoperto il più grande killer di pianeti
UAP: un'italiana nel team NASA che studia gli UFO
UAP: un'italiana nel team NASA che studia gli UFO
DART: comparsa, a sorpresa, una seconda coda di polvere
DART: comparsa, a sorpresa, una seconda coda di polvere
Asteroide vicino al sole che potrebbe causare un incidente planetario
Asteroide vicino al sole che potrebbe causare un incidente planetario
Difesa Planetaria: la sonda DART devia la direzione dell'asteroide
Difesa Planetaria: la sonda DART devia la direzione dell'asteroide

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.