CORONAVIRUS

Coronavirus: il desametasone diminuisce la mortalità di COVID-19 di 1/3 e costa pochissimo

3
17 Giugno

Il desametasone, un corticosteroide economico e ampiamente disponibile, ha ridotto significativamente le morti di pazienti con COVID-19 gravemente malati in un importante studio clinico.

Un grande passo avanti e una luce nel buio della pandemia che ha messo in ginocchio il mondo: i ricercatori hanno annunciato che il desametasone, un corticosteroide economico e ampiamente disponibile, ha ridotto significativamente le morti di pazienti con COVID-19 gravemente malati in un importante studio clinico.

Sebbene non siano ancora stati rilasciati, numerosi commentatori esterni hanno esultato accogliendo il risultato come un “enorme passo avanti”.

Questi sono risultati davvero sorprendenti, ma davvero molto convincenti

afferma Martin Landray dell’Università di Oxford, uno degli autori principali dello studio che ha valutato lo steroide.

La cosa sarebbe davvero una svolta perché il farmaco ha un costo basso e quindi potrebbe essere una cura disponibile anche per le persone più povere o per i Paesi del terzo Mondo.

Il Recovery trial, lanciato a marzo, è uno dei più grandi studi randomizzati e controllati al mondo per i trattamenti contro il nuovo coronavirus: sta testando una serie di potenziali terapie.

In questo caso lo studio ha arruolato 2100 partecipanti che hanno ricevuto desametasone a una dose bassa o moderata di sei milligrammi al giorno per dieci giorni e sono stati confrontati con circa 4.300 persone che hanno ricevuto cure standard.

L’effetto del desametasone è stato più evidente tra i pazienti critici con ventilazione. Anche coloro che stavano assumendo ossigenoterapia, ma non erano sottoposti a ventilazione hanno riscontrato un miglioramento: il loro rischio di morire è stato ridotto del 20%. Lo steroide non ha avuto effetti sulle persone con casi lievi di COVID-19 ossia quelli che non ricevono ossigeno o ventilazione.

Poco dopo il rilascio dei risultati, il governo del Regno Unito ha annunciato di aver immediatamente autorizzato l’uso del desametasone per i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 che necessitavano di ossigeno, compresi quelli con ventilazione.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha accolto “con favore” questi risultati dichiarando che

è il primo trattamento che ha dimostrato di ridurre la mortalità nei pazienti con COVID-19 che richiedono supporto per ossigeno o ventilatore.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms ha detto:

Questa è una grande notizia e mi congratulo con il governo del Regno Unito, l’Università di Oxford e i numerosi ospedali e pazienti nel Regno Unito che hanno contribuito a questa svolta scientifica salvavita.

L’uso di steroidi per trattare le infezioni respiratorie virali come COVID-19 è stato controverso anche perché i dati degli studi sugli steroidi durante epidemie di SARS (sindrome respiratoria acuta grave) e sindrome respiratoria del Medio Oriente causate da altri coronavirus correlati erano stati inconcludenti.

Tuttavia, data la diffusa disponibilità del desametasone e alcuni risultati promettenti degli studi sugli steroidi in precedenti epidemie, gli investigatori di Recovery hanno ritenuto importante testare il trattamento in una rigorosa sperimentazione clinica.

Le linee guida per il trattamento dell’Organizzazione mondiale della sanità e di molti paesi hanno messo in guardia dal trattamento delle persone con coronavirus con steroidi e alcuni ricercatori erano preoccupati per le notizie riguardanti un trattamento steroideo diffuso.

L’uso di steroidi è dibattuto perché influenzano il funzionamento del sistema immunitario.

Questo tipo di farmaci infatti depotenziano il sistema immunitario e potrebbero fornire un po’ di sollievo ai pazienti i cui polmoni sono devastati da una risposta immunitaria iperattiva che a volte si manifesta in casi gravi di COVID-19. D’altra parte questi stessi malati hanno bisogno di un sistema immunitario perfettamente funzionante per respingere il virus stesso.

Lo studio comunque suggerisce che alle dosi testate, i benefici del trattamento con steroidi possono superare il danno potenziale e non ha riscontrato effetti collaterali durante trattamento, hanno detto i ricercatori.

Questo trattamento può essere somministrato praticamente a chiunque.

La notizia rincuora doppiamente visto che in questi giorni il mondo è alle prese con un nuovo importante focolaio a Pechino e la preoccupazione è molta.

 

 

 

Aree Tematiche
Medicina News Scienze
Tag
mercoledì 17 giugno 2020 - 14:37
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd