Vincenzo Alfieri e i suoi Uomini d’oro: “Ho cominciato a fare film grazie al Batman di Tim Burton”

11
3 anni fa

Per il suo secondo film Vincenzo Alfieri ha scelto un cast d’eccezione: lo abbiamo incontrato a Rom  insieme ai suoi Uomini d’oro, ovvero Fabio De Luigi, Giampaolo Morelli e Giuseppe Ragone, che ci hanno svelato il loro film imprescindibile. A Morelli toccate tutto tranne i Goonies.

Dopo I peggiori, Gli uomini d’oro: Vincenzo Alfieri l’ha fatto di nuovo e dal 7 novembre è in sala con la sua opera seconda.

 

 

Ambientato nel 1996, Gli uomini d’oro è un film singolare per il cinema italiano: prima di tutto vede finalmente Fabio De Luigi in un ruolo serissimo, quello di Alvise Zago, padre di famiglia cardiopatico costretto a fare tre lavori diversi. Poi è cattivo. Anzi, cattivissimo.

Accanto a De Luigi molti volti di punta del nostro panorama: Giampaolo Morelli, Edoardo Leo, Gian Marco Tognazzi, Giuseppe Ragone e Matilde Gioli. Tutti invischiati, in un modo o nell’altro, in una rapina che dovrebbe sistemarli a vita.

 

 

Toccateci tutto, ma non i film

In Gli uomini d’oro, ambientato a Torino, si parla costantemente di calcio e in particolare una partita, Juventus – Torino, scandisce la narrazione. Ladri e Juventus nello stesso film: un caso? “Il mio personaggio lo dice, non io!” ci tiene a precisare Fabio De Luigi.

 

 

Meno evidenti, più ricercati, nel film ci sono anche moltissimi riferimenti ad altre pellicole: un bar si chiama Balla coi lupi e vediamo appesi alle pareti i poster di L’ultima sfida di Bruce Lee e di Heat – La sfida. Abbiamo quindi chiesto al cast qual è quel film che, se qualcuno ne parla male, si offendono come se gli avessero insultato la squadra del cuore.

Per Vincenzo Alfieri:

Ce ne sono tanti in realtà. Io faccio questo mestiere perché a cinque anni mio papà mi ha portato al cinema a vedere Batman di Tim Burton.

Sembrerà un esempio banale, ma secondo me quel film è scritto con una genialità rara. Quando sento parlare in modo improprio di quei tipi di cinecomic divento pazzo.

 

 

Ecco la nostra intervista:

 

 

Gli uomini d’oro è in sala dal 7 novembre.

Incontro con Jeremy Piven al Magna Graecia Film Festival: l'uomo dietro la maschera
Incontro con Jeremy Piven al Magna Graecia Film Festival: l'uomo dietro la maschera
John Landis, il report dell'incontro al Magna Graecia Film Festival: "Con The Blues Brothers abbiamo creato delle silhouette iconiche"
John Landis, il report dell'incontro al Magna Graecia Film Festival: "Con The Blues Brothers abbiamo creato delle silhouette iconiche"
Incontro con Richard Gere al Magna Graecia Film Festival: un fascino intramontabile
Incontro con Richard Gere al Magna Graecia Film Festival: un fascino intramontabile
Incontro con Marco Leonardi al Magna Graecia Film Festival: "la mia parte in Padre Pio sarà oscura"
Incontro con Marco Leonardi al Magna Graecia Film Festival: "la mia parte in Padre Pio sarà oscura"
Il regista Ti West su X - A Sexy Horror Story : "Quando si è giovani si pensa al futuro, quando si cresce lo sguardo è rivolto sempre al passato."
Il regista Ti West su X - A Sexy Horror Story : "Quando si è giovani si pensa al futuro, quando si cresce lo sguardo è rivolto sempre al passato."
Intervista a Gianni Zhang, direttore del FánHuā Chinese Film Festival
Intervista a Gianni Zhang, direttore del FánHuā Chinese Film Festival
Roberto De Feo, l'intervista: "È importante che i Festival, soprattutto in Italia, si aprano nei confronti del genere."
Roberto De Feo, l'intervista: "È importante che i Festival, soprattutto in Italia, si aprano nei confronti del genere."