Lo Smartphone che vorrei #LegaNerd
di
itomi itomi
9

LEGANERD_048453

Uno dei campi della tecnologia che seguo più assiduamente da quando esiste è quello degli smartphone. Nipoti diretti dei palmari, gli smartphone odierni sono diventati un compagno imprescindibile che ci accompagna da quando ci svegliamo (grazie alla loro sveglia) a quando andiamo a letto (non prima di aver controllato al volo gli ultimi update).

Gli smartphone hanno migliaia di usi diversi grazie alle app, si integrano con gli altri oggetti della nostra vita (stereo, televisione, macchina, computer, ecc) e, in generale, sono un sogno diventato realtà per ogni appassionato di fantascienza.

Se tornassimo indietro di anche solo dieci anni e mostrassimo in giro uno smartphone di oggi saremmo considerati degli alieni provenienti da un altro pianeta… o da una serie televisiva.

Qual è lo smartphone ideale oggi?
Ma lasciamo perdere questa introduzione che serviva unicamente a poter usare una foto di Kirk che usa un communicator e torniamo al punto: Qual è lo smartphone ideale oggi?

O meglio, come dovrebbe essere lo smartphone che vorrei?

Quali aspetti valutare


Gli aspetti da valutare per creare il mio smartphone ideale sono questi:

  1. Sistema Operativo
  2. Ecosistema
  3. Qualità costruttiva e materiali
  4. Schermo
  5. Camera

Ci sarebbero chiaramente altri aspetti da valutare, come la disponibilità di accessori, il prezzo, la rivendibilità, la longevità, ecc.. ma personalmente sono questi cinque aspetti che mi interessano di più.

1. Sistema Operativo


Qual è il miglior sistema operativo per smartphone attualmente sul mercato?
Dopo un periodo iniziale di “assestamento” al seguito dell’uscita del primo iPhone che ha rivoluzionato un intero mercato, oggi ci troviamo con tre grandi competitor nel campo dei sistemi operativi per smartphone: Apple ovviamente con il suo iOS, Google con Android e Microsoft con il prossimo Windows Phone 8.

Questi tre player hanno, guarda caso, tre strategie diverse per i loro sistemi operativi: Apple ha un sistema proprietario e chiuso, installabile unicamente sul proprio hardware. Google ha un sistema aperto, installabile su hardware di terze parti e modificabile a piacere. Microsoft ha un sistema chiuso, installabile su hardware di terze parti.

Android attualmente, con la sua ultima versione 4.1 “Jellybean”, offre, secondo me, la migliore soluzione sul mercato, mettendo a disposizione dell’utente personalizzazione e fluidità. Android da ICS in poi (4.0) è user friendly e al tempo stesso smanettabile, modificabile a proprio piacimento o addirittura sostituibile con ROM home-made create da migliaia di appassionati in giro per il mondo. Sufficientemente sicuro, espandibile, completo già nella sua versione standard, Android è, secondo me, il miglior sistema operativo per smartphone attualmente sul mercato.

Lo smartphone che vorrei ha installato Android 4.1 pulito.

2. Ecosistema


Per Ecosistema si intende l’insieme di applicazioni, native o di terze parti, disponibili per lo smartphone in questione.
Per Ecosistema si intende l’insieme di applicazioni, native o di terze parti, disponibili per lo smartphone in questione oltre che la sua integrazione con i vari sistemi esterni messi a disposizione gratuitamente o a pagamento (iCloud, SkyDrive, etc..)

Apple offre il miglior app store sulla piazza, con un largo margine sul secondo posto occupato da Google con il suo Android. E’ innegabile che ogni buona idea / gioco / applicazione / utility viene prima sviluppato per iOS e poi, se ha successo, portata su Android. E quindi se proprio ha tanto successo, portata su Windows Phone.

E’ anche vero che questo “gap” si riduce di anno in anno, ma è innegabile che se dovessi valutare il mio smatphone ideale unicamente guardando il suo ecosistema di app sarebbe senza alcun dubbio un iPhone.

A livello di servizi aggiuntivi le tre piattaforme sono quasi sullo stesso piano: E’ vero però che se utilizzate un computer Apple allora ecco che avere un iPhone è un vantaggio non da poco a livello di comodità ed integrazione.

I servizi integrati di iCloud funzionano molto bene, senza contare che la comodità di gestire il contenuto del proprio smartphone attraverso iTunes non ha eguali sulle altre piattaforme. Zune per Windows Phone si avvicina a iTunes in quanto ad integrazione, ma non lo eguaglia neanche minimamente. Su Android il tutto è lasciato ad applicazioni di terze parti mai troppo comode o complete oppure al singolo utente che si arrangia con una gestione web e con il drag & drop.

Google offre tutta una serie di servizi integrati tra loro che funzionano egregiamente e sono ormai lo standard (Gmail, G Drive, ecc..), ma non sono certo esclusivi della piattaforma Android: sono infatti integrati più o meno bene anche con iOS e (meno bene) con Windows Phone. Non è invece vero il contrario: Non posso utilizzare iTunes o iCloud con un device Android.

Google ha il miglior navigatore / Maps app integrato sul mercato, oltrettutto offerto gratuitamente all’interno di Android. Apple ha il nuovo Maps di iOS 6 che non si avvicina neanche minimamente alle feature e completezza di Google Maps & Navigator, ma con il tempo migliorerà (così come è successo a Google Maps) e inoltre pare che entro il prossimo anno tornerà Google Maps di Google su iOS. Windows Phone offre sui terminali Nokia l’ottimo Nokia Maps, interessante, ma non ai livelli dell’offerta di Google.

Lo smartphone che vorrei utilizza l’ecosistema di Apple.

3. Qualità costruttiva e materiali


Solo tre attualmente realizzano prodotti degni di nota in questi campi: HTC, Apple e Nokia.
Sarò un fighetto del cazzo, ma per me l’estetica, la qualità costruttiva e i materiali utilizzati nel prodotto che utilizzo ogni giorno per anni e che mi è costato svariate centinaia di euro è molto importante.

Sul mercato esistono svariati produttori di smartphone, ma solo tre attualmente realizzano prodotti degni di nota in questi campi: HTC, Apple e Nokia.

L’estetica di un telefono è chiaramente un aspetto soggettivo, ma i materiali e la qualità costruttiva con cui è costruito certamente no.

HTC e Nokia hanno dimostrato di saper creare bei telefoni costruiti egregiamente e con materiali duraturi. In particolare l’utilizzo nei loro ultimi modelli del policarbonato ha messo insieme estetica e durabilità: Non è poco.

Apple costruisce da sempre bei telefoni, ma ha il bruttissimo vizio di sperimentare troppo con i materiali. Il primo iPhone aveva un retro in alluminio che si graffiava solo a guardarlo: bello il primo giorno, orrendo dopo un paio di mesi. L’iPhone 3G e 3GS avevano un retro in un materiale ceramico che si crepava inesorabilmente dopo pochi mesi di utilizzo. Per l’iPhone 4 e 4s è stato introdotto un retro in vetro che aveva il brutto vizio di rompersi e crepare, chissà perché.

Il nuovo iPhone 5 ha, pare, lo stesso problema: Molto bello esteticamente, ma il trattamento dell’alluminio sul modello nero per farlo diventare scuro è solo superficiale e viene via in caso di urto o graffi, lasciando vedere quindi l’alluminio chiaro sottostante. E’ presto per dirlo, ma prevedo tra pochi mesi svariati iPhone 5 “scrostati”: No buono.

Il policarbonato ha il pregio di essere colorato non superficialmente: I graffi non si vedono per niente o quasi e mantiene la sua forma estetica molto più a lungo del metallo che invece si può ammaccare o graffiare.

Lo smartphone che vorrei è prodotto da Nokia o HTC.

