BeeHex, il robot che stampa la pizza in 3D

6 anni fa

Pizza 3D

BeexHex è l’ultima frontiera della tecnologia, un robot che stampa la pizza in 3D.

Se in Italia, la patria della pizza, consideriamo quasi sacro questo alimento, lo stesso non si può dire per gli abitanti degli Stati Uniti, famosi per aver introdotto singolari ingredienti di contorno per la nostro amato prodotto gastronomico (pizza all’ananas).

L’ultima frontiera della stampa in 3D vede però la tecnologia applicata sempre di più al settore dell’alimentazione e, dopo la pasta di Barilla stampata in 3D, un’azienda statunitense vuole stampare la pizza.

 

https://www.youtube.com/watch?v=HsCwd4ABM5U

 

Secondo gli inventori, la loro pizza è buonissima. C’è da fidarsi?

Si chiama BeeHex ed è un robot ideato da un’azienda omonima che si propone di realizzare una pizza su misura. Secondo gli inventori il risultato è eccellente e la loro pizza è buonissima. C’è da fidarsi? A giudicare dalle foto ci viene qualche dubbio.

Potete inoltre scordarvi i classici ingredienti come farina, lievito, pomodoro e fiordilatte; la pizza, con BeeHex si stampa in 3D con una miscela di ingredienti a base liquida/molle e l’aspetto finale della pizza non è molto invitante; chissà il sapore…

 

 

Pizza stampata in 3D: idea geniale o follia?

 

 

SBrick.js: Robotica semplificata grazie a LEGO, SBrick e Web Bluetooth
SBrick.js: Robotica semplificata grazie a LEGO, SBrick e Web Bluetooth
Amazon Dash Botton, il bottone smart per acquisti online
Amazon Dash Botton, il bottone smart per acquisti online
Apple AirPods, un mockup nel colore Jet Black
Apple AirPods, un mockup nel colore Jet Black
Olo, la stampante 3D per smartphone tutta italiana
Olo, la stampante 3D per smartphone tutta italiana
PizzaDome, il forno da campeggio che ti ricarica lo smartphone
PizzaDome, il forno da campeggio che ti ricarica lo smartphone
Dubai, ecco il primo edificio stampato in 3D
Dubai, ecco il primo edificio stampato in 3D
Making Sense, quando arte e making si incontrano
Making Sense, quando arte e making si incontrano