Sedie a rotelle controllabili con il pensiero

7 anni fa

xavier

Recentemente è stato pubblicato su Nature il risultato di un esperimento che ha portato alla creazione di un prototipo di protesi neurale che permette il controllo di una sedia a rotelle col pensiero.

Il team di Miguel Nicolelis, della Duke University (Durham, North Carolina) ha deciso di portare ad un nuovo stadio la loro lunga ricerca sulla possibilità di controllare arti meccanici attraverso “interfacce neurali”, con l’intenzione di giungere al controllo di una intera sedia motorizzata, permettendo l’utilizzo di uno strumento di deambulazione che possa quindi muoversi al posto del corpo, ma sotto il suo controllo o meglio, sotto il controllo diretto del pensiero.

Quello realizzato è un prototipo che è stato sviluppato ed impiegato su alcuni esemplari di macaco. Il primo step è stato quello di addestrare i macachi nell’utilizzo di sedie a rotelle motorizzate: grazie all’impiego di elettrodi che rilevavano l’attività della corteccia cerebrale lungo tutte le fasi dell’addestramento, è stato possibile registrare e poi decodificare tutti gli schemi di attivazione individuati.

srep22170-f1

A questo punto, una volta programmata secondo le istruzioni ricavate nel corso della prima fase, la protesi neurale è stata collegata in modalità wireless alla sedia, impedendo ai macachi di utilizzare il joystick di cui si erano serviti fino a quel momento. Il risultato è stato che col tempo le scimmie si sono rivelate in grado di raggiungere il loro target (della frutta), dimostrano come le protesi installate siano state in grado di interpretare con grande flessibilità gli input legati al movimento provenienti dal cervello.

Si tratta sicuramente di un importante traguardo per quanto riguarda le possibilità di deambulazione di pazienti para o tetraplegici, ma anche più in generale sulla possibilità per l’uomo di sfruttare il solo pensiero come strumento per interagire con lo spazio che lo circonda.

Charles Xavier nun te temo!

Cervello: ecco com’è quello di chi soffre di emicrania
Cervello: ecco com’è quello di chi soffre di emicrania
Alcol: durante la gravidanza modifica il cervello del bambino
Alcol: durante la gravidanza modifica il cervello del bambino
Effetto Stroop: la risposta del cervello agli stimoli
Effetto Stroop: la risposta del cervello agli stimoli
Psicoterapia e neuroplasticità: qual è il nesso?
Psicoterapia e neuroplasticità: qual è il nesso?
La lebbra può rigenerare il fegato
La lebbra può rigenerare il fegato
Metaverso per curare l’autismo
Metaverso per curare l’autismo
Omega 3: effetto benefico sul cervello degli adolescenti
Omega 3: effetto benefico sul cervello degli adolescenti

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.