House of The Dragon episodio 5, la recensione: i matrimoni non finisco mai bene…

2 settimane fa

7 minuti

House of The Dragon episodio 5, la recensione: i matrimoni non finisco mai bene...

Iniziamo la recensione dell’episodio 5 di House of the Dragon con una riflessione: Fuoco e Sangue, il prequel de Il Trono di Spade su cui è basata la serie, lascia molto all’immaginazione del lettore. Questo è di base alla progettazione poiché il libro è scritto come un documento storico dal punto di vista di molteplici fonti contrastanti. Mentre alla fine emerge una narrazione riguardante gli eventi che porteranno alla Danza dei Draghi, molti dei dettagli in quella narrazione rimangono poco chiari o in attesa di interpretazione.

Le vere ragioni per cui la Casa Targaryen è entrata in una rovinosa guerra civile sono nascoste dietro voci, pettegolezzi e leggende, lasciando la possibilità ai lettori a creare una narrativa più soddisfacente nelle loro stesse teste. Per quanto talentuoso sia qualsiasi scrittore, la propria immaginazione può sempre creare un ritratto più intimo e curato degli eventi.

Questo è ciò che rende House of the Dragon una proposta così impegnativa come adattamento. In quanto documento visivo, la serie TV deve rappresentare alcuni momenti sullo schermo quasi per definizione. Deve mostrare qualcosa piuttosto che lasciarlo agli annali del gossip di Westeros. Per la maggior parte, House of the Dragon è riuscita a riempire i dettagli. Nell’episodio 5, tuttavia, perde qualche colpo.

Come l’episodio 2, l’episodio 5 non riesce a vivere il potenziale immaginativo fornito dal suo materiale sorgente.

We Light the Way, l’episodio 5, mette sullo schermo eventi che erano “fuori campo” nel mondo di Martin e il modo in cui sceglie di rappresentarli finisce per sprecare l’immaginazione dei suoi spettatori.

Di seguito il trailer preview dell’episodio 5 pubblicato su YouTube:

I matrimoni non finiscono mai bene a Westeros

House of The Dragon episodio 5, la recensione: i matrimoni non finisco mai bene...

Continuiamo la recensione dell’episodio 5 di House of The Dragon dicendo che l’episodio di questa settimana si concentra sulle nozze di Rhaenyra Targaryen (Milly Alcock) e Laenor Velaryon (Theo Nate), ma l’episodio si avvicina al disastro fin dall’inizio e il grande giorno finisce in uno spargimento di sangue, un re al collasso e linee appena demarcate tra alleati e nemici.

We Light the Way inizia con una morte scioccante e l’uscita improvvisa dalla corte di Otto Hightower (Rhys Ifans), ma rallenta notevolmente per la politica del fidanzamento di Laenor e Rhaenyra. Presto sorgono complicazioni: Laenor è già innamorato di un altro, Joffrey Lonmouth (Solly McLeod), mentre Rhaenyra è nel bel mezzo di un’avventura con il suo protettore della Guardia Reale Ser Criston Cole (Fabien Frankel).

Laenor e Rhaenyra giungono a un’intesa: si sposeranno per dovere, ma terranno segretamente per sé i loro amanti, la metafora culinaria è molto interessante. Dovrebbe essere la soluzione perfetta, ma ser Criston complica le cose chiedendo a Rhaenyra di dimenticare il trono e fuggire con lui. Mentre Rhaenyra sembra in conflitto per un momento, alla fine dichiara “Io sono la corona” in un discorso che spezza il cuore di Criston.

La volitiva principessa non rinuncerà al suo diritto di primogenitura così facilmente, non importa quanto possa lamentarsi di ciò che ne deriva – e mette in moto gli eventi oscuri dell’episodio.

Re Viserys (Paddy Considine), Corlys Velaryon (Steve Toussaint) e la vivace Rhaenys (Eve Best) hanno questioni meno romantiche che richiedono la loro attenzione. Corlys vuole che i figli di Laenor e Rhaenyra portino il cognome Velaryon, che, come sottolinea Viserys, porrebbe fine alla dinastia dei Targaryen semplicemente perché Rhaenyra è una donna.

Questo dimostra quanto sia profondamente radicata la politica di genere nel mondo di Westeros: in seguito, Corlys parla con Rhaenys dell’ingiustizia del sessismo che ha dovuto affrontare in passato.

House of The Dragon episodio 5, la recensione: i matrimoni non finisco mai bene...

Sono passati alcuni episodi dall’ultima apparizione della regina che non è mai stata, ma il suo ingresso vivace porta un’energia frizzante e di benvenuto che aggiunge vita a quella che altrimenti sarebbe una trattativa abbastanza banale.

Questo non vuol dire che l’episodio sia un disastro, tutt’altro. La parte centrale di quest’ora è un intrigo di palazzo perfettamente divertente. È solo frustrantemente imperfetto e incastrato tra due pessime idee.

I momenti di apertura e chiusura dell’episodio 5 rappresentano House of the Dragon nella sua forma meno efficace.

L’episodio inizia con Daemon Targaryen che fa visita alla sua ex moglie, Rhea Royce (Rachel Redford). Questo segna il nostro primo viaggio nella Valle da un po’ di tempo nell’universo di Game of Thrones. Al di fuori dei confini opprimenti della Casa Arryn, la valle scoscesa è in realtà piuttosto incantevole. Così come Lady Rhea. Se la Valle è piena di “cacca di pecore” come afferma Daemon, allora siamo curiosi di vedere quelle pecore.

Per prendere in prestito un’antica terminologia di Westeros, Lady Rhea è davvero molto attraente, il che aggiunge un nuovo livello al rifiuto di Daemon nei suoi confronti. Forse non è l’aspetto o il comportamento di sua moglie (sembra davvero forte e fredda!) a respingere Daemon così tanto, ma piuttosto il fatto che lei non sia del suo stesso sangue prezioso. O almeno l’introduzione di Rhea avrebbe aggiunto un nuovo livello a Daemon, se fosse andato avanti e non l’avesse uccisa immediatamente a sangue freddo.

Molto sangue e poco fuoco

House of The Dragon episodio 5, la recensione: i matrimoni non finisco mai bene...

Arriviamo alla conclusione della recensione dell’episodio 5 di House of The Dragon sottolineando che non c’è niente di intrinsecamente sbagliato nel fatto che Daemon Targaryen uccida gente, lo amiamo ancora per questo.

Il problema qui è che Daemon dovrebbe essere il personaggio più complesso della serie e questo tipo di malvagità è fin troppo unidimensionale.

Vestito con un cappuccio nero e armato con alcuni dialoghi poco stimolanti (e una roccia), Daemon sembra e si comporta come un Signore dei Sith inserito in una serie fantasy. Data la corsa sfrenata in cui Daemon ci ha portato fino ad ora, non riesco a immaginare che questa percezione sia ciò che la serie sta cercando.

La situazione sarebbe stata così facilmente rettificata eliminando completamente questa scena, come fa Martin in Fuoco e Sangue. In quel tomo storico, Lady Rhea muore in un misterioso incidente di caccia come fa qui. Fondamentalmente, tuttavia, non lo vediamo accadere. Viene solo da porsi la domanda se Daemon sia in qualche modo coinvolto.

E lasciare il dubbio è spesso più soddisfacente che fornire risposte. Immaginate il brivido perverso se la prima apparizione di Daemon in questo episodio fosse avvenuta quando è entrato spavaldamente nella Sala del Trono, pochi istanti dopo che gli spettatori hanno appreso che sua moglie è morta in circostanze misteriose. Daemon Targaryen dovrebbe essere più un mito che un uomo e quel tipo di ingresso è roba da miti.

Carey (Lady Alicent) offre la sua interpretazione più forte di sempre, muovendosi senza sforzo tra l’angoscia priva di cuore quando suo padre se ne va, alla devastazione quando viene a sapere del tè presso l’albero di Weirwood (il luogo delle sue scene più significative con Rhaenyra), al dolore palpabile e alla rabbia per il matrimonio.

La decisione di riformulare i due protagonisti (insieme ai fratelli Velaryon) sembra ancora strana quando Carey (Lady Alicent) e Alcock (Rhaenyra) hanno così fermamente fatto propri i personaggi, ed è un peccato che Alcock non abbia tanto con cui lavorare quanto Carey in quest’ultima apparizione.

Abbiamo superato la metà della prima stagione di House of the Dragon e, mentre ci dirigiamo verso l’ultimo tratto di episodi, le linee di battaglia sono state tracciate.

Rhaenys e Corlys sono ora legati a Rhaenyra, e suo zio Daemon è ancora irresistibilmente attratto da lei, ma ha un attrito romantico con Laena Velaryon (Savannah Steyn).

82
House of the Dragon
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione dell'episodio 5 di House of the Dragon considerando che Alicent e gli Hightowers sono dalla loro parte, Ser Criston ora si è alleato con loro e Viserys è ancora seduto in una posizione di malumore, non disposto a sfidare le mine intorno a lui nonostante sia preoccupato per la sua eredità in questo episodio. Il tabellone è pronto per le guerre a venire e quella leggendaria dinastia dei Targaryen è più fragile che mai.

ME GUSTA
  • Questo episodio dimostra quanto sia profondamente radicata la politica di genere nel mondo di Westeros: in seguito, Corlys parla con Rhaenys dell'ingiustizia del sessismo che ha dovuto affrontare in passato.
  • Abbiamo superato la metà della prima stagione di House of the Dragon e, mentre ci dirigiamo verso l'ultimo tratto di episodi, le linee di battaglia sono state tracciate.
  • Il finale aggiunge una nota di richiamo a Game of Thrones che non dispiace affatto.
FAIL
  • L'episodio 5, mette sullo schermo eventi che erano "fuori campo" nel mondo di Martin e il modo in cui sceglie di rappresentarli finisce per sprecare l'immaginazione dei suoi spettatori.
  • I momenti di apertura e chiusura dell'episodio 5 rappresentano House of the Dragon nella sua forma meno efficace.
House of the Dragon episodio 7, la recensione: il fuoco è una prigione
House of the Dragon episodio 7, la recensione: il fuoco è una prigione
House of The Dragon episodio 6, la recensione: l'amore è una rovina
House of The Dragon episodio 6, la recensione: l'amore è una rovina
Gli Anelli del Potere episodio 4, la recensione: Visioni e presagi
Gli Anelli del Potere episodio 4, la recensione: Visioni e presagi
House of The Dragon episodio 4, la recensione: la strategia di Daemon
House of The Dragon episodio 4, la recensione: la strategia di Daemon
House of The Dragon episodio 3, la recensione: Second of His Name
House of The Dragon episodio 3, la recensione: Second of His Name
House of The Dragon episodio 2, la recensione: The Rogue Prince
House of The Dragon episodio 2, la recensione: The Rogue Prince
Landscapers, la recensione: Olivia Colman e David Thewlis magistrali
Landscapers, la recensione: Olivia Colman e David Thewlis magistrali