Una casa progettata per i Lan Party

11 anni fa

4 minuti

Kenton Varda è un ingegnere che lavora presso la sede californiana di Google divenuto improvvisamente noto dopo aver postato su un blog in cui teneva traccia dei suoi progetti al di fuori del lavoro alcune foto e notizie sulla sua nuova casa.

La storia


Quando ancora era studente in Minnesota era solito ospitare a casa sua Lan Party con gli amici, un pretesto per stare con gli amici più che giocare ai videogiochi. Quando si è trasferito per lavorare alla Google si è trovato a spendere un sacco di soldi di affitto e poco per il resto: due anni dopo il padre architetto ha deciso di costruirsi una nuova casa e da qui ha iniziato a pensare di chiedergli di progettarne una per lui, come la voleva lui. E lui voleva ficcarci dentro più automazione possibile.
Ha iniziato a guardarsi in giro per trovare spazi possibili per costruire, o abbattendo una casa già esistente (ma a Palo Alto una casa la più scrausa possibile sarebbe costata 450 mila dollari) o trovando un terreno, cosa che è successa fortunatamente nel 2009.
A questo punto gli scatta un’altra idea in testa: e se avesse tenuto lui in casa i computer per ospitare gli amici? Perciò nel progetto fa predisporre una stanza con cavidotti nelle fondamenta che raggiungessero ciascuna postazione.
Dopo due anni di sacrifici economici la casa è pronta.

Qualche dettaglio tecnico


La casa ha due stanze, ciascuna con sei postazioni progettate ad hoc che contengono monitor e periferiche (i computer sono in un rack in una stanza separata, collegati con cavi USB e HDMI da 10.6 metri) e due TV da 59 e 55 pollici con diverse console attaccate, ma che vengono usate per mandare in streaming le partite.
Nella stanza dei computer, oltre ai due (Megaman e Roll) usati ogni giorno da Kenton e la ragazza (e collegati alle scrivanie con cavi USB e DVI), ci sono il server e le 12 macchine da gioco.
Il server, Protoman, occupa 2U nel rack ed ha
CPU: Intel Xeon E3-1230
Motherboard: Intel S1200BTL
RAM: 4GB (2x2GB DDR3-1333 ECC)
OS hard drive: 60GB SSD
Master image storage: 2x1TB HDD (RAID-1)
Snapshot storage: 240GB SATA-3 SSD

Le 12 macchine invece hanno

CPU: Intel Core i5-2500
GPU: MSI N560GTX (nVidia GeForce 560)
Motherboard: MSI P67A-C43 (Intel P67 chipset)
RAM: 8GB (2x4GB DDR3-1333)
Local storage: 60GB SSD

Il server monta Ubuntu Server, mentre i computer da gioco montano Windows 7 (prima usavano Ubuntu con WINE, il passaggio è dovuto ai bug che davano fastidio nei videogiochi) ma in realtà non hanno nè SO nè giochi nei loro dischi: fanno il boot da rete tramite PXE e possono funzionare, a discrezione di un file di configurazione del server) nella modalità Master, che permette lettura e scrittura da una “master image” del disco, o Replica, che carica in lettura la master image ma va a scrivere i blocchi modificati sul proprio SSD (così facendo si può buttare via le modifiche fatte in ogni momento). Le comunicazioni quindi non si affidano a file ma a singoli blocchi del disco.
I giochi sono gestiti tramite Steam, che mantiene una cache comune dei giochi, e gli ospiti accedono al proprio account (se non possiedono il gioco che c’è nella cache apparirà solo un bottone per comprarlo.

Per le modifiche progettuali destinate al LAN Party il costo è stato di 40 mila dollari (18 mila solo per i mobili delle postazioni.

Per gli altri particolari maggiormente tecnici, il terzo post è la fonte da guardare.

[nggallery id=”369″]

Tilt Brush, il software per dipingere in VR e in 3D di Google, diventa Open Source
Tilt Brush, il software per dipingere in VR e in 3D di Google, diventa Open Source
Pixel Phone 5 e 4a 5G: niente più modalità astrofotografica con la camera grandangolo
Pixel Phone 5 e 4a 5G: niente più modalità astrofotografica con la camera grandangolo
Lo Star Wars Hotel potrebbe aprire nel 2021
Lo Star Wars Hotel potrebbe aprire nel 2021
Google lancia il programma Street View ready
Google lancia il programma Street View ready
Super Bowl 2017, i migliori trailer dedicati alla tecnologia
Super Bowl 2017, i migliori trailer dedicati alla tecnologia
Snapseed si aggiorna su Android e iOS
Snapseed si aggiorna su Android e iOS
Youtube, tante novità in arrivo per i commenti
Youtube, tante novità in arrivo per i commenti

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.