Gli USA hanno segretamente testato un missile ipersonico

10 mesi fa

4 minuti

Secondo una fonte ben informata sentita dalla CNN, gli Stati Uniti avrebbero testato un’arma ipersonica durante il mese di marzo.

Gli Stati Uniti hanno testato un missile ipersonico in gran segreto, per evitare un’escalation con la Russia

Il test sarebbe avvenuto nel massimo riservo, per evitare di aumentare la tensione con la Russia e, più in generale, per evitare di aggravare la delicata situazione geopolitica globale già compromessa dalla guerra in corso in Ucraina. All’epoca il governo russo aveva iniziato a parlare apertamente dell’ipotesi di un’escalation nucleare nel caso di un intervento della NATO in Ucraina.

Secondo la CNN, il missile ipersonico sarebbe stato lanciato nella weast coast americana utilizzando un bombardiere B-52. Il missile avrebbe coperto una distanza di circa 500Km, raggiungendo un’altezza di 20Km dal livello del mare.

Il missile è un prototipo della Lockheed Martin, colosso dell’industria bellica statunitense nonché una delle tante aziende in corsa per aggiudicarsi l’appalto per la progettazione e produzione dell’arsenale bellico di prossima generazione degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti sono rimasti indietro. I programmi per lo sviluppo di missili ipersonici della Russia e della Cina sono entrambi in uno stato già avanzato, mentre le potenze occidentali non dispongono ancora di una tecnologia sufficientemente matura. Anche la Corea del Nord – con qualche dubbio da parte delle intelligence di area NATO – stanno da tempo conducendo test per lo sviluppo di un missile a planata ipersonico.

Il missile ipersonico Kinzhal in azione in Ucraina. Immagine del Centro de Estudios Grl Mosconi.

Lo scorso 19 marzo la Russia ha annunciato di aver impiegato un missile ipersonico Kinzhal per distruggere un deposito di armi sotterraneo dell’esercito ucraino. Sebbene esistano dei dubbi, se la notizia si dimostrasse vera sarebbe il primo caso documentato di un missile ipersonico impiegato in un reale scenario di guerra. Non è chiaro se l’ultimo test degli Stati Uniti sia avvenuto successivamente all’attacco russo — la CNN ha parlato genericamente di metà marzo, senza fornire una data precisa.

Solamente nel corso del 2021, la Lockheed Martin ha testato in volo i suoi prototipi di razzo ipersonico almeno tre volte.

Martedì gli Stati Uniti hanno annunciato una partnership con Gran Bretagna e Australia per lo sviluppo congiunto di nuove armi ipersoniche — nel tentativo di colmare rapidamente il gap con i progressi ottenuti da Cina e Russia.

Cosa sono i missili ipersonici

Come suggerisce il loro nome, i missili ipersonici sono in grado di raggiungere una velocità almeno cinque volte pari a quella del suono: Mach 5, dunque, con Mach 1 che rappresenta la velocità del suono. Si parla di una velocità di 1,6 Km/s.

Grazie alla loro velocità estrema, unita ad una manovrabilità eccezionale, i missili ipersonici sono considerati pressoché impossibili da intercettare — a differenza dei missili balistici tradizionali.

Ne esistono di due tipi. Il missile utilizzato dalla Russia in Ucraina – il Kinzhal -, così come il missile testato dalla Lockheed Martin, fanno parte della categoria dei missili da crociera ipersonici. Vengono lanciati dai jet militari in volo per poi raggiungere la velocità Mach 5, grazie ai loro motori.

Esiste poi una seconda categoria: i missili a planata ipersonica (HGV). Vengono sparati in traiettoria verticale, come uno shuttle, raggiungendo un’altitudine estremamente elevata, oltre i 1.000 Km da terra, ben al di sopra della linea di Kármán. Raggiunta questa altitudine spaventosa, i missili planano a velocità ipersonica verso il bersaglio. Sono estremamente facili da manovrare e possono facilmente aggirare le principali difese anti-missilistiche, ad esempio compiendo una serie di manovre complesse ad alta velocità, saturando la capacità di calcolo dei sistemi di difesa o, comunque, rendendo imprevedibile il loro punto d’arrivo finché ormai non è troppo tardi.

"Elon Musk ha iniziato a far propaganda per la Russia dopo aver parlato con Putin", ma lui smentisce le accuse
"Elon Musk ha iniziato a far propaganda per la Russia dopo aver parlato con Putin", ma lui smentisce le accuse
Kiev sotto i missili, colpito anche il centro di ricerca e sviluppo di Samsung
Kiev sotto i missili, colpito anche il centro di ricerca e sviluppo di Samsung
TikTok è stato sanzionato dalla Russia per aver diffuso "propaganda LGBT"
TikTok è stato sanzionato dalla Russia per aver diffuso "propaganda LGBT"
Meta ha sospeso 1.600 account utilizzati per diffondere propaganda russa
Meta ha sospeso 1.600 account utilizzati per diffondere propaganda russa
Il centro di Mosca nel caos: gli hacker pro-Ucraina ordinano a centinaia di tassisti di recarsi nella stessa via
Il centro di Mosca nel caos: gli hacker pro-Ucraina ordinano a centinaia di tassisti di recarsi nella stessa via
La Russia dice di voler abbandonare l'ISS dopo il 2024
La Russia dice di voler abbandonare l'ISS dopo il 2024
RuStore è il nuovo app store ufficiale della Russia, il Cremlino dà il benservito a Google e Apple
RuStore è il nuovo app store ufficiale della Russia, il Cremlino dà il benservito a Google e Apple