Gli e-reader Kobo arrivano ufficialmente in Italia grazie a Mondadori
2

Finalmente, dopo mesi di attesa e grazie alla partnership con Mondadori, sbarca ufficialmente in Italia la linea di e-reader Kobo.
C’era bisogno di un altro e-reader, direte voi, dopo che Amazon ha praticamente monopolizzato il mercato italiano da quando ha lanciato il Kindle? Sì, dico io, c’era bisogno di una vera alternativa, visto che bene o male gli altri e-reader presenti sul mercato hanno caratteristiche inferiori al Kindle ma soprattutto prezzi molto più alti.

Ho un Kobo dallo scorso Natale; ne ho scoperto l’esistenza per caso grazie a un amico che si è trasferito in Canada (Kobo è il principale concorrente di Amazon in terra canadese) e me l’ha fatto avere al posto del Kindle Touch.
Nel frattempo Kobo è stata acquistata dal colosso nipponico Rakuten, che possioede anche Play.com.
Devo dire che è stato, probabilmente, il mio acquisto più azzeccato quest’anno e continuo a consigliarlo a tutti quelli che vogliono addentrarsi nel mondo degli e-reader.

Ora, qua su :ln: il Kindle è stato sviscerato dall'ottima recensione di Itomi; premesso che il form factor e il display sono gli stessi dell’e-reader targeto Amazon, ma in un confronto tra i due device quali sono le caratteristiche che dovrebbero far pendere la bilancia dalla parte del Kobo?
Innanzitutto il fatto che utilizza un formato aperto come l’epub (oltre a pdf e mobi), così da non essere costretto a dipendere solo ed esclusivamente dal suo store online, ma permettendoti di acquistare libri con facilità un po’ dove vuoi, senza dover ricorrere a Calibre per la conversione. Comunque, la partnership tra Kobo e Mondadori dovrebbe garantire un’ampia scelta di titoli disponibili sullo store ufficiale del dispositivo.
In secondo luogo, la memoria del Kobo è espandibile fino a 32gb tramite microsd. Il che, se si leggono molti fumetti oltre ai libri, è dannatamente comodo, se non addirittura indispensabile.
Per ultimo, anche se la cosa è assolutamente soggettiva, ci metto il fattore estetico: secondo me il Kobo è semplicemente più bello, oltre ad essere disponibile in vari colori per tutti i gusti.
Di contro, l’unica caratteristica che manca (e che invece sul Kindle è presente) è la possibilità di caricare dizionari personalizzati, ma non è una feature che considero fondamentale, e si tratterebbe comunque di una lacuna colmabile tramite aggiornamento software.

Tutte queste mie considerazioni si riferiscono al Kobo Touch, che sullo store Mondadori viene venduto a 99 euro; oltre al Touch sono disponibili anche il Mini con display da 5″ (79 euro) e il Glo con display retroiiluminato da 6″ (129 euro).
Tutti gli e-reader Kobo hanno lo schermo touch e la connessione wi-fi.

Sito ufficiale

Aree Tematiche
Acquisti eReaders Libri Recensioni Tecnologie
Tag
mercoledì 3 ottobre 2012 - 10:33
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd