Venezia 73: conferenza stampa e programma

Venezia 73

Ad aprire Damien Chazelle e il suo La La Land, a chiudere Antoine Fuqua con I Magnifici 7. Dall’inizio alla fine Venezia 73, annuale mostra del cinema che si svolgerà dal 31 Agosto all’11 Settembre, si presenta come un enorme omaggio al cinema di ogni genere, aperto a qualsiasi tipo di pubblico, dalla nicchia al mainstream. Un appuntamento immancabile con moltissime novità per quest’anno e il prossimo anno cinematografico.

Si è svolta oggi a Roma la conferenza stampa della 73esima Mostra del Cinema di Venezia, presieduta dal presidente Paolo Baratta e dal direttore Alberto Barbera.

Oltre 60 i film scelti, su più di  2.200 pellicole visionate, tra le categorie In Concorso, Fuori Concorso, Orizzonti e la nuova categoria Cinema del Giardino.

Il diretto Alberto Barbera dichiara:

Ogni anno dico che il cinema d’autore è orientato a riflettere sulle tematiche della realtà, ma il cinema è destinato a cambiare e ogni anno ci troviamo di fronte ad approcci cinematografici differenti.

Tra i film di quest’anno c’è un rapporto mediato con le realtà attraverso la letteratura, il teatro, la storia, la fantascienza. Ci sono pellicole che traggono i loro spunti dal romanzo come fa, per esempio, un grande maestro del cinema come Win Wenders e il suo Les beaux jours d’Aranjuez, una riflessione sull’amore; il teatro è lo spunto di François Ozon e il suo Frank, tratto da una piéce degli anni ’30, portata al cinema per la prima volta nel ’32 da Lubitsch; Denis Villeneuve assieme Amy Adams e Jeremy Renner attraversa i confini della fantascienza, mentre il regista del momento, Pablo Larraín porta sul grande schermo il ritratto di una grande donna: Jackie Kennedy, interpretata da Natalie Portman.

Assolutamente atteso il film d’apertura, nonché in concorso, La La Land del bravissimo Damien Chazelle, regista e sceneggiatore di Whiplash.

 

A Venezia non manca il melodramma, in questo caso il portavoce è Derek Cianfrance e il suo The Light Between Oceans con Michael Fassbender e Alicia Vikander, protagonisti del tappeto rosso.

Tra i grandi autori troviamo Tom Ford e il suo Nocturnal Animals e Terrence Malick con il documentario Voyage of Time, interpretato da Cate Blanchett.

Mancano all’appello autori come Martin Scorsese o titoli come Sully di Clint Eastwood e Miss Peregrine di Tim Burton che, per problemi di post produzione e distribuzione, non hanno potuto far par parte del festival.

Nel fuori concorso fa capolino Paolo Sorrentino con la sua serie Young Pope

Nel fuori concorso fa capolino Paolo Sorrentino con la sua serie Young Pope, di cui verranno proiettati i primi due episodi, e aggiunta dell’ultimo momento Planetarium di Rebecca Zlotowski con Natalie Portman, Lily-Rose Depp e Emmanuel Salinger.

Tra le novità di quest’anno una nuova sala, finanzia dalla Biennale stessa, di oltre 400 posti dove prenderà vita la già citata nuova sezione, una selezioni di titoli più aperti al pubblico mainstream, il Cinema del Giardino.
Inoltre sono 40 le opere, di diversa fattura e genere, esposte dal mercato per cercare la migliore distribuzione nelle sale.

Le novità di quest’anno sono importanti e cominciano proprio con il mercato.

Quest’anno Venezia si tinge davvero di nuovo, e il suo aprirsi a nuovi modelli di cinema, che non riguardino esclusivamente la nicchia o il cinema d’autore, ne è la prova.

Le notizie sugli ospiti non sono ancora ufficiali, durante la conferenza sono stati dati certi Chris Pratt e Denzel Washington per I Magnifici Sette, Emma Stone e Ryan Gosling per La La Land, Michael Fassbender e Alicia Vikander per The Light Between Oceans. Voci di corridoio sussurrano anche: Cate Blanchett, Mel Gibson, Jude Law, Amy Adams, Jake Gyllenhaal, Natalie Portman e Michael Shannon.

Attendiamo però qualche certezza in più e qualche nuovo nome, soprattutto sul fronte regia!

Non mancheranno di certo gli omaggi, soprattutto quelli dedicati ai grandi artisti scomparsi, in questo caso Michael Cimino con la proiezione in pellicola di L’anno del dragone, e l’omaggio ad Abbas Kiarostami con 24 Frames e This is my Film: 76 minutes and 15 Seconds with Kiarostami, realizzato dal direttore della fotografia Seifollah Samadian.

Un concorso veramente ricchissimo, che lascia enorme spazio all’aspettativa; ma le sorprese a Venezia non sono ancora finite. Verrà infatti proiettata una versione restaurata di Zombi (Dawn of the Dead), film del 1978 di George Romero, presentata dal visionario Nicolas Winding Refn.

Conoscendo il Festival, sappiano che qualche chicca dell’ultimo minuto ci potrà ancora essere.

Intanto ecco la lista dei film nelle varie sezioni:

 

Concorso

  • The Bad Batch, di Ana Lily Amirpour
  • Une vie, di Stephane Brize
  • The Light Between Oceans, di Derek Cianfrance
  • El ciudadano illustre, di Mariano Cohn e Gaston Duprat
  • Spira Mirabilis, di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
  • The woman who left, di Lav Diaz
  • La region salvaje, di Amat Esclalante
  • Nocturnal Animals, di Tom Ford
  • Piuma, di Roan Johnson
  • Rai (Paradise), di Andrei Konchalovsky
  • Brimstone, di Martin Koolhoven
  • On the milky road, di Emir Kusturica
  • Voyage of Time, di Terrence Malick
  • El Cristo ciego, di Christopher Murray
  • Frantz, di Francois Ozon
  • Questi giorni, di Giuseppe Piccioni
  • Arrival, di Denis Villeneuve
  • Les beaux jours d’Aranjuez, di Wim Wenders
  • Jackie, di Pablo Larrain

 

Fuori Concorso

  • The Young Pope (ep. 1 e 2), di Paolo Sorrentino
  • The Bleeder, di Philippe Falardeau
  • The Magnificent Seven, di Antoine Fuqua
  • Hacksaw Ridge, di Mel Gibson
  • Planetarium, di Rebecca Zlotowski
  • The Journey, di Nick Hamm
  • A jamais, di Benoit Jaquot
  • Gantz:O, di Kawamura Yasushi
  • The age of Shadows, di Kim Jee woon
  • Monte, di Amir Naderi
  • Tommaso, di Kim Rossi Stuart

 

 

Orizzonti

  • Tarde para la ira, Raul Arevalo
  • King of the Belgians, Peter Brosens, Jessica Woolworth
  • Through the Wall, Rama Burshtein
  • Liberami, Federica Di Giacomo
  • Big Big World, Reha Erdem
  • Gukuroku, Ishikawa Kei
  • Maudit Poutine, Karl Lemieux
  • Sao Jorge, Marco Martins
  • Dawson City: Frozen Time, Bill Morrison
  • Reparer les vivants, Katell Quillevere
  • White Sun, Deepak Rauniyar
  • Malaria, Parviz Shahbazi
  • Kekszakallu, Gaston Solnicky
  • Home,” Fien Troch
  • Die Einsiedler, Fien Troch
  • Il più grande sogno, Michele Vannucci
  • Boys in the Trees, Nicholas Verso
  • Bitter Money, Wang Bing

 

 

Proiezioni Speciali

  • Dark Night, Tim Sutton
  • Planetarium, Rebecca Zlotowski

 

 

Cinema nel Giardino

  • Inseparables, Marcos Carnevale
  • Franca: Chaos and Creation, Francesco Carrozzini
  • In Dubious Battle,” James Franco
  • The Net, Kim Ki-duk
  • L’estate addosso, Gabriele Muccino
  • The Secret Life of Pets, Chris Renaud, Yarrow Cheney
  • Robinu, Michele Santoro
  • My Art, Laurie Simmons

 

Maggiori dettagli sui film e sulle sezioni dei Classici potete trovarli al sito dedicato alla Mostra.

Vi ricordo che dal 31 Agosto all’11 Settembre Lega Nerd sarà presente al Festival di Venezia, pronti per tenervi sempre aggiornati tra Live Recap e recensioni, quindi occhio alla pagina Facebook e al nostro sito!
Seguite gli aggiornamenti da #Venezia73 sul nostro hub dedicato: leganerd.com/venezia73
Gabriella Giliberti

Gabriella Giliberti a.k.a. Gabriella Giliberti

Critico cinematografico, entertainment editor e video editor. Cinefila e bookaholic incallita. Ossessionata dalle serie tv. Nerd inside. Lunatica e ossessionata dai gatti. Ha fatto delle sue passioni un mestiere. Laureata in cinema e due diplomi di Alta Formazione in sceneggiatura. Collabora come giornalista video e critico cinematografico anche per Cinecittà Luce Video Magazine e Movieplayer.it. Video editor per Multiplayer.it e vlogger per Rai Gulp. Ha collaborato con Cinematographe, Vertigo 24 e Nucleo Artzine.
Aree Tematiche
Cinema Entertainment
Tag
giovedì 28 luglio 2016 - 17:02
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd