DroidCon Italy: 6 e 7 febbraio

4
5 Febbraio 2014

DroidCon Italia

Finalmente domani si apriranno le porte del primo evento Droidcon Italiano, principale congresso internazionale per gli sviluppatori Android.

Tra pochissime ore potremo assistere a Torino, presso Torino Incontra (via Nino Costa 8), a speech, dimostrazioni e workshop da parte dei migliori esperti Android Europei.

Non mancheranno di certo le sorprese, che siamo sicuri faranno parte dell’evento che terrà tutti i partecipanti incollati davanti alle presentazioni.

Tra tutti i talk degli esperti Android ci sarà anche quello molto interessante presentato da Valerio Saffirio, che ci parlerà di come i tanto chiacchierati Google Glass possano essere messi al servizio delle persone con disabilità.

L’abbiamo incontrato e intervistato, ed ecco quello che ci ha raccontato.

Intervista a cura di Gianni Forlastro.

 

Parlaci un po’ di te. Da dove vieni? Di cosa ti occupi attualmente?

Sono nato a Torino e mi sono formato professionalmente nel mondo della comunicazione pubblicitaria. Ho lavorato per 10 anni in multinazionali della pubblicità e da circa 16 anni sono un imprenditore della comunicazione.

Oggi mi occupo dello sviluppo del business e del marketing strategico per Orange comunicazione (Torino) e per Rokivo inc. , società specializzata in User Experience con sede centrale a New York e sede italiana a Torino.

 

Sappiamo che al Droidcon di Torino terrai due speech, puoi dirci di cosa parlerai?

Racconterò la nostra esperienza all’interno del progetto Google Glass Explorer e nello specifico presento il progetto Google Glass4LIS, un’applicazione per Google Glass in grado di completare l’esperienza dei sordi all’interno di un museo (in collaborazione con il Museo Egizio di Torino, Politecnico di Torino, Università di Torino e ENS, Ente Nazionale Sordi)

 

Con la tua società, sei uno dei primi che ha avuto la possibilità di lavorare sui  tanto ambiti Google Glasses.
Ci racconti quello che siete riusciti con questi “occhiali magici” e cosa vedi nel futuro di questo prodotto?

All’inizio del 2013 abbiamo partecipato, insieme alla nostra partner Vidiemme Consulting, al progetto Google Glass Explorer aperto a soli residenti negli stati uniti, inviando un’idea di sviluppo per questo innovativo device.

La nostra suggestione è piaciuta e per questo siamo stati inseriti nel progetto, abbiamo ottenuto un paio di Glass e un accordo formale per poterli sviluppare e nel corso di questi mesi abbiamo iniziato a lavorare su diverse aree merceologiche con grandi società multinazionali: mobile banking, connected cars, mobile, largo consumo, editoria, chirurgia, cultura, entertainment e disabilità, per iniziare.

Alla fine del 2013 Google ci ha consegnato altre due paia di Glass per aiutarci ad incrementare i progetti di sviluppo di applicazioni in queste e altre aree.

I Google Glass sono uno dei diversi prototipi oggi esistenti nell’area della wearable technology: nuovi devices che permetteranno agli individui di aumentare la propria esperienza di vita quotidiana “indossando” la tecnologia (in modi e forme diverse, dagli occhiali ai braccialetti, dai tessuti a pillole da ingerire…) per ricevere informazioni in un modo più veloce e fluido (a mani libere e con il campo visivo sgombro) connettendosi alla rete internet con applicazioni utili per la vita reale (da poter scambiare sui propri canali sociali).

Un “ubiquitous social marketing” che regalerà innovazione reale e nuove importanti opportunità, senza trascurare naturalmente anche alcuni rischi significativi, come quello sulla privacy ad esempio, sul quale stiamo lavorando con esperti di questioni legali.

Difficile interpretare il futuro di prodotti come questo, anche perché, come sempre, sarà l’utente finale a decretarne successo o insuccesso, sulla base di un reale beneficio che potrà o non potrà ricevere.

A società come la nostra (ed alla capacità di Google di migliorare via via il prototipo) il compito di creare applicazioni davvero utili…e in ogni caso, una sfida emozionante!

 

Grazie a Valerio per il suo tempo e lo aspettiamo al Droidcon.

E’ possibile leggere la biografia di tutti gli speaker su questa pagina.

 

 

Hackaton

Il giorno dopo la chiusura del Droidcon (8 e 9 Febbraio), inizierà il contest principe per gli sviluppatori : l’hackathon, che si svolgerà al Talent Garden di Torino in via Allioni 3, Torino.

L’hackathon avrà inizio alle ore 10:00 di sabato 8 febbraio e terminerà alle ore 16:00 di domenica 9 febbraio 2013 e si svolgerà presso il TAG – Talent Garden.

Ai partecipanti sarà richiesto di presentarsi dalle ore 9:30 per la registrazione, la premiazione finale avverrà alle ore 17:00 circa di domenica 9 febbraio.

Gruppi di sviluppatori/hacker si sfideranno a colpi di codice nativo, utilizzando API fornite dagli sponsor o usando hardware che verrà indicato il giorno stesso dell’evento.

Al termine i partecipanti illustreranno i risultati che saranno valutati da una giuria, premiando i più meritevoli.

L’hackathon è gratuita e chiunque può partecipare e dimostrare di essere il migliore!

Il regolamento completo è disponibile a questo indirizzo.

 

 

Biglietti per Droidcon

Gli interessati al Droidcon possono acquistare i biglietti online su Evenbrite.

 

Vi aspettiamo al Droidcon, 6 e 7 Febbraio 2014 e all’Hackathon l’8 e il 9 Febbraio 2014!

 

 

DroidCon Italy è un evento Supported by Lega Nerd.
itomi

Antonio Moro a.k.a. itomi

Fondatore e capo redattore di Lega Nerd. Scrivo editoriali e recensioni su tecnologia, innovazione e pop culture. Mi occupo di UI/UX e direzione creativa, soprattutto su progetti web e gaming. Faccio cose e conosco gente su internet dal 1996. Più info su antoniomoro.com e itomicreative.com
Aree Tematiche
AndroidLand Eventi Mobile Opensource Programmazione
Tag
mercoledì 5 febbraio 2014 - 17:20
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd