Monitoraggio del conducente, gli USA vorrebbero renderlo obbligatorio

2 anni fa

Ultimamente l’attenzione dei politici USA nei confronti dei sistemi di guida assistita sta crescendo a vista d’occhio. La distrazione alla guida miete già molte vittime e i sistemi “automatici” porterebbero le persone a comportarsi in maniera totalmente sconsiderata, pertanto alcuni legislatori hanno chiesto di rendere obbligatorio il monitoraggio del conducente, imponendolo a tutti i futuri modelli automobilistici.

Inutile negarlo, la lettera inviata dai legislatori Ed Markey e Richard Blumenthal ai regolatori federali è intimamente interconnessa con un recente incidente che ha mietuto due vittime, incidente che secondo le autorità sarebbe stato causato dalla distrazione e da un sistema di guida assistita ancora inadeguato alle aspettative della clientela.

Le indagini sono ancora lungi dall’essere concluse e nel frattempo la nota azienda non manca di chiamarsi fuori dalla faccenda, denunciando esplicitamente come le conclusioni raggiunte dagli investigatori siano – almeno dal suo punto di vista – completamente errate.

A prescindere da quale sia la realtà dei fatti, il caso ha allarmato alcuni personaggi politici, i quali sono rimasti scandalizzati da quanto siano fiacchi quei sistemi di monitoraggio di Tesla che dovrebbero controllare quanto sia vigile l’automobilista al volante.

Lo scopo sarebbe ora quello di delineare uno standard d’efficienza sul monitoraggio del conducente, quindi renderlo obbligatorio nell’arco di sei anni su tutte le autovetture prodotte negli Stati Uniti. Una proposta nata forse per dei motivi che si basano su un caso dubbio, ma che potrebbe effettivamente comportare conseguenze positive, almeno per la sicurezza stradale.

L’imposizione non sarebbe infatti focalizzata solamente sui mezzi che prevedono la guida assistita, piuttosto sarebbe da applicare su ogni modello, in modo che il sistema di sicurezza entri in tutto e per tutto a fare parte di un nuovo lessico autostradale, emulando la normalizzazione delle cinture di sicurezza.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

Tesla: uomo arrestato, faceva da passeggero all'autoguida
Tesla: uomo arrestato, faceva da passeggero all'autoguida
Tesla: le indagini sull'incidente mortale non si concluderanno a breve
Tesla: le indagini sull'incidente mortale non si concluderanno a breve
Tesla: è fin troppo facile gabbare i controlli di sicurezza
Tesla: è fin troppo facile gabbare i controlli di sicurezza
Tesla, automobilista registra il comportamento dell'autopilota
Tesla, automobilista registra il comportamento dell'autopilota
Tesla si schianta, ora si indaga l'autopilota
Tesla si schianta, ora si indaga l'autopilota
Aurora compra un'altra azienda LIDAR per creare auto a guida autonoma
Aurora compra un'altra azienda LIDAR per creare auto a guida autonoma
Aurora compra un'altra azienda LIDAR per creare auto a guida autonoma
Aurora compra un'altra azienda LIDAR per creare auto a guida autonoma

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.