4. Schermo

Amoled o IPS?
Attualmente sul mercato degli smartphone di fascia alta vengono utilizzate principalmente due tecnologie per gli schermi: Amoled e LCD IPS.

Se fino ad uno o due anni fa gli schermi Amoled offrivano bianchi, neri e un contrasto mai visti su un normale schermo LCD, tanto da giustificare le pessime prestazioni con luce solare diretta, oggi i nuovi schermi Super IPS hanno raggiunto una qualità e una densità di pixel superiori.

In particolare Apple è riuscita a creare una specie di standard proprietario, quei Retina Display di cui tutti abbiamo sentito parlare, che unisce il massimo della tecnologia LCD IPS con una densità di pixel altissima, attorno ai 300 DPI per schermi da 3/4 pollici, che offre un’esperienza visiva di altissimo livello in tutti gli utilizzi.

Lo smartphone che vorrei ha un Retina Display.

5. Camera


Le camere integrate degli smartphone moderni hanno raggiunto una qualità incredibile.
Avere un’ottima camera è molto importante per me: Mi piace fotografare e l’iPhone 4 ha significato per me, e molti altri, lasciare a casa per sempre la macchina fotografica compatta che sempre mi accompagnava. Non è poco.

Le camere integrate degli smartphone moderni hanno raggiunto una qualità assolutamente paragonabile alle migliori compatte di pochi anni fa.

Le migliori vengono prodotte da Sony e Nokia. I nuovi sensori Sony sono montati sull’iPhone 4s e iPhone 5 oltre che sugli Xperia di punta ovviamente e offrono una qualità incredibile e comprovata sul campo.

D’altro canto quanto visto nelle prove del Nokia Lumia 920 in uscita tra pochi mesi è quanto meno strabiliante a livello di prestazioni con poca luminosità… vedremo se saprà mantenere quanto promette.

Lo smartphone che vorrei ha una camera Sony. O forse Nokia, vedremo.

Conclusione

E’ chiaro che lo smartphone che vorrei non esiste.
E’ chiaro ormai che lo smartphone che vorrei non esiste. Purtroppo. Fino ad un anno fa il mio smartphone ideale era prodotto da Apple: Miglior ecosistema, miglior sistema operativo, miglior schermo, miglior camera, ecc.. Con il tempo però stanno cambiando molte cose.

Android è ora il sistema operativo che vorrei, ma purtroppo il suo ecosistema non è ancora paragonabile a quello di Apple. Vorrei un telefono costruito da Nokia o HC, ma la prima produce solo telefoni con sopra Windows Phone e la seconda sforma telefoni Android con sopra il suo Sense che proprio non posso sopportare.

Ma uno spiraglio di luce per me c’è all’orizzonte: Pare infatti che i prossimi smartphone Nexus saranno prodotti in tre diversi modelli divise in tre fasce (bassa, medio e alta) da tre diversi produttori: LG, Samsung e HTC.

Ecco, se il nuovo Nexus di fascia alta in uscita a fine anno sarà prodotto da HTC probabilmente sarà un prodotto che si avvicina molto al mio smartphone ideale. Rimane il problema che lasciare l’ecosistema di iOS per Android non ancora la soluzione ideal, ma è altresì vero che come detto le cose stanno cambiando velocemente e nel giro di un anno o due molto probabilmente i due sistemi si eguaglieranno da questo punto di vista.

E voi cosa ne pensate di tutto questo? Qual è lo smartphone che vorreste e perché?

itomi

Antonio Moro a.k.a. itomi

Fondatore e capo redattore di Lega Nerd. Scrivo editoriali e recensioni su tecnologia, innovazione e pop culture. Mi occupo di UI/UX e direzione creativa, soprattutto su progetti web e gaming. Faccio cose e conosco gente su internet dal 1996. Più info su antoniomoro.com e itomicreative.com
Aree Tematiche
Acquisti AndroidLand iPhone / iPad Mobile Windows Phone
Tag
giovedì 27 settembre 2012 - 15:19
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd