House of Lies #LegaNerd

House of Lies è una serie tv creata da Matthew Carnaham e prodotta da Showtime.

La prima stagione ha debuttato l’8 Gennaio di quest’anno e si è conclusa dopo 12 episodi il 25 Marzo scorso.

La trama citando Wikipedia è questa:

“La serie è incentrata su una particolare azienda di servizi operante nel settore del management consulting, ovvero quel settore professionale che offre ad imprese o altro tipo di associazioni consulenze gestionali, aiutando a migliorare le proprie prestazioni attraverso l’analisi dei problemi organizzativi e la formulazioni di piani di ottimizzazione. Lo staff della compagnia è guidato dallo spietato Marty Kaan, che non si fa scrupoli a ricorrere a qualsiasi mezzo pur di soddisfare i propri clienti. Ad assisterlo è la scaltra Jeannie Van Der Hooven, neo-laureata presso la Brown University. Fanno parte del suo team anche Clyde Oberholt e Doug Guggenheim.”

Detto così capisco che possa sembrare decisamente poco interessante seguire una serie incentrata sul lavoro del consulente gestionale. In realtà c’è molto di più.

Marty Kaan è un arrivista, spietato, egoista e bastardo che farebbe qualsiasi cosa pur di riuscire ad ottenere ciò che vuole sia in ambito professionale che privato. Questo suo egoismo spesso gli permette di ottenere ciò che vuole ma sempre con conseguenze più o meno gravi che si riflettono pesantemente sia su di lui che su chi gli sta intorno.

Tutto ciò è aggravato da una vita privata nelle quale deve fare i conti con una ex-moglie arrivista, spietata come lui, nonché dipendente dal sesso, che gli è anche rivale sul lavoro essendo a capo dell’altra più grande azienda di consulenze del paese. I due hanno anche un figlio in piena pubertà che non ha ancora ben chiare le sue tendenze sessuali.

Sul lavoro non va certo meglio, la società per cui lavora la “Galweather-Stearn” è un covo di giochi di potere e denaro che verrà pesantemente scosso nel corso della serie proprio per colpa sua.

Mi sono avvicinato a queste serie per caso, grazie alla pagina facebook di Kristen Bell, che nella serie interpreta Jeannie, ma devo dire che ne sono stato piacevolmente sorpreso e puntata dopo puntata sempre più rapito.

La scrittura è davvero ottima, e c’è anche una particolare scelta di regia che mi è piaciuta molto. Il protagonista spesso per spiegare cosa sta succedendo in una scena o svelare retroscena del lavoro manda in stand by tutti gli altri e si muove in mezzo a loro rivolgendosi direttamente allo spettatore, scelta che ho trovato geniale e particolarmente azzeccata per l’argomento della serie.

Il protagonista Don Cheadle è davvero bravo e Kristen Bell grandissima figliola, non è da meno. Gli altri personaggi sono caratterizzati abbastanza bene e fanno il loro dovere. Nel cast c’è anche qualche faccia nota.

Insomma in conclusione è una serie che mi sento di consigliare caldamente a tutti. Certo vi deve interessare un minimo l’argomento ma vi assicuro che il management consulting passa decisamente in secondo piano in favore di dei tre capisaldi che sono i veri protagonisti della serie:

Potere, sesso e denaro.

House of Lies

[LN series] – LN Series è una rubrica che recensisce per LN i migliori telefilm del presente e del passato.

Aree Tematiche
Televisione
Tag
martedì 24 aprile 2012 - 11:56
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd