Le Orionidi nel cielo notturno di ottobre

35
2 anni fa

Il cielo di questo mese ci regala ancora stelle cadenti: le Orionidi. Lo sciame di meteore avrà il massimo dell’attività tra il 20 e il 23 ottobre.

Chiamate così per la posizione da cui sembrano provenire, un’area nei pressi della costellazione di Orione, le Orionidi sono frammenti provenienti dalla cometa di Halley generatesi nei vecchi passaggi vicino al sole.

Nelle notti tra il 21 e il 23 ottobre si osserverà la maggiore attività e quest’anno gli avvistamenti saranno particolarmente favorevoli, spiegano gli esperti, ma solo fino alle 3:30 del mattino, momento in cui la Luna con il suo chiarore inizierà a disturbarne la visibilità.

L’osservazione di questo sciame di meteore è particolarmente interessante dato l’aumento di meteore visibili che si registra da un anno all’altro.

Le Orionidi non hanno un unico massimo ma una serie di variazioni della frequenza, dato che la Terra nel suo moto nello spazio incontra zone più o meno dense di meteore.

spiega Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai) in un intervista all’ANSA.

 

 

SpaceX DOGE-1: il cubesat finanziato con un pagamento in dogecoin, nel 2022 nell'orbita della Luna
SpaceX DOGE-1: il cubesat finanziato con un pagamento in dogecoin, nel 2022 nell'orbita della Luna
Luna rosa: la superluna del mese di aprile
Luna rosa: la superluna del mese di aprile
Artemis: la NASA sceglie SpaceX per atterrare sulla Luna
Artemis: la NASA sceglie SpaceX per atterrare sulla Luna
Nokia vuole costruire una rete 4G sulla Luna
Nokia vuole costruire una rete 4G sulla Luna
Ex leader della NASA sostiene che gli USA debbano puntare su SpaceX
Ex leader della NASA sostiene che gli USA debbano puntare su SpaceX
La Luna ha una sua scia, anche se solitamente non la notiamo
La Luna ha una sua scia, anche se solitamente non la notiamo
Luna, i crateri sono 10 volte di più rispetto a quanto si credeva: oltre 100 mila
Luna, i crateri sono 10 volte di più rispetto a quanto si credeva: oltre 100 mila