Apple: sette prodotti che non ha senso comprare a luglio del 2021

2 anni fa

Quali sono i prodotti della Apple da evitare tassativamente a luglio del 2021? ZDnet ha creato una lista dei device della Apple di cui non ha senso valutare l’acquisto: perché tra pochi mesi arriverà un nuovo modello, oppure perché sono semplicemente troppo obsoleti – nonostante un aggiornamento non sembri dietro l’angolo.

Non tutti i prodotti hanno lo stesso ciclo vita, in genere è un fatto noto che gli smartphone ricevano aggiornamenti molto frequenti, mentre per altri device come i laptop diventa sicuramente più difficile capire quando ha senso acquistare un prodotto e quando invece vale la pena di aspettare un po’: vuoi per acquistare il modello successivo, vuoi per acquistare quello precedente ma ad un prezzo estremamente più basso. Del resto, nessuno vuole spendere 1.000€ per uno smartphone o un laptop che nel giro di pochi mesi rischia di diventare “vecchio”.

ZDnet ha messo assieme i puntini, tenendo conto dei rumor più accreditati, creando una lista dei prodotti della Apple da non acquistare subito. Quelli per cui vale la pena di aspettare un po’ di tempo, dato che per lo stesso prezzo potrete acquistare la generazione successiva, si presuppone, con specifiche migliori.

  1. iPhone 12, 12 Mini, 12 Pro e 12 Pro Max: questo è il più grande no della lista. Sappiamo benissimo che Apple presenterà la famiglia di iPhone 13 a settembre. È vero, ormai si trovano a dei prezzi molto interessanti e anche ad ottobre del 2021 rimarranno degli ottimi smartphone al passo con i tempi. Ma anche se non volete acquistare la prossima generazione ha comunque senso aspettare qualche mese, se non altro per approfittare del calo di prezzo successivo all’annuncio dei nuovi modelli.
  2. iPhone SE 2: ormai ha un anno e il prezzo a cui viene proposto inizia ad essere troppo alto rispetto a quello che offre. Non sappiamo se Apple presenterà un nuovo modello a breve o se cancellerà questa linea, ma per il momento è un enorme NO.
  3. iPad Mini: finalmente il tablet compatto di Apple riceverà un importante aggiornamento. L’attuale modello è sul mercato dal 2019 e orami il gap con gli iPad più recenti si sente tutto. In questo caso ha senso valutare l’acquisto della prossima generazione e lasciar perdere quello attuale. È semplicemente troppo datato. Il nuovo iPad Mini dovrebbe venire presentato entro la fine del 2021, in autunno.
  4. MacBook Pro: si parla con insistenza di un nuovo modello con schermo Mini-Led. Alcune fonti avevano ipotizzato il loro debutto alla WWDC del 2021, ma con grande delusione del pubblico non si sono visti. Pazientare è d’obbligo.
  5. AirPods: probabilmente riceveranno un aggiornamento a breve. Altrettanto probabilmente l’update non stravolgerà l’esperienza d’uso e le specifiche delle cuffiette true-wireless. Valutate voi, acquistare ora potrebbe comunque avere senso.
  6. HomePod: prodotto morto, la buona notizia è che l’HomePod Mini rimane un acquisto sensato. A maggior ragione ora che finalmente sta per arrivare anche in Italia.
  7. iPod Touch: davvero nulla da aggiungere, sapete già tutto.

Leggi anche:

 

 

Sappiamo già moltissime cose su iOS 17 (e dunque sugli iPhone 15)
Sappiamo già moltissime cose su iOS 17 (e dunque sugli iPhone 15)
Il MacBook Pro con chip M2 Pro ha un SSD più lento di quello del vecchio modello
Il MacBook Pro con chip M2 Pro ha un SSD più lento di quello del vecchio modello
Tutto quello che devi sapere sul primo visore VR/AR di Apple
Tutto quello che devi sapere sul primo visore VR/AR di Apple
Tutti licenziano, tranne Apple: ecco i segreti della mela morsicata
Tutti licenziano, tranne Apple: ecco i segreti della mela morsicata
MacBook Air 2023: avrà il chip M3 e sarà più economico (rumor)
MacBook Air 2023: avrà il chip M3 e sarà più economico (rumor)
Apple HomePod: la seconda generazione segna il debutto anche in Italia
Apple HomePod: la seconda generazione segna il debutto anche in Italia
Nel 2027 un iPhone su due sarà 'Made in India': fine della leadership cinese?
Nel 2027 un iPhone su due sarà 'Made in India': fine della leadership cinese?