Around the Universe: Road to Mercurio!

7 anni fa

4 minuti

WDF_552115

Benvenuti amanti dell’astronomia! Oggi partiremo con una rubrica che andrà a descrivere tutte le missioni spaziali che hanno interessato i pianeti del sistema solare fino ad oggi. Il primo corpo celeste che visiteremo è Mercurio.

Mercurio è il pianeta più vicino al sole, la sua superficie subisce grandi variazione termiche con temperature che oscillano dai 470 gradi dal giorno ai -170 della notte ciò è dovuto anche ad un essenza di una vera atmosfera che distribuisce uniformemente il calore nel pianeta.

 

 

Mariner 10

Mariner 10 fu l’ultima sonda del programma Mariner condotto dalla Nasa per l’esplorazione di Mercurio,Venere e Marte.

La prima sonda che visitò Mercurio è stata la Mariner 10 che è stata lanciata il 3 novembre 1973 dal Kennedy Space Center. Questa sonda detiene diversi primati:

  1. é stata la prima a visitare due pianeti (Mercurio e Venere)
  2. è stata la prima ad utilizzare l’effetto fionda.
  3. è stata la prima a fotografare Venere.
  4. è stata la prima ad effettuare più sorvoli sullo stesso corpo celeste ( tre sorvoli di mercurio).

L’obbiettivo primario di Mariner 10 era lo studio dell’eventuale atmosfera e della caratteristiche fisiche di Mercurio.

 

Mariner10

La sonda Mariner 10

 

Durante i tre sorvoli da parte di Mariner 10 su Mercurio si scoprirono molte cose.

Essa ha scattato circa 6000 fotografie delle superficie di Mercurio comprendo il 40% del totale inoltre si è potuto osservare come la superficie fosse molto simile a quella della Luna.

Mercurio ha subito un pesante bombardamento di meteoriti nel corso del primo miliardo di vita del sistema solare questo spiega i vari crateri presenti sulla sua superficie. Il più grande è il Mare di Caloris con un raggio di impatto pari a 680 Km ( la distanza in linea d’aria tra Palermo e Pisa).

 

Il mare di Caloris fotografato da Mariner 10.

 

Mariner_10_1975_Issue-10cMariner 10 ha evidenziato una atmosfera debole dovuta essenzialmente a gas esalati dall’atmosfera e delle particelle che provengono dall’attività solare ma la scoperta più significativa è stata la presenza di un campo magnetico con un intensità pari all’1% di quello terrestre, il campo magnetico presenta due poli ed è orientato nella stessa direzione dell’asse di rotazione.

 

Mariner10-IT

 

Il costo totale del programma Mariner fu di 554 milioni di dollari e proprio Mariner 10 fu la missione più onerosa con un costo di 100 milioni di dollari.

Prima del sorvolo si riteneva che Mercurio non avesse un campo magnetico perchè questo è solitamente associato ad un elevata velocità di rotazione cosa che Mercurio non ha.

La presenza di un campo magnetico permette a Mercurio di deviare le particelle cariche del vento solare.

 

 

 

Messenger

Dopo oltre 30 anni, il 3 agosto 2004 parte la missione Messenger all’indirizzo di Mercurio.

Per poter essere il primo veicolo spaziale ad inserirsi nell’orbita di Mercurio, Messenger ha effettuato un fly-by della Terra, due di Venere e tre di Mercurio. L’entrata in orbita è avvenuta il 18 Marzo del 2011.

Messenger fu creata e costruita alla John Hopking University, il suo costo è stato di 450 milioni di dollari.

Grazie a Messenger abbiamo mappato l’intera superficie di Mercurio.

 

Mappa globale di Mercurio

Mappa globale di Mercurio

 

Grazie a Messenger abbiamo scoperto che nei crateri del pianeta c’è molto ghiaccio d’acqua.

Grazie a Messenger abbiamo scoperto che nei crateri del pianeta c’è molto ghiaccio d’acqua anche se si superano punte di 400 gradi sulla superficie il fondo di questi crateri rimane nell’ombra consentendo la permanenza del ghiaccio.

Inoltre si è scoperto che Mercurio è il pianeta più denso del sistema solare dopo la Terra, nel complesso la sua superficie ricorda i meteoriti ferrosi. Si è scoperto che il nucleo di mercurio occupa il 42% del suo volume rispetto il 17% occupato dal nucleo sulla terra.

 

Tecnici preparano Messenger prima del lancio

Tecnici preparano Messenger prima del lancio

 

Notevoli passi avanti sono stati fatti sul campo magnetico di Mercurio. Il magnetometro di Messenger ha datato il campo magnetico tra i 3,7 e i 3,9 miliardi di anni fa ed è esso è generato dal nucleo in ferro del pianeta.

Infine si è scoperto come Mercurio ha una coda invisibile all’occhio umano dovuta non solo all’azione diretta della luce solare ma anche alla bassa gravità del pianeta che non riesce a trattenere il materiale sulla superficie e quindi esso si perde nello spazio.

 

Coda di Mercurio

Coda di Mercurio

 

Il 30 aprile 2015 la missione si è conclusa con lo schianto della sonda sulla superficie di Mercurio.

 

 

Missioni future:  BepiColombo

La prossima missione verso Mercurio ha come data di lancio il 27 gennaio 2017 ad opera dell’ESA e del JAXA (Agenzia spaziale giapponese).

La missione prevede numero sorvoli per poi entrare in orbita il primo gennaio 2024.

 

 

 

Marte: si può stampare in 3D con i minerali e i metalli marziani
Marte: si può stampare in 3D con i minerali e i metalli marziani
L'equinozio d'autunno concluderà l'estate con particolari eventi astronomici
L'equinozio d'autunno concluderà l'estate con particolari eventi astronomici
Perseverance può produrre ossigeno su Marte
Perseverance può produrre ossigeno su Marte
Le nane brune hanno nuvole di sabbia
Le nane brune hanno nuvole di sabbia
Il sistema solare resterà stabile nella galassia
Il sistema solare resterà stabile nella galassia
Il Sistema Solare
Il Sistema Solare
Creata una mappa stellare che identifica 25.000 buchi neri
Creata una mappa stellare che identifica 25.000 buchi neri

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.