Il giorno in cui l'Auditel non funzionò #LegaNerd
di
Zed
4


Quarto video estratto da HABEMUS CAPA
Regia di Marco Pavone

Leggo oggi sul Corriere questo articolo di Aldo Grasso che, oltre a rinfrescare la memoria sulla funzione di Auditel, ne evidenzia le principali criticità: in primis il non essere più rappresentativa dell’effettiva fruizione della televisione da parte degli italiani (in senso esteso, sia per quanto riguarda “televisione” che “italiani”).

Come funziona l’Auditel (Wiki):
Mostra Approfondimento ∨

L’articolo nasce dal fatto che Auditel, causa upgrade SW malriuscito, martedì 1 marzo non ha funzionato e non ha generato il report sugli ascolti che ormai è l’ossigeno per chi lavora nella televisione: unico e insindacabile criterio di merito delle trasmissioni.

Una giornata particolare, una giornata senza dati d’ascolto. Martedì 1 marzo, per un aggiornamento del software non sono usciti i dati Auditel. Immaginiamo quanti addetti ai lavori siano stati in fibrillazione per tutta la giornata, ormai addicted di share. Ormai l’ascolto è l’unico criterio di giudizio per chi fa tv: non un criterio, sia pure importante, fra altri criteri, ma il solo. E dunque un alibi; secondo alcuni l’alibi perfetto per l’assassinio della buona tv.

In questi ultimi anni, la tecnologia ha fatto passi da gigante e forse Auditel avrebbe bisogno di una bella revisione, a partire dalla struttura della società stessa. Com’è noto, la proprietà della società è divisa in quote del 33% per le tre componenti fondamentali: televisione pubblica (Rai), emittenza privata (reti nazionali e locali), aziende che investono in pubblicità (Upa) con agenzie e centrali media (AssoComunicazione, Unicom); il restante 1% è della Federazione italiana editori giornali (Fieg). I costi vivi sono a carico di Rai e Mediaset e quindi ci troviamo nella classica situazione italiana in cui i controllori sono anche i controllati.

Per affrontare lo spaesamento in cui si sono trovati gli operatori senza i loro fondamentali dati di share, il buon Grasso propone un momento di riflessione:

Il campione di 5.187 famiglie (quelle che hanno installato in casa il meter, equivalenti a circa 14mila individui) è statisticamente un ottimo campione, specie per una tv di tipo tradizionale. Auditel, però, non rileva la tv fuori casa (quella delle seconde case), la tv via web (ormai i giovani vedono soprattutto quella) e l’ascolto differito (che è un plus della pay tv). Inoltre c’è in ballo anche la questione degli stranieri: il panel di Auditel è formato esclusivamente da cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali, mentre dati della Caritas attestano che ormai sono circa cinque milioni gli stranieri residenti in Italia.
Senza entrare troppo nei dettagli tecnici e nella complessa metodologia della stima degli ascoltatori, una giornata di silenzio è utile a tutti: controllori, controllati e control-labili.

Il primo pensiero è il solito: possibile che nessuno che conosco sia, sia stato o conosca direttamente una “famiglia Auditel”?

Eppure io per la AGB Italia io c’ho pure fatto un colloquio… quindi esiste… ;-)

Il secondo è che probabilmente Grasso ha ragione: Auditel è purtroppo solo una parte di un sistema, la televisione generalista pubblica e privata, che ha bisogno di una pesante revisione nei modi e nei contenuti.

Zed

Vic20, ZX Spectrum 48K, Commodore 64, Commodore 128, IBM PC (processore 8088, 4.77MHz). Poi sono diventato un Bot.
Aree Tematiche
Attualità Televisione
Tag
giovedì 3 marzo 2011 - 18:13
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd