The Amazing Spiderman: Impressioni a caldo di un vecchio fan

Sto scrivendo questa recensione pochi minuti dopo l’uscita dal cinema e sono ancora nel dubbio se inserirla all’interno della mia rubrica dei film horro trash visto il risultato finale.

Per carità, si sa che accettare l’arduo incarico di donar nuova linfa ad un eroe per il tramite di un assurdo reboot puramente commerciale è sinonimo di coraggio, ma il dubbio che mi pervade in questo momento è che il buon Marc Webb (scelto probabilmente per lo più per il suo cognome che per le doti di regista) abbia toppato.

The amazing Spiderman non è per niente amazing, anzi.
The amazing Spiderman non è per niente amazing, anzi. Chi come il sottoscritto ha visto al cinema tutte le gesta di Peter-Maguire-Parker probabilmente rimpiangerà il suo sguardo simil ebete che per tutte e tre le pellicole dirette da Raimi ha accompagnato lo spettatore, sempre più ansioso di vedere il costume da arrampicamuri sfrecciare tra i grattacieli di Manhattan.

Bene o male la nuova pellicola dedicata a Spiderman non è inguardabile, in particolare la prima parte cerca di dare maggiore profondità ad alcuni personaggi che nella precedente trilogia non avevano avuto il giusto spazio.

Mi riferisco in particolar modo a Zio Ben (Martin Sheen che torna in un film di supereroi probabilmente per espiare la colpa di aver partecipato al cast di Spawn) e Zia May che finalmente non sono rispettivamente relagati al ruolo di rapido dispensatore di banalissimi proverbi sul punto di morte e ad anziana spaccaballe.

Qui gli zii Parker hanno un ruolo piuttosto attivo durante la genesi dell’alterego aracnideo, peccato però che il tutto vada sfumando da metà film in poi.

Chi promette bene sin dall’inizio, per poi deludere a causa di un pessimo plot, è il buon Peter Parker che, inaspettatamente, risulta ben interpretato da Andrew Garfield. Intendiamoci, siamo lontani anni luce dall’idea del fumetto originario, e mi spiace molto che quel briciolo di spirito da reporte che Raimi era stato in grado di affibbiare al peronaggio qui si sia perso sin dal principio.

Tornando a Garfield posso solo dire che la recitazione è sempre credibile, mai troppo macchietta (difetto che invece ho riscontrato in quella del suo predecessore Maguire) e il personaggio, sotto il profilo puramente estetico, funziona.

Altro punto a favore è la fisicità dell’attore, davvero perfetto nella sua incredibile magrezza per vestire i panni dell’arrampicamuri.

Complice un’attentissima ricerca da parte della regia, in più di un’occasione si riconoscono nelle gesta di Garfield pose degne di numerose copertine di Ultimate Spiderman, e il risultato non può che essere gradito dai fan della serie.

E allora cosa non funzione in questa nuova incarnazione del più celebre eroe Marvel?

Molti comprimari davvero non riescono a rendere il ruolo a cui sono stati relegati.
Beh, innanzitutto molti comprimari davvero non riescono a rendere il ruolo a cui sono stati relegati. Mi riferisco in primis a Lizard che, diversamente da Parker, è davvero una macchietta. Peccato perchè in fin dei conti è interpretato da un attore più che discreto che, se non fosse stato doppiato da un impostatissimo Pino Insegno (grazie @il Biù) avrebbe potuto regalare un pelo di umanità in più al suo personaggio.

Già perché fin tanto che non è ricoperto di squame, il dottor Connors attinge qua e là dai ruoli precedentemente già visti nelle pellicole di Raimi. Quando ragiona ricorda il dotto Octavius, quando sclera pare Norman Osborn e infine, al termine della mutazione se ne esce fuori con un personaggio piattissimo.

Se poi guardiamo al lato puramente estetico mi permetto di dire che personalmente non ho apprezzato molto il restyiling del personaggio che ha subito un’eccessiva umanizzazione dei tratti (forse per renderlo più credibile rispetto alla controparte cartacea) perdendo però il 90% del fascino (scordiamoci di vedere un uomo lucertola, questo somiglia più agli alieni di Signs).

Emma Stone nell’interpretare Gwen Stacy non spicca.
Altro grande ruolo sprecato è quello affidato ad Emma Stone, solitamente molto brava, ma che nell’interpretare Gwen Stacy non spicca. Nel vederla si rimpiange la verve e la grinta che ha saputo mostrare in film come The Rocker o Zombieland, qui invece sembra costretta nel suo ruolo risultando alla fine poco adatta (seppur splendida).

Mi sorge anche la più che spontanea domanda su chi abbia curato i costumi dei protagonisti perchè tutti, ma proprio tutti, paiono vestire abiti in liena coi tempi (Parker è perfino un po’ emo) mentre Gwen Stacy sembra uscita da una puntata di Happy Days….mah!

La trama è davvero mal costruita.
In ultimo, a far davvero crollare sul finale la pellicola è la trama, davvero mal costruita perchè, dopo un interessante “nuovo inizio” l’eroe non fa altro che affossarsi nella ricerca di un mostro dalla psicologia scontata (per quel poco che viene mostrato) il cui unico scopo non pare essere quello di realizzare chissà quale malvagio piano, bensì quello di suggerire al regista le inquadrature più assurde per impiegare al meglio la tecnologia 3D.

Su quest’ultimo punto mi esprimo ma chi legge tenga conto che il sottoscritto, a causa di un pesante difetto di vista che affligge la maggior parte dei Nerd soffre di ipermetropia e trova alquanto complicata la visione steroscopica.

Ciò nonstante si apprezzano alcune scene, per lo più perchè ricalcano appieno le vignette dei comics, mentre dopo le prime tre inquadrature in soggettiva ci si stufa e ci si chiede se i seggiolini del cinema prima o poi inizieranno a muoversi in sincrono con le immagini visto che l’effetto ricorda molto il cinema dinamico di Gardaland.

Personalmente, nonostante le numerose critiche espresse nei vari blog, non ho trovato mal realizzato il costume, diverso sì, con le scarpine comprate al footlocker, ma tutto sommato adatto all’atmosfera futuristica che, fatta eccezione per il personaggio di Gwen Stacy, il regista ha dato al suo lavoro. Ho poi apprezzato infinitamente il ritorno al lanciaragnatele, esamotage che, oltre a rendere il personaggio più fedele al fumetto, permetta anche di dare un paio di spunti in più alla trama.

In definitia queste sono le impressioni di un grande fan del fumetto, quello che in Italia è arrivato per il tramite della casa editrice Corno (!) giusto per capire l’età di chi scrive.

Sono convinto che i ragazzini impazziranno dietro all’ennesimo blockbuster ma i fan di Raimi e del fumetto, tanto l’originale quanto l’ultimate, difficilmente apprezzeranno il lavoro fatto da Webb e soci.

Attendo le vostre flammate nerdaioli!

Pubblicato in contemporanea su schermosplendente

The Amazing Spiderman su Lega Nerd

Ye Olde Squitty

Alessandro Mercatelli a.k.a. Ye Olde Squitty

giornalista prestato al mondo della legge ma rapito dall'universo cinematografico
Aree Tematiche
Cinema Creatività Entertainment Fumetti
Tag
giovedì 5 luglio 2012 - 12:35
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd