GUIDE

La tecnologia in vacanza, guida all’incauto acquisto

7 anni fa

8 minuti

Tecnologia_vacanza

Sono stato in vacanza un po’ di giorni e mi sono portato dietro solo il minimo indispensabile per la mia vita digitale on-the-go. Una guida ai mini gadget indispensabili fuori di casa.

Cosa serve di tecnologico in vacanza? Beh chiaramente la risposta è diversa per ognuno di noi, quindi siete già liberi di aggiungere i vostri gadget preferiti nei commenti. Quanto segue è quello che mi sono portato dietro io durante l’ultima vacanza.

 

 

Internet

Per quanto mi riguarda il primo problema da risolvere è senz’altro la connessione ad internet. Ho un abbonamento con Tre che mi da 2 miseri Gigabyte al mese e da un po’ mi interesso ad una possibile soluzione da usare sia a casa che in mobilità.

Un paio di mesi fa dopo aver scritto questo articolo, sono venuto a conoscenza di Alternatyva Mobile (aka RadioRadio Mobile), MVNO di Wind che offre, udite, udite, una tariffa dati mobile flat a 20€ al mese.

Ho sottoscritto il contratto un mese fa e ho ricevuto a casa sia la scheda SIM che il mini-router portatile Huawei che è incluso nell’offerta.

Alternatyva

La vera prova del nove chiaramente per questo tipo di combinazione è usarla in giro per l’Italia e vedere come si comporta nelle varie località.

Devo dire che la connessione di Alternatyva/Wind non mi ha quasi mai abbandonato, dando una connessione abbastanza stabile, tra i 3 e 5Mb/s sia in download che in upload. Davvero niente male.

Il grande vantaggio del router portatile è che la sua già buona autonomia (sulle 6 ore) può essere facilmente prolungata collegando una delle batterie portatili che seguono in questa guida.

 

Alternative

In alternativa ad una tariffa mobile flat chiaramente vi dovrete affidare al vostro operatore oppure fare una seconda scheda con un buon traffico dati e infilarla in uno dei tanti router portatili in vendita, personalmente vi consiglio quelli di TP-Link che sono una super combo tra qualità e prezzo:

 

 

 

Autonomia & Condivisione

L’autonomia dei nostri device è importante, soprattutto se prevedete di stare in giro tutto il giorno e di tornare in albergo solo la sera tardi per ricaricare “da parete” i vostri aggeggi preferiti.

Solitamente consiglio le piccole powerbank da 1500/3000mAh perché sono più portatili e solitamente più belli esteticamente di quelli più “generosi” di Ampere.

In questo caso ho cercato una via di mezzo tra pura capacità e funzionalità aggiuntive e mi son lasciato subito conquistare dalle potenzialità e utilità del RAVPower® FileHub RP-WD02, seguito del vendutissimo RP-WD01 e che aggiunge un po’ di figate al suo fratellino.

51B4CRkcZ0L._SL1500_

Il WD02 aggiunge una porta ethernet al già ottimo mini router-fileserver-powerbank di RAVpower.

In pratica questo aggeggio crea una sua rete Wi-Fi, collegabile in bridge ad una Wi-Fi esistente (per esempio quella che avete creato con il router Huawei che distribuisce la connessione 3G, just saying…) e all’interno di questa rete Wi-Fi locale shara tutti i file che “vede” sulla porta USB e sul lettore microSD di cui è provvista.

I file sono visibili tramite app per iOS, Android, PC e Mac e tutto questo, in soldoni, vi permette ad esempio di passare facilmente files o foto dalla scheda SD della macchina fotografica direttamente allo smartphone, o al computer portatile.

È possibile collegare alla porta USB del WD02 chiavette USB, lettori di SD, perfino hard disk portatili. Chi fa moltissime foto ad esempio potrebbe usarlo per scaricare le foto dalla SD ad un disco esterno, on the go.

Ma il WD02 non si ferma qua: ha anche una porta ethernet comodissima per quegli alberghi che ancora danno accesso ad internet solo via cavo: lo scatolotto di RAVPower vi consentirà di ciucciare da li la connessione e distribuirla grazie al router Wi-Fi incluso.

E per finire, come se non bastasse, il tutto ha una batteria interna da 6000mAh che può essere utilizzata per ricaricare altri dispositivi.

Unica vera sfiga di questa meraviglia, peraltro risolvibile abbastanza facilmente, è l’app per android che si, fa il suo lavoro, ma è graficamente imbarazzante, difficile da usare e tradotta in italiano con Google Translator, una roba inguardabile. Contiamo su un update asap, grazie.

Insomma una nerdata totale da portarsi dietro in vacanza, super incauto con scimmie multiple, anche considerando che è pure in mega sconto e ve lo portate a casa con 42 euro.

 

Alternative

Se non ve ne fate nulla delle funzioni aggiuntive del WD02 allora vi basta un power bank portatile decente, ne esistono a dozzine, ve ne consiglio un po’ qui sotto:

Aggiungo anche questi altri box che sharano file e fungono da powerbank, davvero niente male ed economici:

 

 

 

Fotografare & Filmare

Dopo anni a fotografare sono entrato ormai nel “karma” per cui non è più importante quanto figa e over powered la mia macchina fotografica sia, ma quanto invece sia portatile e maneggevole.

Soprattutto se prevedete una vacanza che preveda camminare e muoversi velocemente da un luogo all’altro allora vi sconsiglio caldamente di portarvi la reflex che avete comprato e mai più utilizzato perché troppo pesante e ingombrante. Piazzatela su eBay e compratevi qualcosa di più portatile, mi ringrazierete. Dalle EVIL alle bridge la scelta è ampissima e non sono così esperto in materia da consigliarvi la migliore in assoluto, mi spiace.

Personalmente scatto con piacere da anni con una Panasonic GF1, una micro 4/3 che mi ha dato moltissime soddisfazioni, soprattutto in combo con il pancake 20mm/1.7, davvero strepitoso e super compatto.

Ovviamente i nuovi smartphone fanno foto più che dignitose nella maggior parte delle situazioni e quindi potete anche lasciare a casa completamente la macchina fotografica e affidarvi al vostro fidato telefono-che-fa-foto.

Coincidenza vuole che durante le ferie sia anche andato in visita “ufficiale” al MUSE di Trento per un articolo (in arrivo) e mi sono fatto prestare per l’occasione una GoPro con cui fare time-lapse e foto grandangolari al museo.

Avendo a disposizione questa “action cam” durante le ferie non mi son fatto sfuggire l’occasione di utilizzarla anche durante le altre giornate di ferie e ovviamente mi è salita la super scimmia per la GoPro. A ferie finite ne volevo una, per forza.

Il suo fish-eye da 170 gradi riprende i momenti della vostra vacanza perfettamente e ti viene voglia di riprendere ogni cosa che fai, per poi dare un nuovo significato al quel “filmino delle vacanze” che inevitabilmente produrrai per la grande gioia dei tuoi amici più cari. /s

Tornato dalle ferie però mi sono messo a cercare quanto mi potesse costare una GoPro, anche usata, da aggiungere agli incauti acquisti pro-ferie degli ultimi giorni. Il risultato è che la GoPro costa un botto. Troppo.

gopro_hero_3_photo

Le nuove Hero3 hanno tutte il Wi-Fi che ne permette il controllo tramite app da smartphone, grossa figata visto che quello che più mi è mancato mentre ne usavo il primo modello era proprio uno schermo per meglio centrare le mie inquadrature kubrickiane.

Ma quella base, che è di fatto un cesso rotto col Wi-Fi, costa ben 200€, quella “media” che è un po’ meglio, ma sempre niente di che, costa 279€ e per finire quella figa, che tutti vorrebbero comprare, costa oltre 400€.

Dovevo spendere meno di 400 bombe per una roba che mi serve unicamente a registrare le vacanze o fare altre robe ogni tanto grazie al fish-eye…

La faccio poco lunga visto che ho intenzione di fare una recensione dedicata a quanto ho “trovato” e prontamente incauto-acquistato: mi riferisco alla SJ4000, clone cinese (dio li benedica) della GoPro, compatibile con gli accessori GoPro, dall’ottima qualità video, con schermo integrato e fornita di tantissimi accessori… a 94 euro.

 

 

Si, avete capito bene. è disponibile in tanti colori, e me la sono incautata.

Qua in redazione non ci crede nessuno (@Code2 continua a scrivermi “cinesata” in privato) che possa andare bene, ma io ci credo di brutto, mi sono guardato video e recensioni a manetta e ho “beccato” immediatamente, l’ho comprata gialla, tanto per non farmi mancare niente.

51iQ+5sv7vL

Ora, potete informarvi online da soli oppure potete aspettare di leggere la mia recensione accurata che senza dubbio farò non appena mi arriva… ma se volevate una GoPro di buona qualità ad un prezzo incredibile, la SJ4000 è difficile da battere.

 

 

In definitiva sono riuscito a muovermi durante le ferie con pochi piccoli gadget che mi hanno consentito di riprendere le mie vacanze, rimanere collegato e operativo e, soprattutto, nerdare in mobilità like a boss.

E voi? quali sono i gadget che vi portate sempre dietro quando siete in vacanza o in mobilità? Raccontatemelo nei commenti.

 

Potrebbe interessarti:

Playstation 5 DualSense Controller da vicino
Playstation 5 DualSense Controller da vicino
Ivan Cavini: l'artista che vive nella Terra di Mezzo
Ivan Cavini: l'artista che vive nella Terra di Mezzo
La Fotografia al Collodio-Umido
La Fotografia al Collodio-Umido
I Ponti del Diavolo
I Ponti del Diavolo
Il Crazy Horse Memorial
Il Crazy Horse Memorial
Giorgio Cavazzano
Giorgio Cavazzano
Il mio primo viaggio a Tokyo
Il mio primo viaggio a Tokyo