SJ4000, l’action cam per tutti

20
7 anni fa

17 minuti

SJ4000_16

Ho scoperto l’utilità di una action cam anche per chi non fa sport estremi grazie ad una GoPro in prestito durante le vacanze estive. Tornato a casa ne volevo una, ma non volevo certo spendere 300 euro. La soluzione, neanche a dirlo, è cinese.

In cerca di una alternativa economica alle ultime GoPro Hero 3 attualmente sul mercato, che costano davvero troppo per l’uso sporadico che ne farei io, ho trovato questa piccola chicca che furoreggia online negli ultimi mesi: la fantomatica SJ4000.

Prodotta dalla cinese SJCAM, la SJ4000 è in pratica un clone delle famosissime GoPro Hero: ha lo stesso form factor, una qualità dei video in full HD che sta a metà tra la Hero 2 e la Hero 3 (per questo è spesso chiamata “Hero 2,5”) una dotazione di accessori compatibili GoPro davvero molto generosa e, dulcis in fundo, ha uno schermo nella parte posteriore da usare come mirino o per rivedere quanto si è filmato o fotografato.

Ah, dimenticavo, costa poco più di 90€

Neanche a dirlo, ne ho comprata subito una su Amazon e l’ho testata nelle scorse settimane, cercando di capire se tutto questo ben di Dio a questo prezzo incredibile è davvero la grande offerta che sembra essere o c’è l’imprevisto “cinese” dietro l’angolo.

 

Aggiornamento / Giugno 2016

Dopo ormai due anni la SJ4000 rimane ancora vendutissima online e siete in tanti a capitare in questa recensione: beh, non posso che confermare le mie valutazioni, nel frattempo di interessante è uscita praticamente solo la Xiaomi Yi Cam (recensione) che ha una qualità migliore, ma altri grossi difetti: l’assenza di uno schermo in primis.

Oltretutto, come prevedibile, questa mitica SJ4000 è calata ancora di prezzo e ha raggiunto cifre davvero incredibili:

Per quanto mi riguarda, se cercavate una action cam a poco, comprate quella base senza l’inutile wi-fi al volo, costa davvero nulla ormai. Potete anche non leggere tutto il pippone che segue ;)

 

 

Una GoPro per tutti

Quello delle action cam è un mercato molto particolare, come particolare è l’uso che si fa di queste camere solitamente.

Hanno un’ottica grandangolare molto spinta, in pratica un fish-eye.

Hanno un’ottica grandangolare molto spinta, in pratica un fish-eye, sono molto piccole e vengono solitamente fornite con una custodia che le rende impermeabili oltre che tutta una serie di accessori per attaccarle nei posti più impensabili.

Si, perché le action cam sono pensate per riprendere gli sport estremi in condizioni estreme… o qualcosa di simile almeno.

La GoPro è stata la prima action cam di successo e tutti abbiamo visto almeno una volta gli spettacolari video che è possibile riprendere con questo genere di camere: grazie al loro fish-eye restituiscono quel senso di “POV” che ci piace tanto e, molto semplicemente, riescono a documentare quello che abbiamo fatto e restituirlo con un punto di vista simile, offrendo un coinvolgimento maggiore rispetto al classico video o fotografia.

Fino ad ora queste action cam presupponevano un investimento abbastanza ingente e, a meno che non si pensasse di usarle molto, era molto difficile giustificare la spesa di 200/400 euro per una GoPro da utilizzare per riprendere le proprie ferie… fino ad ora.

Si, perché la SJ4000 ha cambiato le carte in tavola, proponendo una camera di buona qualità ad un prezzo di molto inferiore alla GoPro più economica.

 

SJ4000_22

 

La GoPro Hero 3 è venduta in tre diversi modelli…

La GoPro Hero 3 è venduta in tre diversi modelli, tutti forniti di controllo via WiFi (figata, ma non certo indispensabile per voi che volete registrare le ferie) si parte dalla Hero 3 “white”, che è in pratica una Hero 1 di tre anni fa leggermente rimpicciolita sui 200€, si prosegue con la Hero 3 “silver” (in pratica una Hero 2 rimpicciolita, sui 300€) e si arriva alla Hero 3 “black”, il top di gamma, l’unica con una vera nuova ottica, a partire da 400€ più o meno in base alla dotazione (si arriva anche a quasi 500 per la 3+ black)

Insomma un gran casino: la GoPro ha abbondantemente giocato sul suo dominio del mercato e ha rimesso in vendita vecchi modelli aggiungendo feature e, in generale, pompando i prezzi di vendita il più possibile… e giustamente dico io visto che di concorrenza non c’è traccia e praticamente tutti quelli che vogliono usare una action cam “seriamente” alla fine si comprano una Hero.

Ma per noi “sfigati” che non vogliamo spendere così tanto cosa resta? un bel niente fino ad oggi.

Succede però che la SJCAM ha l’idea di mettere in vendita una camera molto simile alle Hero, tanto simile da essere venduta con tutta una serie di accessori completamente compatibili con gli standard GoPro e addirittura con delle caratteristiche che la fanno preferire ad una GoPro… ad un terzo del prezzo.

Ecco che la SJ4000 diventa la “GoPro per tutti”. O una ottima seconda cam per chi ha già una GoPro (con cui scambiare gli accessori).

Insomma, ne ho comprata una, gialla (è disponibile in vari colori) e ho cominciato a valutare i pro e i contro di questo piccolo affare.

 

 

Caratteristiche Tecniche

Dichiarato Reale
Sensore 12Mpx CMOS 3,5Mpx CMOS
Video 1080p 30fps
720p 60fps
1080p 30fps
720p 30fps
Angolo di campo  170°  153°
Formati MOV/JPG
Schermo 1,5” 960 x 240 TFT LCD
Memoria Slot micro SD, fino a 32Gb.
Non ha memoria interna e non sono incluse schedine SD nella confezione
Connessioni Micro USB, micro HDMI
Output Video micro HDMI: supporta 1920×1080 60p con CEC
Audio Microfono e cassa interni, entrambi mono. Non è possibile collegare un microfono esterno.
Batteria 900mAh, rimovibile
Dimensioni 29,8 x 59,2 x 41mm
Colori Argento, bianco, azzurro, giallo, nero, oro, rosa
Peso 58g (44g senza batteria)
Accessori forniti Custodia impermeabile con attacchi GoPro, custodia con clip, clip da manubrio, clip multifunzione, clip da casco, varie strip, clip e adesivi 3M, caricatore USB, cavo micro USB.

 

La SJ4000 monta un processore Novatek NT96650 abbinato ad un sensore Aptina AR0330 CMOS da 3,5Mpx (nonostante sulla scatola ci sia scritto 12Mpx, ma questa non è la sola “balla” riportata purtroppo).

Questa combo consentirebbe di arrivare a riprendere a 1080p a 60 frame per secondo, ma in realtà la SJ4000 (almeno con i firmware attuali) riesce solo a riprendere a 1080p/30 e 720p/60.

 

SJ4000_25

 

I sessanta frame al secondo a 720p non sono reali, così come la risoluzione del sensore riportata sulla scatola.

be318d88e559f441361267e25d8cI sessanta frame al secondo a 720p poi non sono reali: in pratica la camera salva due volte lo stesso frame per simulare un 60fps… i cinesi la sanno lunga.

Non sono reali neanche le foto oltre i 3,5Mpx del sensore ovviamente: da software è possibile impostare fino a 12Mpx per la modalità fotografica, ma il firmware non fa altro che interpolare gli scatti aumentandone semplicemente la dimensione.

È chiaro che scrivere “12Mpx” e 720/60 sulla scatola fa vendere di più, ma sono balle a cui non dovete credere e caratteristiche che in realtà non sono poi così interessanti.

L’importante è che riprenda a 1080/30 bene… e la SJ4000 lo fa egregiamente, quindi fingete di non aver letto le altre balle scritte sulla scatola prima di comprarla.

 

Sul lato porte troviamo la micro USB, la micro HDMI e la porta per la micro SD. In alto il tasto di scatto / conferma, sul lato opposto due tasti per andare su e giù nelle opzioni del menù oppure zoomare durante le riprese, nella parte inferiore lo sportello della batteria rimovibile, sul fronte il tasto di accensione / cambio modalità e sul retro lo schermo LCD da un pollice e mezzo.

 

La qualità costruttiva è abbastanza buona, anche considerato il prezzo. La plastica antiscivolo usata ai lati è simile a quella delle nuove Hero 3, se le si mette una di fianco all’altra la SJ4000 non sfigura affatto, anzi, grazie ai suoi colori e allo schermo sul retro sembra una camera molto più costosa della Hero 3 black:

 

 

 

Svantaggi

Chiaramente dovete subito mettervi nell’ottica che state comprando una #cinesata e, come tutte le cinesate, ha vantaggi, ma anche grandi svantaggi.

 

La Garanzia

In primis la garanzia: ho acquistato la mia su Amazon.it per avere qualche “garanzia” in più, direttamente da uno dei “venditori” di questa SJ4000, la Qumox, e immagino di avere diritto a due anni di garanzia… ma non mi aspetto certo la stessa assistenza e qualità di una GoPro sotto questo punto di vista.

La SJ4000 è venduta con tanti “brand” diversi visto che la SJCAM ne permette il rebranding in caso di ordinativi elevati. In pratica se ne ordini un tot puoi fartele arrivare con già il tuo marchio stampato sopra e rivenderla a tuo piacimento. Potrei fare una SJ4000 Lega Nerd edition volendo… non è esattamente una garanzia di qualità e assistenza, ma tant’è.

 

Il Firmware

Altro punto “dolente” è il software della camera, o meglio il suo firmware e gli aggiornamenti rilasciati per lo stesso.

Non esiste purtroppo un sito in cui scaricare l’ultima versione del firmware.

Sono i vari distributori a rilasciare aggiornamenti e, in generale, si da per scontato che questa SJ4000 la si compra e la si usa così com’è, senza aggiornarla.

La soluzione è chiaramente frugare l’internet, cosa che ho fatto per una settimana buona, per farmi un’idea delle diverse versioni di firmware disponibili e delle differenze tra di esse.

Il risultato è che è un gran casino. Sono state rilasciate tante versioni diverse, che hanno portato miglioramenti o peggioramenti.

In generale la migliore attualmente disponibile, senza stare a scendere nei particolari, è quella di fine luglio scorso (V20140729V01). Ho messo tutti i firmware validi che sono riuscito a trovare in questo dropbox:

Occhio che tutti quei firmware sono per la versione “nuova” della SJ4000, in vendita da marzo 2014, che offre una PCB migliore (nella vecchia versione la porta laterale microUSB dopo un po’ si staccava, non buono) e uno schermo più luminoso.

Per aggiornare il firmware è sufficiente mettere il file zip scaricato nella root della schedina microUSB, inserirla e accendere la SJ4000.

 

Niente WiFi

Il modello recensito della SJ4000 non ha interfaccia WiFi come le ultime GoPro. Questo tipo di interfaccia consente, per intenderci, di controllare in remoto la camera tramite un’app dedicata su smartphone.

Esiste anche un modello WiFi della SJ4000, ma sinceramente ve la sconsiglio: il problema qui è la qualità del software, non aspettatevi di avere a disposizione le stesse figate delle ultime GoPro, scordatevelo proprio.

Meglio risparmiare: non è una feature così fondamentale, soprattuto per gli amatori che vogliono avvicinarsi alle action cam, vero target di questa camera.

 

Qualità fotografica

Non si compra una action cam per fare foto, ma in questo caso è più vero che mai: come già detto il sensore è da 3Mpx e, come se non bastasse, scatta foto davvero pessime.

Anche forzando il firmware a scattare a 3Mpx, invece dei finti 12 che propone di default, le foto sono generalmente piene di artefatti, molto compresse e di pessima qualità, soprattutto in situazioni di scarsa illuminazione.

Sono convinto che sia più un problema di firmware che di hardware, ma allo stato attuale vi sconsiglio assolutamente di comprare questa camera se puntavate soprattutto a fare foto.

 

Autonomia

La batteria da 900 mAh della SJ4000 consente più o meno cinquanta minuti di riprese da quello che ho sperimentato io. Un po’ pochi, le GoPro hanno una autonomia migliore.

La scatola riporta 70 minuti di autonomia, ma ho imparato presto a non tenere conto di quello che riporta la scatola.

La buona notizia è che la batteria è rimovibile e le batterie di scorta costano molto poco (un 10€ sempre su Amazon, sempre marchiate Qumox)

Altro metodo che ho sperimentato è quello di collegare una power bank alla porta micro USB: questo chiaramente aumenta l’autonomia anche di molte ore in base a cosa collegate.

 

SJ4000_27

 

Qui sopra la SJ4000 con una power bank Nokia DC-16 da 2200 mAh collegata: un modo facile di aumentare l’autonomia senza dover cambiare la batteria (oltretutto lo sportellino è davvero scomodo da aprire)

 

 

 

 

Vantaggi

 

 

Qualità video

La SJ400 offre riprese a 1080p a 30 frame al secondo di buona qualità, assolutamente comparabili se non superiori ad una Hero 2, ma non all’altezza di una Hero 3.

In generale soffre in condizione di poca luminosità (la sera, dentro casa, etc.) ma questo è un problema riscontrabile anche nelle prime Hero della GoPro: non scordiamoci che queste camere sono studiate per essere utilizzate durante sport all’aperto, quando solitamente la luce è buona.

Ecco che quando invece la luminosità cala la SJ4000 è costretta ad aumentare gli ISO di scatto/ripresa e il tutto comincia a diventare poco definito e “granuloso”.

Con una buona luce al contrario le riprese sono generalmente molto belle, definite e, grazie all’angolo di campo da 170 gradi, assolutamente in stile “GoPro” (che ha lo stesso angolo di campo)

Date un’occhiata a questo video girato con la SJ4000:

 

 

Davvero impressionante per una camera da 94 euro, non ci sarebbe molto altro da dire, ma i vantaggi non finiscono qua. Ecco una comparativa con la Hero 3 Black da 400 euro:

 

 

Come si vede in questo video (e nei tanti altri che potete trovare su youtube) il bilanciamento del bianco delle GoPro tende sempre di base verso il giallo, mentre la SJ4000 ha toni più freddi, ma più simili alla realtà.

Il cambio di esposizione nei passaggi tra diverse intensità di luce è abbastanza buono e reattivo, così come la messa a fuoco (che con un fisheye è comunque molto semplice)

La qualità audio è abbastanza scadente: il microfono integrato è mono e non è possibile collegare microfoni esterni. Non è un disastro, intendiamoci: anche la GoPro ha un audio non certo ottimo e nel 90% dei casi neanche si usa l’audio di questo tipo di riprese. È presente una cassa mono integrata per risentire quanto si è registrato, anche lei scadente, ma comunque utile.

Vi consiglio anche di dare un’occhiata a questa video recensione quando avete un attimo, dura molto, ma mostra ogni fuzione della SJ4000.

 

 

 

Accessori

La cosa più “gustosa” della scatola sono gli accessori forniti, tutti compatibili con lo standard GoPro:

0714ff7780ec2d5ab69b924311186aee

Solo questi accessori inclusi già giustificherebbero l’acquisto.

In più, la custodia impermeabile fornita riprende quella della Hero 3, migliorata rispetto alle precedenti Hero che presentavano un vetro curvo di fronte alla lente, al contrario di queste nuove che hanno un vetro piatto.

I case impermeabili GoPro arrivano a 60 metri, mentre quello della SJ4000 si ferma a 30 metri.

Eccoli a confronto:

 

SJ4000_29

 

La SJ4000 si candida quindi anche come ottima seconda camera per chi ha già una GoPro.

Comprare tutti questi accessori a parte costerebbe non poco… fate voi i conti. La SJ4000 si candida quindi anche come ottima seconda camera per chi ha già una GoPro: utile per fare dei controcampi e compatibile con tutti gli accessori che già avete… oltre che fornita di tanti altri accessori che potete aggiungere alla vostra GoPro.

Volendo la SJ4000 è acquistabile anche senza accessori a 75€ se volete risparmiare al massimo o se ne state comprando una seconda.

 

 

 

Lo Schermo e l’usabilità

Come se non bastasse la SJ4000, al contrario delle GoPro, ha uno schermo integrato da 1,5 pollici sul retro del corpo che ne facilita enormemente l’uso.

In primi il comodo menù è visualizzabile a colori su questo schermo e non tramite icone o schermini mono cromatici come nelle più costose GoPro.

 

SJ4000_8

 

Oltre a questo il tutto è ulteriormente più facile da utilizzare grazie alla presenza di più tasti: Ne sono presenti ben quattro, uno di accensione/cambio modalità, uno di scatto/conferma e due per andare su e giù nelle opzioni o zoomare durante la ripresa.

La GoPro è più macchinosa da utilizzare perché ha meno tasti e solo uno schermo monocromatico iconico sul fronte.

Oltre alla questione usabilità del menù c’è il piccolo dettaglio che lo schermo incluso può essere naturalmente utilizzato per riguardare le riprese o foto fatte e, soprattutto per inquadrare meglio prima di uno scatto o durante una ripresa.

Per farvi un’idea esiste uno schermo esterno da collegare anche alle GoPro, ma costa dai 50 ai 100 euro e rende la camera incompatibile con molte delle custodie standard visto che ne aumenta la profondità.

 

 

Versatilità

Un altro vantaggio che piacerà a qualcuno di voi è la possibilità di usare la SJ4000 per usi particolari grazie alle funzionalità aggiunte al firmware nei mesi scorsi:

Webcam. Quando si collega la SJ4000 al computer con il cavo microUSB il software sullo schermo incluso chiede all’utente se la si vuole utilizzare come disco esterno (per accedere facilmente al contenuto della microSD) o come webcam. Gran comodità.

Security Cam. È possibile impostare la SJ4000 come security cam: in pratica la camera va in pausa e comincia a riprendere solo se “vede” dei movimenti nell’inquadratura.

Dash Cam. Altra modalità molto utile e studiata per riprendere da dentro l’auto. Basta collegare la SJ4000 all’accendisigari con un normale cavo microUSB e al vetro (o dove volete) con un supporto da auto. In questa modalità particolare la camera si accende e comincia subito a riprendere quando sente l’alimentazione dall’accendisigari (cioè quando accendete l’auto) e si spegne da sola quando spegnete l’auto.

Timelapse. Tra i vari menù è possibile anche impostare la camera per scattare automaticamente una foto ogni 3, 5, 7 o 10 secondi, per fare dei timelapse all’occorrenza.

 

 

 

Tutte le foto / All photos ©2014 Antonio Moro / Leganerd.com

 

 

 

Il futuro

È il momento giusto di comprarla? Allora, intanto sta per uscire la nuova GoPro Hero 4, in teoria questo autunno, e con se porterà un ribasso dei prezzi dell Hero 3 o meno… ma che importanza ha veramente? Anche dovessero calare di 100 euro le GoPro sarebbero comunque di molto più costose di questa SJ4000 senza offrire veri vantaggi al dilettante che vuole solo provare una action cam decente.

C’è poi la SJ5000 in uscita a quanto pare, ma i pre-order che ho visto online fino ad ora sembrano solo degli scam e starei molto attento a ordinare da certi siti. Uscirà e sarà venduta da Amazon o altri siti fidati? possibile. Quando? non si sa.

 

 

 

l’incauto acquisto

Personalmente ho optato per una SJ4000 Qumox gialla a 94€, ma le scimmie urlavano ancora e quind ho ordinato ache una micro SD classe 10 da 32Gb sempre marchiata Qumox (a 14€) e un MonoPod Tarion da 10€ con attacco GoPro.

A tal proposito vi ricordo che non sono incluse micro SD nella confezione della SJ4000 e che è consigliato comprare una classe 10 per non aver problemi di velocità, quindi considerate anche questa piccola spesa a meno che non vi avanzi qualche micro SD in casa.

Chiaramente poi se volete potete sbizzarrirvi con gli accessori: sempre su Amazon Qumox vende di ogni per la SJ4000: una batteria aggiuntiva, caricatore più batteria, borsa protettiva, galleggiante, elastico toracico, mount da auto, etc… perfino un pack di accessori aggiuntivi se siete maniaci di queste cose.

 

 

 

Conclusioni

Che dire, ormai avrete capito che ci troviamo di fronte ad un ottimo acquisto se volete avvicinarvi al mondo delle action cam senza spendere un patrimonio e prendendo comunque un prodotto valido, super accessoriato e facile da usare.

 

SJ4000_15

 

Senti già il rumore di scimmie avvicinarsi, ammettilo.

La SJ4000 non teme confronti con le GoPro Hero e Hero 2 (o Hero 3 white e Hero 3 silver, chiamatele come volete) offre una qualità video comparabile o superiore, il grande vantaggio di avere uno schermo integrato, tantissimi accessori inclusi… e il tutto è in vendita a poco più di 90 euro… non si può fare di meglio.

Se volevate comprare una GoPro per un uso professionale o volevate controllare più camere contemporaneamente grazie al WiFi e all’app di GoPro allora lasciate stare… ma in tutti gli altri casi investite meglio i vostri soldi e compratevi una SJ4000. O due. O anche tre.

 

Comprala su Amazon e supporta Lega Nerd:

Tutte le foto / All photos ©2014 Antonio Moro / Leganerd.com

 

Ti potrebbe interessare:

Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer