OpenAI ha mostrato che l’intelligenza artificiale può essere curiosa

3 anni fa

Alcuni ricercatori di OpenAI hanno ben pensato di provare ad inserire negli algoritmi che regolano il comportamento di una intelligenza artificiale un elemento particolare: la curiosità. L’IA in questo modo potrebbe imparare in autonomia.

Lo studio ha provato che se un algoritmo per IA è addestrato con una definizione di curiosità, ossia gli viene insegnato ad investigare senza avere però obiettivi specifici, l’IA è in grado di andare alla ricerca, per conto proprio, di informazioni e apprendimento.
Durante lo studio l’IA ha esplorato ad esempio più di 50 videogame, sviluppando anche una certa abilità durante le partite. Il tutto senza che nessuno abbia indirizzato questo comportamento.
La curiosità però ha portato con sé anche un lato meno positivo: la costante ricerca di novità ha portato l’intelligenza artificiale a perdere di proposito partite per vedere un differente risultato (la schermata di game over) oppure a saltare da un canale televisivo all’altro in continuazione, alla costante ricerca di nuovi contenuti da esplorare.
Un algoritmo troverà i nuovi geni della musica
Un algoritmo troverà i nuovi geni della musica
Disney userà un'Intelligenza Artificiale per eliminare le discriminazioni di genere dai suoi film
Disney userà un'Intelligenza Artificiale per eliminare le discriminazioni di genere dai suoi film
Top Gun, Scene Memorabili e Curiosità dal Cult anni '80
Top Gun, Scene Memorabili e Curiosità dal Cult anni '80
Battuto all'asta per 432.500 dollari un quadro generato da intelligenza artificiale
Battuto all'asta per 432.500 dollari un quadro generato da intelligenza artificiale
Google guarda i tuoi movimenti e crea una gif corrispondente con Move Mirror
Google guarda i tuoi movimenti e crea una gif corrispondente con Move Mirror
Draw This, la fotocamera istantanea che stampa disegnini
Draw This, la fotocamera istantanea che stampa disegnini
Ideata al MIT una IA in grado di percepire le persone attraverso i muri
Ideata al MIT una IA in grado di percepire le persone attraverso i muri