GUIDE

I 10 migliori film LGBTQIA+ dell’ultimo decennio

283
5 mesi fa

12 minuti

10 film a tema LGBTQIA+

Abbiamo realizzato una lista dei 10 migliori film LGBTQIA+ dell’ultimo decennio. Gli anni che vanno dal 2010 al 2019 hanno visto un aumento dei film a tema LGBTQIA+ nel cinema e anche una maggiore accoglienza da parte della critica.

Una classifica con alcuni dei migliori film LGBTQIA+ degli ultimi dieci anni che, nelle loro storie, nei loro personaggi, attraverso i loro autori, hanno fatto la storia, hanno portato un’importante faccia della realtà nel cinema, spesso in modo migliore di quanto generalmente si faccia.

Sono stati anni importanti questi per le tematiche e la rappresentazione della comunità LGBTQIA+. Giusto per fare qualche esempio, prima di mostrarvi le nostre scelte: nel 2016, Carol ha ottenuto sei nomination all’Oscar e solo un anno dopo, per la prima volta nella storia, Moonlight è diventato il primo film a vincere il premio come miglior film agli Oscar del 2017.

Olivia Colman è stata nominata Migliore Attrice per aver interpretato la regina Anne ne La Favorita. Nel 2020, il romanzo di Celine Sciamma, Ritratto della giovane in fiamme, è diventato uno dei film più recensiti degli ultimi anni. Nel frattempo, Tuo, Simon ha fatto la storia nel 2018 essendo la prima commedia romantica per adolescenti a concentrarsi su un personaggio gay.

Gli anni 2010 sono stati un decennio fondamentale per il cinema LGBTQIA+; ed anche se i film con questa tematica erano già aumentati nei decenni precedenti, c’è stato un vero e proprio rialzo nel rappresentare – nella maniera più verosimile e rispettosa possibile – le storie LGBTQIA+ negli ultimi dieci anni.

Ma perché un aumento così importante in questi ultimi anni? Semplicemente perché il mondo cambia, come è giusto che sia. La rappresentazione chiede a gran voce una giusta scrittura. Una realtà veritiera e non stereotipata. Storie reali. Personaggi reali. Privi di stigma ma che affrontino i lati positivi e negativi della società dove tutti, in quanto esseri umani, dovremmo essere uguali.

Forse la parte più interessante di questo rialzo è che alcuni di questi film sono stati a malapena commercializzati come pellicole LGBTQIA+, ma sono stati presentati come film, dimostrando come queste storie stiano finalmente diventando decisamente più comuni nel mondo dell’entertainment e, quindi, mainstream.

Andiamo adesso a vedere i 10 migliori film LGBTQIA+ dell’ultimo decennio.

 

 

Ritratto della giovane in fiamme (2019)

ritratto

 

Ritratto della giovane in fiamme del 2019 potrebbe essere stato uno dei film più sottovalutati di quell’anno ma sicuramente tra i migliori film LGBTQIA+ dell’ultimo decennio, nonché tra i più impattanti.

Ambientato nella Francia del XVIII secolo, il film segue Marianne, una giovane artista a cui è stato commissionato di dipingere un ritratto dell’inafferrabile Héloïse, una sposa riluttante a esserlo. Le due donne alla fine saranno attratte l’una dall’altra e il ritratto diventerà parte integrante del loro amore.

Il film ha ricevuto recensioni positive dalla critica, elogiato per la sua sceneggiatura intelligente e per la forza della sua interpretazione drammatica.

Il film è stato scritto e diretto da Céline Sciamma. La pellicola ha vinto il Prix du scénario al Festival di Cannes 2019. Le riprese sono iniziate nell’ottobre 2018 e si sono concluse dopo trentotto giorni. I ritratti inclusi nel film sono stati realizzati dalla pittrice Hélène Delmaire, che ha dipinto 16 ore al giorno durante le riprese basandosi sulle scene; le sue mani sono presenti nel film.

Disponibile in streaming su Sky/NOW TV o acquisto/noleggio

 

 

La Favorita (2018)

la favorita

 

La Favorita è stato uno dei film di spicco del 2018. Interpretato da Olivia Colman, Emma Stone e Rachel Weisz, il film segue due donne (Weisz e Stone) mentre cercano di diventare le favorite della Regina Anne.

La Favorita è stato elogiato per le interpretazioni delle tre protagoniste, e ha ricevuto numerosi premi e nomination, tra cui dieci nomination agli Academy Award.

La Favorita ha anche vinto sette BAFTA Awards (tra cui Miglior film britannico e Miglior attrice non protagonista per Weisz) e dieci British Independent Film Awards. Colman ha vinto il premio come migliore attrice agli Academy Awards, ai Golden Globe e ai BAFTA. Il film è stato classificato dall’American Film Institute tra i primi dieci film del 2018. Il film ha anche vinto otto European Film Awards, tra cui Miglior film, Miglior regista e Migliore attrice per Colman.

Disponibile in streaming su Sky/NOW TV o acquisto/noleggio 

 

 

 

Rocketman (2019)

Rocketman

 

Rocketman è un film musicale biografico del 2019 basato sulla vita del musicista britannico Elton John. Diretto da Dexter Fletcher e scritto da Lee Hall, vede Taron Egerton nei panni di Elton John, Jamie Bell nei panni di Bernie Taupin, Richard Madden nei panni di John Reid e Bryce Dallas Howard nei panni di Sheila Eileen, la madre di John. Il film segue la vita di Elton John dai suoi primi giorni in Inghilterra come ragazzo-prodigio alla Royal Academy of Music e in seguito descrive la sua collaborazione musicale con Taupin.

Il film è stato il primo di un importante studio a includere una scena di sesso tra due uomini. Per la sua interpretazione, Egerton ha ricevuto numerose nomination, tra cui il BAFTA Award come miglior attore protagonista e lo Screen Actors Guild Award per l’eccezionale interpretazione di un attore maschio in un ruolo principale, e ha vinto il Golden Globe Award come miglior attore. John e Taupin hanno anche vinto per la migliore canzone originale al 77° Golden Globe Awards, la migliore canzone al 25° Critics Choice Awards e la migliore canzone originale al 92° Academy Awards.

Disponibile su Netflix.

 

 

 

The Handmaiden (2016)

the handmaiden

 

The Handmaiden è un altro film in questa lista che non ha ricevuto il riconoscimento che meritava, ma che merita un suo posto tra i migliori film LGBTQIA+ dell’ultimo decennio.

Il film è un thriller psicologico erotico sudcoreano del 2016 diretto da Park Chan-wook e interpretato da Kim Min-hee, Kim Tae-ri, Ha Jung-woo e Cho Jin-woong. È ispirato al romanzo del 2002 Fingersmith della scrittrice gallese Sarah Waters, con il cambio dell’ambientazione che passa dall’essere nell’epoca vittoriana in Gran Bretagna alla Corea sotto il dominio coloniale giapponese.

Nella Corea occupata dai giapponesi, un truffatore che opera sotto il soprannome di Conte Fujiwara ha intenzione di sedurre un’ereditiera giapponese di nome Lady Hideko, per poi sposarla e mandarla in un manicomio per rubare la sua eredità. Il Conte assume una persona di fiducia di nome Sook-hee per metterla a servizio di Hideko e fare in modo che la invogli a sposarlo.

 

 

Pride (2014)

Pride Migliori film LGBTQIA+ dell'ultimo decennio

 

Pride è una commedia drammatica britannica del 2014 scritta da Stephen Beresford e diretta da Matthew Warchus. Basato su una storia vera, il film descrive un gruppo di attiviste lesbiche e gay che hanno raccolto fondi per aiutare le famiglie colpite dallo sciopero dei minatori britannici nel 1984, all’inizio di quella che sarebbe diventata la campagna Lesbians and Gays Support the Miners.

È stato proiettato al Festival di Cannes 2014, dove ha vinto il Queer Palm award. La storia segue un gruppo, che si fa chiamare Lesbiche e gay sostengono i minatori, che inizia ad aiutare i minatori in un piccolo villaggio del Galles, ma deve anche fare i conti con l’omofobia insita in questa piccola comunità operaia. Il film è una gioia da guardare e mescola la commedia con temi toccanti ed emotivi.

Disponibile su Amazon Prime Video

 

 

Carol (2015)

Carol Migliori film LGBTQIA+ dell'ultimo decennio

 

Tratto dal romanzo The Price of Salt di Patricia Highsmith e interpretato da Rooney Mara e Cate Blanchett, Carol parla della storia di un’aspirante fotografa Therese Belivet che incontra una donna affascinante, Carol Aird. Carol sta attraversando un difficile divorzio dal marito, Harge. L’incontro fortuito delle due donne da Frankenberg creerà i presupposti affinché le due donne inizino a condividere un legame profondo e romantico che ha un impatto su entrambe le loro vite.

Diretto da Todd Haynes, Carol è un film meravigliosamente intimo e commovente. Il film ha ricevuto molti riconoscimenti, tra cui cinque nomination ai Golden Globe, sei nomination agli Oscar e nove nomination ai BAFTA; oltre a cinque Dorian Awards e premi del New York Film Critics Circle, della Los Angeles Film Critics Association e della National Society of Film Critics.

Carol ha ricevuto una standing ovation di dieci minuti alla proiezione e alla prima internazionale del Festival di Cannes. I critici hanno elogiato la direzione di Haynes, le performance di Blanchett e Mara, la cinematografia, i costumi e la colonna sonora. Nelle recensioni Rotten Tomatoes, il film ha una valutazione del 94% sulla base delle recensioni di 307 critici.

Disponibile in streaming su Sky/NOW TV o acquisto/noleggio 

 

 

Dallas Buyers Club (2013)

Dallas Buyers Club Migliori film LGBTQIA+ dell'ultimo decennio

 

Perché questo film è uno dei migliori film LGBTQIA+ dell’ultimo decennio? Sebbene il protagonista non sia omosessuale, qui ci si scontra con uno dei più grandi mali del nostro mondo e che ha visto soffrire, tra i tanti, la comunità.

Basato su una storia vera, Dallas Buyers Club segue la storia di Ron Woodroof, un cowboy del Texas a cui è stato diagnosticato l’HIV nel 1985. Il film mostra come Woodroof sia stato ostracizzato dai suoi amici dopo la diagnosi, mostrando lo stigma che deriva dalla malattia che persiste anche oggi. Come parte del movimento sperimentale per il trattamento dell’AIDS, Woodroof ha introdotto di nascosto farmaci non approvati in Texas per curare i suoi sintomi e li ha distribuiti ad altre persone affette da AIDS istituendo il Dallas Buyers Club mentre si trovava di fronte all’opposizione della Food and Drug Administration (FDA).

Due personaggi secondari, la dottoressa Eve Saks (Jennifer Garner) e Rayon (Jared Leto), erano ruoli compositi creati dalle interviste degli scrittori con pazienti transgender di AIDS, attivisti e medici. Il biografo presidenziale Bill Minutaglio ha scritto il primo profilo della rivista del Dallas Buyers Club nel 1992. L’articolo, che includeva interviste a Woodroof e ricreava anche le sue drammatiche imprese internazionali, ha attirato l’attenzione di registi e giornalisti.

Il film ha un cast stellare, con Matthew McConaughey, Jared Leto e Jennifer Garner che si trasformano nei loro personaggi per dare potenti interpretazioni in questo film estremamente importante. La critica ha elogiato le interpretazioni di McConaughey e Leto, che hanno ricevuto l’Academy Award rispettivamente come miglior attore e come miglior attore non protagonista, all’86° Academy Awards, rendendo questo il primo film dopo Mystic River (2003), e solo il quinto film in assoluto, a vincere entrambi i premi. Il film ha anche vinto il premio per miglior trucco e acconciatura e ha ottenuto nomination come miglior film, migliore sceneggiatura originale e miglior montaggio.

Disponibile su Rai Play

 

 

 

Tuo, Simon (2018)

tuo, Simon Migliori film LGBTQIA+ dell'ultimo decennio

 

Tuo, Simon è una commedia romantica americana del 2018 diretta da Greg Berlanti, scritta da Isaac Aptaker ed Elizabeth Berger e basata sul romanzo Simon vs. the Homo Sapiens Agenda di Becky Albertalli. Il film è interpretato da Nick Robinson, Josh Duhamel e Jennifer Garner. È incentrato su Simon Spier, un liceale gay che è costretto a trovare un equilibrio tra i suoi amici e la sua famiglia, mentre tenta di scoprire l’identità dell’anonimo compagno di classe di cui si è innamorato online.

Questo film è degno di nota anche per essere il primo film di un importante studio di Hollywood a concentrarsi su una storia d’amore adolescenziale gay, ha incassato $ 66 milioni in tutto il mondo. Una serie televisiva intitolata Love, Victor, ambientata nello stesso universo del film, è stata presentata in anteprima il 17 giugno 2020 su Hulu, con Robinson che funge da narratore della serie.

Disponibile per acquisto e noleggio 

 

 

Chiamami col tuo nome (2017)

chiamami col tuo nome Migliori film LGBTQIA+ dell'ultimo decennio

 

Chiamami col tuo nome è un film drammatico romantico di formazione del 2017 diretto da Luca Guadagnino. La sua sceneggiatura, di James Ivory, che ha anche co-prodotto, è basata sull’omonimo romanzo del 2007 di André Aciman. Il film è l’ultimo capitolo della trilogia tematica Desire di Guadagnino, dopo I Am Love (2009) e A Bigger Splash (2015). Ambientato nel 1983 nel nord Italia, Call Me by Your Name racconta la relazione romantica tra un diciassettenne, Elio Perlman (Timothée Chalamet), e Oliver (Armie Hammer), un ventiquattrenne assistente laureato del padre di Elio (Michael Stuhlbarg), un professore di archeologia.

Guadagnino considera Chiamami col tuo nome un omaggio ai padri della sua vita: mio padre, e i miei mentori, riferendosi ai registi Jean Renoir, Jacques Rivette, Éric Rohmer e Bernardo Bertolucci, che secondo lui lo hanno ispirato. Guadagnino ha descritto Chiamami col tuo nome come un film orientato alla famiglia allo scopo di trasmettere la conoscenza e la speranza che persone di generazioni diverse vedano il film insieme.

Disponibile su Netflix e Amazon Prime Video

 

 

 

Moonlight (2016)

moonlight Migliori film LGBTQIA+ dell'ultimo decennio

 

In conclusione della nostra lista di migliori film LGBTQIA+ dell’ultimo decennio, non possiamo non citare uno dei più controversi, soprattutto per il suo scontro durante la notte degli Oscar con La La Land.

Moonlight è un film drammatico americano del 2016 scritto e diretto da Barry Jenkins, basato sull’opera semi-autobiografica inedita di Tarell Alvin McCraney In Moonlight Black Boys Look Blue. Nel cast Trevante Rhodes, André Holland, Janelle Monáe, Ashton Sanders, Jharrel Jerome, Naomie Harris e Mahershala Ali. Il film presenta tre fasi della vita del personaggio principale: la sua infanzia, l’adolescenza e la prima età adulta. Esplora le difficoltà che deve affrontare con la sua sessualità e identità, inclusi gli abusi fisici ed emotivi che subisce crescendo.

Moonlight è stato citato come uno dei migliori film del 21° secolo. Il film ha vinto diversi riconoscimenti, tra cui il Golden Globe come miglior film drammatico e gli Oscar per miglior film, miglior attore non protagonista e migliore sceneggiatura su un totale di otto nomination. È diventato il primo film con un cast con solo attori di colore, il primo film legato a temi LGBTQIA+ e il secondo film con il minor incasso nazionale (dietro The Hurt Locker) a vincere l’Oscar come miglior film. Joi McMillon è diventata la prima donna di colore ad essere nominata per un Oscar del montaggio e Ali è diventata la prima musulmana a vincere un Oscar per la recitazione.

Durante le riprese, Jenkins si è assicurato che i tre attori che interpretavano il protagonista non si incontrassero fino a dopo le riprese per evitare qualsiasi imitazione l’uno dell’altro. Di conseguenza, Rhodes, Sanders e Hibbert hanno filmato in periodi di due settimane separati.  Mahershala Ali volava spesso a Miami nei fine settimana consecutivi per filmare durante la produzione di altri progetti.

Disponibile per acquisto o noleggio

 

 

The Witcher 2: il secondo teaser della nuova stagione
The Witcher 2: il secondo teaser della nuova stagione
A Classic Horror Story: il backstage del film horror di Netflix
A Classic Horror Story: il backstage del film horror di Netflix
I 15 migliori biopic musicali di sempre, tra rockstar e non solo
I 15 migliori biopic musicali di sempre, tra rockstar e non solo
Zerocalcare - Strappare Lungo i Bordi: un aggiornamento a fumetti per la serie animata Netflix
Zerocalcare - Strappare Lungo i Bordi: un aggiornamento a fumetti per la serie animata Netflix
Young Royals: trailer del teen drama ambientato nella moderna nobiltà
Young Royals: trailer del teen drama ambientato nella moderna nobiltà
Come sono diventato un supereroe: trailer del poliziesco Netflix... coi superpoteri
Come sono diventato un supereroe: trailer del poliziesco Netflix... coi superpoteri
Supercrooks: la prima immagine della serie animata Netflix tratta da Jupiter's Legacy
Supercrooks: la prima immagine della serie animata Netflix tratta da Jupiter's Legacy