Destrage – Are You Kidding Me? No.

38
7 anni fa

destrage

Vedo che i Destrage non hanno fatto proseliti sulla lega. Ci riprovo con questo articolo, visto che è uscito il nuovo album, me l’ha detto mia zia.

“Are You Kidding Me? No.” è il terzo lavoro in studio del gruppo milanese, questa volta prodotto da Metal Blade Records e registrato in quel di Los Angeles.

Stavolta i magnifici 5, capitanati da Paolo “cazzo ti gridi” Colavolpe hanno sfornato un album degno dell’attenzione di tutti, dal chierichetto fighetto dal cuore tenero che ascolta Mina e piange al metalmeccanico (perchè appunto è metal).

Ma non dilunghiamoci troppo in solluccheri e veniamo alla ciccia di questo articolo: la musica.
Non va ascoltato in luoghi bui o poco frequentati a meno che non abbiate una buona scorta di Tena Lady

Il genere, come ho già ampiamente discusso in questo articolo sull’album precedente, è melodic deathmetal, anche se di death c’è davvero poco o nulla. I 5 milanesi si confermano il gruppo del mio cuoricino con un album a dir poco sorprendente. Paolo “polmone d’acciaio” Colavolpe passa come al solito dallo scream al melodico, ma questa volta ti fa venire l’ernia del disco (questo disco, appunto). Paulovich a questo giro è passato dal ferramenta e la batteria, sempre a livelli eccelsi, si conferma su ritmi vertiginosi e a volte irregolari, seguita a ruota dalle due chitarre. Non va ascoltato in luoghi bui o poco frequentati a meno che non abbiate una buona scorta di Tena Lady (ci sono anche da uomo). Le due chitarre vi rimandano dal liutaio o vi ricordano che se siete chitarristi potreste tranquillamente farne a meno. Sul basso non mi esprimo perchè per tenere certi ritmi, anche se a plettro, non bisogna essere troppo sani di mente.

Il dolore che avvertite agli zigomi è solo quel TIR IN FACCIA che vi è arrivato alla terza traccia.

La quantità di brividi emanata dall’opera è direttamente proporzionale al volume con cui viene ascoltata, se siete fortunati voi giovinastri dalle lunghe chiome vi conviene agitarle per verificare se a Purania, che è il secondo pezzo, siete ancora vivi. In caso affermativo, se la stanza è ancora tutta intera, vi raccomando di uscire a fare una passeggiata, in fondo è primavera e le cuffie beats hd solo con cui vi accompagnate voi fighetti (ce le ho anch’io, maledetto dr. dre) sono perfette per gustare ogni singola nota, sempre se le riuscite a separare a quelle velocità. Attenzione: il dolore che avvertite agli zigomi è solo quel TIR IN FACCIA che vi è arrivato alla terza traccia. E siamo solo agli inizi.

Insomma, visto che gli articoli di musica rompono i coglioni (chi cazzo li legge? si fa prima ad ascoltare l’album) vi suggerisco di COMPRARE e SUPPORTARE la band in tour, altrimenti lo dico a mia zia.

 

 

Vi lascio con il mio pezzo preferito.

 

Il Trono del Re: la musica e l'entertainment - con Andrea Rock e Andrea Paoli
Il Trono del Re: la musica e l'entertainment - con Andrea Rock e Andrea Paoli
Audio in 8D: che roba è?
Audio in 8D: che roba è?
ColorPiano: una sinestesia digitale a base di LEGO e tecnologie Web
ColorPiano: una sinestesia digitale a base di LEGO e tecnologie Web
One Song A Day, una canzone per ogni giorno dell'anno
One Song A Day, una canzone per ogni giorno dell'anno
Apple Music, sconto per universitari anche in Italia
Apple Music, sconto per universitari anche in Italia
Play Store Cyber Week, sconti su libri, film, giochi e musica
Play Store Cyber Week, sconti su libri, film, giochi e musica
Spotify, l'app si aggiorna sugli Smart Tv Samsung
Spotify, l'app si aggiorna sugli Smart Tv Samsung