Star Wars Episodio VII: una considerazione sugli enfant prodige di Hollywood
di
flywas
6

George-Lucas-and-JJ-Abrams

Quello che può già essere definito l’evento nerd del 2015 è finalmente arrivato. Anche i meno interessati sanno oramai che i cinema di tutta Italia si stanno riempiendo di gente che freme dalla voglia di leggere ancora una volta l’inimitabile scritta azzurra su campo nero.

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana. Le aspettative sono al massimo e, se devo essere onesto, mi riesce quasi difficile credere che tra pochissime ore potrò sedermi al cinema a guardare un nuovo film della saga di Guerre Stellari.

Non è semplice spiegare a parole come la storia creata 38 anni fa da George Lucas abbia impattato su tutto il mondo. Basta pensare ai continui riferimenti che si ritrovano nella cultura di tutti i giorni per capire che, parole come Jedi, Yoda e Darth Fener non hanno un significato profondo solo per i nerd fino al midollo come me.

Però pensandoci meglio, io che sono nato nel ’77 e che posso vantarmi di aver visto tutti i film della saga al cinema almeno una volta, come posso dirmi influenzato da quello che agli occhi di un cinico disperato sembrerebbe soltanto una patetica macchinetta mangia soldi.

Credo in più di un modo e sicuramente a più livelli. Alzi la mano chi, trovandosi con una torcia elettrica in mano in una stanza buia non ha imitato il rumore delle lightsaber fingendosi Luke Skywalker (ok amanti del survival horror videoludico, per voi si trattava di essere Alan Wake, ma è tutta un’altra storia. Oppure no? aspettate la fine che c’è spazio anche per voi).  All’università per quietare l’agitazione pre-esame recitavo a mente il codice Jedi (grazie Bioware per avermelo fatto scoprire in Knight of the old Republic). Diavolo, credo di farlo ancora adesso. Volete sapere che cosa ho pensato la prima volta che mi sono fatto crescere la barba? accidenti se adesso non sono più un fottuto padawan.

Più di ogni altra, cosa, la mia vita è stata influenzata da quel sense of wonder che trasuda da ogni secondo di quelle pellicole. L’idea che tutto può succedere credendoci abbastanza, il concetto di lealtà e amicizia, la percezione stessa che anche in un mondo distante il più possibile dal centro dell’universo qualcosa può accadere e cambiarti la vita.

Lucas potrà aver trovato un modo per riprendersi dalla delusione del suo primo THX, ma nel farlo ha creato una mitologia.

E non uso a caso questa parola. Sono abbastanza sicuro che tutti avrete sentito nominare almeno una volta l’antropologo James Campbell ed il suo ‘il cammino dell’eroe’. Campbell ha passato la vita ad analizzare i miti che da sempre accompagnano l’evoluzione della cultura umana ed ha scoperto che, in tutte le storie, c’è una linea comune.

L’eroe, o meglio l’uomo, viene allontanato dal branco, perché debole o ribelle. Ha problemi con la figura paterna e per questo deve intraprendere un lungo e pericoloso viaggio che lo porterà a crescere, a diventare l’eroe della propria storia. Dopo aver affrontato le proprie paure potrà essere finalmente riconosciuto dalla propria tribù in quanto capace di contribuire con la sua impronta al cammino della comunità. Vi ricorda qualcosa ?

Lucas aveva letto quel libro. Al di là di tutti i riferimenti a Flash Gordon, ai film di pirati ed ai peplum, la storia di Luke ed Anakin ci è così vicina perché di fatto è un archetipo. Rappresenta un mito che, in chiave moderna riusciamo ad accettare.

Ma questa è solo una chiave di lettura. Se pensiamo alla storia di George Lucas, il cammino dell’eroe, è il suo. C’è un libro, veramente ben scritto, pubblicizzato da Nick Hornby e sfortunatamente mai pubblicato in Italia, Blockbuster, che riesce ad unire tanti frammenti creando una nuova via.

Tom Shone, critico cinematografico si lascia trasportare dal suo passato di fan e pensa a tutte quelle pellicole che hanno rilanciato l’industria di Hollywood e che erano accumulate da un filo rosso comune. I loro autori, Spielberg, Zemeckis, lo stesso Lucas, erano tutti outsider di piccole città di provincia americana.

Come tali non erano ascrivibili a nessuna delle categorie che avevano definito la gioventù fino a quel momento. Amavano costruire modellini e riprendere cose che esplodevano. Più che altro, immaginavano storie che nessuno, fino a quel momento avrebbe mai potuto pensare di realizzare con lo stesso tipo di ottica.

 

tumblr_lmn4yavoAK1qb2mnpo1_1280

Se pensate alla fantascienza pre-Spielberg, era tutto molto bello e tutto molto luccicante.

Anche i futuri più distopici davano la percezione di essere ambientati in un Apple store del centro commerciale più vicino. Vestiti bianchi ed intonsi, tecnologia che era incapace di ammaccarsi. E soprattutto erano roba dannatamente seria. Il normale fruitore non prevedeva ci potesse essere un senso di meraviglia generato dal veder realizzato qualcosa di impossibile davanti ai nostri occhi.

Quello che hanno fatto quei ragazzi, è stato portare quel futuro, magari un po’ più sfasciato e decadente, nei salotti di casa loro.

Quello che hanno fatto quei ragazzi, è stato portare quel futuro, magari un po’ più sfasciato e decadente, nei salotti di casa loro. Certo che Star Wars cita Kurosawa ed i  film di aviazione bellica. Però io continuo a vederci il giovane Lucas che gioca con i suoi modellini in salotto.

Se avete visto quel delicato omaggio che è Super 8 al cinema di fine anni ’70 inizio anni ’80 capite quello di cui sto parlando. Se vi ricordate che il regista di quel film, è lo stesso del Risveglio della Forza, forse capirete che non c’è poi tanto da preoccuparsi su quanto sarà meravigliosa quella pellicola il 16 dicembre.

Sempre leggendo Tom Shone, ho scoperto una cosa che, forse, in fondo sapevo già. Di nuovo il cinico materialista. Con quelle pellicole Hollywood si è risollevata. Lo spazio in cui venivano trasmesse, tipicamente il periodo estivo, era sempre caratterizzato da vendite bassissime. Almeno fino a che un certo pescecane non cominciò a frequentare l’amena isoletta di Amity. E da là a pensare che sequel, trilogie e prequel potessero essere un geniale modo per generare ancora più merchandising e cash il passo è dannatamente breve.

Ma sapete una cosa? in fondo non me ne frega proprio nulla.

Voglio raccontarvi un ultimo aneddoto. Ho visto il mio primo film, che guarda caso era il Ritorno dello Jedi, a sei anni. Credo che capissi poco di tutta la storia. Quello che so per certo, è che il giorno dopo a scuola non riuscivo a smettere di disegnare tutte quelle cose meravigliose che avevo visto in quelle due ore scarse di un cinema di periferia.

 

Title: STAR WARS ¥ Pers: HAMILL, MARK ¥ Year: 1977 ¥ Dir: LUCAS, GEORGE ¥ Ref: STA039PE ¥ Credit: [ LUCASFILM/20TH CENTURY FOX / THE KOBAL COLLECTION ]

Ieri sera, come tanta altra gente, ho radunato qualche amico e abbiamo visto quello che ora si chiama Episodio VI, aspettando appunto il Risveglio della Forza. c’erano le mie figlie con me. Sofia, che ha 5 anni mi ha guardato e ha detto :

Tutto il film è il sogno di Han Solo che è rinchiuso nel ghiaccio.

Fino a che regalano sogni, possono essere materialisti quanto gli pare.

Mario Moschera a.k.a. flywas

flywas è un nerd alla ricerca della collezione perfetta. Ama musica, cinema, videogiochi, fumetti e serie TV quasi in egual misura. Quando non è occupato nella vita di tutti i giorni scrive sul suo blog (Vintarama) e si cimenta con romanzi Pop Noir (il solito giallo d'estate è appena uscito). Potete trovarlo a sproloquiare a ruota libera su : https://vintarama.wordpress.com/ ma più di ogni altra cosa flywas ama il suono delle sue parole, e più di tutto condividere le sue opinioni con il suo clan nerd!!!
Aree Tematiche
Cinema Cultura Entertainment Filosofia
Tag
giovedì 17 dicembre 2015 - 12:36
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd